Latina

Nicaragua riconosce indipendenza di Ossezia del Sud ed Abcasia

A fianco della Russia e del processo di pace
4 settembre 2008
Giorgio Trucchi

Il presidente Ortega durante il suo annuncio (© Foto EFE)

Il presidente del Nicaragua, Daniel Ortega, ha annunciato che il Nicaragua riconosce l'indipendenza dell'Ossezia del Sud e dell'Abcasia (ascolta audio originale su www.itanica.org ), schierandosi con la posizione del governo russo e sostenendo la proposta di un processo di pacificazione nella regione.

Nonostante le organizzazioni internazionali, come ONU, OSCE e Consiglio d'Europa, riconoscano le due regioni come parte della Georgia, Ossezia e Abcasia si sono autoproclamate come Stati sovrani e lo scorso 26 agosto il Cremlino ha adottato un decreto di riconoscimento della loro indipendenza. Il conflitto armato scoppiato nel mese di agosto tra la Georgia e le due regioni ha visto l'intervento diretto della Russia a fianco di queste ultime.

È in questo contesto di difficile negoziazione per arrivare ad una conferenza di pace che si collocano le improvvise dichiarazioni del presidente nicaraguense.
Approfittando del suo intervento durante le celebrazioni del XXIX anniversario delle Forze Armate nicaraguensi, Daniel Ortega ha detto che "dobbiamo proteggere la pace che viene minacciata dalle politiche egemoniche delle grandi potenze che si sono scatenate dopo la scomparsa dell'Unione Sovietica. Queste politiche si sono date il compito di promuovere la rottura di nazioni che si erano unite dopo tanti sforzi, come è successo con la Yugoslavia, dove hanno promosso i processi d'indipendenza. Ma questi processi vengono sostenuti solo dove gli interessa, con l'obiettivo di avanzare in un processo di minaccia alla pace mondiale, caratterizzato dal tentativo di assediare la Repubblica Russa. Esiste quindi un piano - ha continuato Ortega - in cui non si accontentano di spendere migliaia di milioni nelle guerre di Irak e Afghanistan, ma si stanno dedicando anche ad investire somme enormi di denaro per mezzo della NATO e quindi di quei paesi interessati ad accerchiare militarmente la Russia".

Secondo il presidente nicaraguense è questa la lettura da dare alla situazione che si è creata in Ossezia del Sud ed Abcasia.
"Quando esisteva l'Unione Sovietica erano due repubbliche che facevano parte di questo blocco, ma con la sua disintegrazione le politiche egemoniche stanno utilizzando il potere del governo della Georgia, e non il popolo georgiano, e la forza del suo esercito per occupare le due repubbliche. E lo hanno fatto nonostante le popolazioni di queste due repubbliche avessero deciso di proclamarsi indipendenti. Hanno quindi lanciato un'azione militare che ha significato la morte e la fuga di migliaia di persone, ma di questo non parlano i mezzi di comunicazione dominati dal capitalismo globale e dalle potenze egemoniche".

Secondo Ortega "alla Russia non è quindi rimasta nessuna altra possibilità che quella di spostare le sue forze per garantire la volontà delle popolazioni di queste due repubbliche. Questa notte - ha concluso Ortega - voglio informare che il governo del Nicaragua riconosce l'indipendenza delle repubbliche di Ossezia del Sud e dell'Abcasia e coincidiamo totalmente con la posizione del governo russo di cercare, attraverso il dialogo con i paesi europei, di porre fine al conflitto che ha incendiato la zona".

La Lista Informativa "Nicaragua y más" ha cercato di intervistare il viceministro degli Esteri, Manuel Coronel Kautz, per conoscere la posizione ufficiale del governo.
"Noi siamo amici della Russia e se dovessimo votare su questo tema voteremmo a favore", ha detto brevemente il viceministro.

© (Testo Giorgio Trucchi - Lista Informativa "Nicaragua y más" di Associazione Italia-Nicaragua - www.itanica.org )

Articoli correlati

  • America Latina: Rivolte popolari e fake news
    Latina

    America Latina: Rivolte popolari e fake news

    Destabilizzando processi
    31 ottobre 2019 - Giorgio Trucchi
  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico
    Disarmo
    Misterioso incidente in Russia

    La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico

    Un'esplosione vicino a un sito di test di missili nucleari balistici nel Mar Bianco, con rilascio di radiazioni nell'ambiente, apre inquietanti interrogativi sulle crescenti attività di riarmo nucleare e sulla parallela corsa ad appropriarsi dell'Artico
    30 agosto 2019 - Francesco Iannuzzelli
  • Nicaragua, dollari e bugie
    Latina

    Nicaragua, dollari e bugie

    Le menzogne hanno le gambe corte
    29 luglio 2019 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.31 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)