Latina

2008: anno dell’educazione in Cile?

Riprendono le manifestazioni e le occupazioni dei liceali cileni... ma allora dopo due anni cos'è cambiato?
30 maggio 2008

Sono passati due anni, sono caduti alcuni ministri, un nuovo progetto di legge è stato presentato dal governo ma riposa tranquillamente in parlamento, in attesa della sua approvazione. Il vecchio generale è morto, dalle casse dello stato qualche peso è uscito… tuttavia gli studenti ed i loro professori continuano a manifestare. Ma allora cos’è cambiato?
La modifica della “Legge Organica Costituzionale d’Insegnamento” è stata al centro del programma che mobilitò agli studenti a partire del maggio del 2006: l’oggetto di quelle manifestazioni era porre fine al sistema mercantilista che si stabilito in Cile in ambito educativo. Migliaia di scuole occupate, i genitori che portano da mangiare ai figli che stanno occupando, l’appoggio dei professori e degli studenti universitari.
Nel bel mezzo della crisi la presidente Bachelet dovette riconoscere che gli studenti avevano spostato lo sguardo di tutta la società verso l’educazione ed il suo futuro e cominciò a promettere cambi nel breve e lungo periodo. Così i “pinguini” (così vengono chiamati gli studenti delle secondarie, per via delle uniformi) ottennero considerevoli concessioni sul campo economico ma non la gratuità dei mezzi di trasporto per gli studenti della scuola dell’obbligo.
Nel corso del 2007 la forza del movimento diminuì e gli studenti tornarono a svolgere il ruolo di attori secondari. Anche grazie a mezzi di comunicazione, i partiti riconquistarono la scena ed il governo, con la presentazione del nuovo progetto di legge, il ruolo di protagonista. E così c’è tempo addirittura per un patto con l’opposizione, completamente sparita dai giochi durante la rivolta studentesca, ma pronta a tornare in scena per difendere la “libertà d’insegnamento” sul “diritto ad un’educazione di qualità”.
Con il nuovo patto non si toccano né il Tempo Pieno né la Decentralizzazione, entrambi disastrosi e che non hanno fatto altro che mettere in evidenza le debolezze del sistema educativo cileno e la sua enorme disuguaglianza. Ma veramente, come affermò la Bachelet il 2008 sarà l’anno dell’educazione in Cile? Le manifestazione e gli arresti sembrano seguire lo stesso copione di due anni fa.
Ma allora cosa ha cambiato, o cosa cambierà? Poco o niente per la maggior parte degli addetti ai lavori, che in questo caso sono soprattutto gli studenti ed i professori.
Il 21 maggio è il tanto atteso giorno del discorso presidenziale: la Bachelet ricordo tutti gli sforzi iniziati l’anno scorso per migliorare il sistema educativo nazionale, ma dal tetto del liceo A-45 di Lota, sarcasticamente chiamato “il liceo acquatico”, ancora in questi freddi giorni dell’inverno australe continuano a cadere i goccioloni… sarà un’altra volta la goccia che farà traboccare il bicchiere? La Presidente sottolinea soprattutto l’importanza dell’educazione superiore ma poco accenna alle sfide dell’educazione secondaria e solo si riferisce all’accordo parlamentare che, a quanto pare, si raggiungerà senza problemi. Ma dove sono finiti gli studenti? Dov’è finita la sua attenzione verso il futuro del paese? 2500 borse di studio nel 2009 per studi superiori non sono certo la risposta ai problemi di fondo del sistema educativo del paese. Cos’è cambiato?
Nel 2005 la campagna della Bachelet si basò sul concetto di “governo dei cittadini”: gli studenti la presero sul serio e scesero in piazza. Nel giugno del 2006 percorrevo l’Alameda, l’arteria principale di Santiago, molti striscioni e slogan, il più utilizzato: “Bachelet, stai dalla mia parte?”. Non posso dimenticare lo slogan della campagna elettorale: “Sto dalla tua parte!”.
Ok, ma di chi?

Articoli correlati

  • Pace e Illuminismo
    Pace
    Uno spaccato illuminista sulla pace

    Pace e Illuminismo

    La nostra matrice laica, basata sulla valorizzazione dell’ideale assoluto della pace, sulla critica delle religioni e del potere clericale e del Vaticano è alla base della nostra origine e radice illuminista
    12 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Alife, distrutto il Giardino della Pace
    Sociale
    Giardino della Pace di Alife: distrutte targhe e rubati faretti solari

    Alife, distrutto il Giardino della Pace

    "Queste persone dovrebbero solo vergognarsi" afferma il sindaco Maria Luisa Di Tommaso. Ferme condanne di padre Alex Zanotelli, di Libera contro le mafie, della rete Pangea e del Professor Sergio Vellante e del vescovo emerito di Caserta Raffaele Nogaro
    4 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Prevenire la guerra
    Pace
    Lo scopo del movimento pacifista fu sempre quello di prevenire la guerra

    Prevenire la guerra

    Qualche anno dopo l’avvento di Hitler, la maggioranza della sinistra continua a credere che la pace possa essere mantenuta soprattutto attraverso le politiche di sicurezza collettiva e del disarmo, fino alla regolazione internazionale delle controversie
    5 settembre 2021 - Laura Tussi
  • I percorsi delle storie di vita
    Laboratorio di scrittura
    Lo sguardo dell’autobiografia

    I percorsi delle storie di vita

    L’autoriflessione biografica è una modalità di apprendimento che permette di riscoprire se stessi tramite l’analisi di aspetti dell’esperienza troppo spesso relegati all’oblio
    1 settembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)