Latina

I carabineros reprimono le proteste del movimento studentesco

Cile: studenti in piazza per un’istruzione pubblica, gratuita e di qualità

Il presidente Piñera scivola al 26% di consensi
7 agosto 2011
David Lifodi

Non siamo nel 1973, ma nell’Agosto 2011, eppure per le strade di Santiago del Cile tornano i carabineros, insieme all’utilizzo dei lacrimogeni e degli idranti. Il loro compito è quello di disperdere le proteste degli studenti, protrattesi da quasi due mesi nella capitale e in tutto il paese.

Il movimento studentesco cileno, organizzato nell’Asamblea Coordinadora de Estudiantes Secundarios (Aces – si tratta degli studenti delle scuole superiori) e nella Confederación de Estudiantes Chilenos, composta dagli universitari, è tornato in piazza per chiedere un’istruzione pubblica, gratuita e di qualità. Lo ha fatto consegnando un dettagliato documento al ministro dell’Istruzione Felipe Bulnes, in cui gli studenti delineavano un vero e proprio progetto di reforma educacional. Il governo ha preso tempo, infine ha risposto con un piano di 21 punti che però ha lasciato fortemente insoddisfatto il mondo della scuola e dell’università, non solo gli studenti, ma anche i professori, che sono scesi insieme in piazza. Le proteste studentesche in Cile vanno avanti almeno dal 2006, quando l’allora appena insediata presidenta Michelle Bachelet dovette fronteggiare un’imponente mobilitazione contro la la Loce, la Ley Organica Costitucional y Enseñanza,  emanata da Pinochet il 10 Marzo 1990, l’ultimo giorno prima che lasciasse la Moneda. Il movimento dei penguinos (gli studenti medi così denominati per via delle loro divise) chiedeva sia la gratuità dei trasporti pubblici per la popolazione studentesca sia la gratuità delle prove d’accesso all’università. Nonostante fosse al governo la Concertación, la coalizione di centrosinistra che ha governato per venti anni il paese prima del recente successo elettorale di Piñera, la repressione non si fece attendere. In questi giorni però la risposta della destra al governo è stata ancora più dura. Si parla di varie centinaia di studenti fermati e detenuti in seguito a due manifestazioni che il governo ha cercato di non autorizzare in qualsiasi modo. Alla prima, indetta dagli studenti delle superiori, i carabineros hanno rispolverato i metodi che utilizzavano negli anni ’70: tra i feriti ci sono anche molti minorenni, travolti dalla polizia che avuto l’ordine di sgomberare con la forza le scuole occupate. La Moneda ha difeso l’uso della forza dei carabineros, ritenendolo proporzionato al livello di scontro di piazza, ed ha elogiato il loro comportamento “professionale”. Nel frattempo è stato impedito agli studenti di utilizzare i mezzi del trasporto pubblico ed è stato rispolverato uno dei più odiosi decreti di Pinochet, secondo il quale i carabineros hanno la facoltà di fermare o sciogliere gruppi formati da non più di cinque persone. Anche la manifestazione indetta dagli universitari si è scontrata con l’intransigenza della polizia e si è conclusa con centinaia di arresti.

Un risultato, però, gli studenti lo hanno già raggiunto: il presidente Piñera (proveniente dalla destra pinochettista) è scivolato al 26% di consensi, la percentuale più bassa da quando è stato eletto, mentre gli abitanti del centro di Santiago del Cile (ma anche di altre città del paese) hanno dato vita a dei partecipati cacerolazos di protesta in solidarietà con il movimento studentesco.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile
    Latina
    Carabineros e Patria y Libertad dietro alla morte dei due italiani durante il golpe ad Allende

    Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile

    Estradizione per Rafael Francisco Ahumada Valderrama, Manuel Vasquez Chahuan e Orlando Moreno Basquez, tre militari della dittatura pinochettista. Sono accusati dalla Procura di Roma di essere i responsabili della morte di Montiglio e Venturelli, di origine italiana
    25 agosto 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)