Latina

E in Cile il governo ordina la detenzione per i torturatori di Víctor Jara

Argentina: ergastolo a Videla e Menéndez

Il "juicio y castigo" diventa realtà

24 dicembre 2010
David Lifodi

Prima dell'11 Settembre 1973 Víctor Jara probabilmente era stato allo stadio di Santiago del Cile per uno dei suoi tanti concerti a sfondo sociale: di certo non immaginava che ci sarebbe tornato prigioniero degli aguzzini di Pinochet spinto a forza con il calcio del fucile insieme a migliaia di oppositori. Probabilmente ad ascoltarlo durante i suoi concerti c'era la maggior parte di quella generazione che poi sarebbe passata dai centri di detenzione clandestini del Cono Sur dell'America Latina, in particolare Argentina e Cile: certo quei giovani non pensavano che di lì a poco tempo avrebbero subìto torture atroci. E nemmeno i peggiori della storia, dai militari della Dina cilena (polizia segreta) ai generali Videla e Menéndez, con la loro arroganza, il loro disprezzo per la cultura in quanto sinonimo di impegno sociale e la sicurezza di farla franca, credevano che un giorno sarebbero stati condannati.

Invece è successo. Quasi contemporaneamente Videla e Menéndez hanno dovuto accettare l'ergastolo, mentre per i quattro ufficiali che uccisero materialmente Víctor Jara il governo cileno ha ordinato la detenzione. Tutto ciò è stato possibile grazie alle testimonianze di alcune persone fatte anche loro prigioniere all'interno dello stadio di Santiago nei giorni immediatamente successivi al golpe di Pinochet. Osiel Nuñez, dirigente di un'organizzazione studentesca, ha ricordato a Telesur che Jara fu picchiato e torturato brutalmente dalla polizia e separato immediatamente dal resto degli ostaggi. Icona della musica di protesta latinoamericana, Víctor Jara fu ucciso il 16 Settembre 1973, cinque giorni dopo il colpo di stato: il suo corpo era stato ridotto ad un'enorme piaga e, non contenti, i torturatori gli spezzarono anche le mani. "Dovevamo farlo", è stata la giustificazione dei militari cileni e argentini nelle innumerevoli cause intentate contro di loro, "per salvare il paese dal comunismo". Di fronte alle accuse per le oltre tremila vittime del regime di Pinochet e i trentamila desaparecidos argentini hanno continuato a ripetere questa stessa frase come un disco rotto. Lo ha fatto di nuovo Videla, all'età di 85 anni, di fronte al giudice all'interno del Tribunal Oral 1 di Cordoba. Ancora una volta, nessun pentimento e nessuna scusa. Per loro la condanna alla cadena perpetua, l'ergastolo, da scontare in un carcere comune, è un affronto così insopportabile che subito Menéndez ha tentato una via di fuga: dovrà essere sottoposto ad una perizia medica che stabilirà se le sue condizioni di salute sono compatibili con il carcere comune oppure se riuscirà a vivere il resto della sua esistenza in una cella dorata con tutti i comfort. Il quotidiano argentino Página 12 ha scritto che nel momento in cui è stata letta la sentenza, terroristi di stato e torturatori come Menéndez e Videla hanno perso per sempre la loro migliore compagna, l'impunità. Il processo nei loro confronti era cominciato lo scorso 2 luglio, ma già negli anni precedenti Menéndez aveva ricevuto una condanna per le responsabilità nel centro di detenzione clandestino di Cordoba, La Perla. La sentenza di ieri è invece riferita alla fucilazione di trentuno prigionieri politici sequestrati presso l'Unidad Penitenciaria San Martín, sempre a Cordoba. Si sono rese necessarie 63 udienze, 110 testimoni e 34 anni di attesa, ma alla fine i due gerarchi (ed altri 21 poliziotti) sono stati riconosciuti come colpevoli. Alla lettura della sentenza di condanna molti ex-prigionieri si sono abbracciati per la gioia, mentre le organizzazioni sociali hanno cominciato a fare festa nei dintorni del tribunale.

Resta però un po' di amarezza per le sette, inspiegabili, assoluzioni. Le cronache di Página 12 raccontano infatti che tra coloro che l'hanno fatta franca c'è Osvaldo César Quiroga, veterano delle Malvinas che, durante il trasferimento di alcuni prigionieri da un'unità penitenziaria all'altra, fucilò a sangue freddo quattro detenuti bendati e ammanettati. Questo significa che la strada da percorrere è ancora lunga, ma il "juicio y castigo" invocato più volte dai familiari degli scomparsi comincia, pian piano, a diventare realtà. 

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile
    Latina
    Carabineros e Patria y Libertad dietro alla morte dei due italiani durante il golpe ad Allende

    Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile

    Estradizione per Rafael Francisco Ahumada Valderrama, Manuel Vasquez Chahuan e Orlando Moreno Basquez, tre militari della dittatura pinochettista. Sono accusati dalla Procura di Roma di essere i responsabili della morte di Montiglio e Venturelli, di origine italiana
    25 agosto 2021 - David Lifodi
  • Plan Condor: condannati all’ergastolo 14 militari latinoamericani
    Latina
    Lo scorso 9 luglio è giunta la conferma della Corte di Cassazione

    Plan Condor: condannati all’ergastolo 14 militari latinoamericani

    Tra i torturatori coinvolti nell’omicidio dei desaparecidos italiani anche l’ex fuciliere della Marina uruguayana Jorge Nestor Troccoli
    18 luglio 2021 - David Lifodi
  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)