Latina

48 detenuti dopo un violento sgombero a Pascua Lama

28 gennaio 2007
OLCA

Cile, giovedi' 25 gennaio 2007
Comunicazioni OLCA [Osservatorio Latinoamericano dei Conflitti Ambientali]

Piu' di 80 persone bloccavano pacificamente la strada dalla notte di lunedi' 22 gennaio presso la localita' di Chollay y Conay, comune di Alto del Carmen. Lo scopo dell'azione era quello di non permettere l'ingresso a camion e veicoli delle industrie minerarie che operano nella zona, soprattutto quelli della miniera Barrick Gold, responsabile del progetto Pascua Lama. Quest'occupazione mandava indietro tutti i veicoli ad uso minerario, dato che questa zona non presenta vie d'accesso adatte ai macchinari pesanti, situazione evidenziata da Conama [Commissione Nazionale dell'Ambiente] che ha prioibito questo tipo di trasporti ma che non attua alcun tipo di fiscalizzazione.

Mentre quest'azione si sviluppava in modo assolutamente pacifico, alle 11 del mattino del 25 gennaio sono arrivate le forze speciali dei Carabinieri, mandate da Vallenar, ad allontanare le persone che partecipavano al presidio della strada - operazione compiuta in maniera violenta, con pestaggi e scontri. 48 persone sono state trattenute (cittadini cileni, spagnoli, francesi ed argentini), alcune sono state arrestate (fra queste il consigliere comunale Luis Faura), risparmiando solo i bambini e gli anziani della zona.

I detenuti sono stati trasferiti con 4 camionette, un furgone, un bus dei Carabinieri e un bus di linea a Vallenar, dove sono stati portati all'ospedale per verificare le lesioni e infine al terzo commissariato della citta'. In seguito verranno sottoposti all'udienza di controllo della detenzione, di fronte al giudice supervisore, momento in cui si conosceranno le imputazioni per le quali sono stati arrestati.

Le organizzazioni hanno dichiarato che tali azioni continueranno ad essere portate avanti in futuro, fino a quando persistera' la minaccia mineraria nella Valle del Huasco.

Note: Tradotto da Silvia Corbatto per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche
    Latina
    I paramilitari attaccano i municipi occupati dai comuneros con metodi da Ku Klux Klan

    Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche

    Preoccupano le condizioni di salute dei prigionieri politici mapuche in sciopero della fame
    5 agosto 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)