Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
  • Una buona notizia
    Raccontala ai parlamentari che conoscete e chi sa che non si formi una maggioranza capace di far decidere il futuro governo a “disubbidire” agli ordini dell’imperatore americano

    Una buona notizia

    Un altro paese, il Venezuela, ha depositato alle Nazioni Unite lo strumento di ratifica del Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari che vieta la produzione, il possesso, la presenza al proprio interno e il transito nel territorio di armi nucleari.
    31 marzo 2018 - Giorgio Nebbia
Venti stati su ventitre conquistati dai candidati chavisti

Venezuela: il Psuv a valanga alle elezioni regionali

L’opposizione si conferma a Miranda, ma perde altre roccaforti
18 dicembre 2012 - David Lifodi

Venti  stati al Partido Socialista Unido de Venezuela (Psuv) e solo tre all’opposizione: chi pensava che il tumore di Hugo Chávez avrebbe lasciato il movimento bolivariano senza un leader e, di conseguenza, senza un catalizzatore di voti nelle elezioni regionali del 16 dicembre scorso, è servito. Non solo il Psuv è riuscito a mantenere le sue roccaforti, ma ha anche strappato stati chiave alla Mesa de la Unidad Democrática (Mud).

Le gravi condizioni di salute del presidente venezuelano, che ancora non sa se potrà partecipare all’inaugurazione del suo nuovo mandato, il 10 gennaio prossimo, avevano contribuito a far crescere l’euforia sia tra le file dell’opposizione sia a livello internazionale. Addirittura, a pochi giorni dalle elezioni, Obama aveva criticato apertamente el proceso (così i chavisti amano chiamare il percorso intrapreso dalla rivoluzione bolivariana), tacciandolo di autoritarismo e repressione. La risposta migliore, ancora una volta, è arrivata dall’elettorato: la giornata delle votazioni si è svolta all’insegna della tranquillità, come ha tenuto a dichiarare la responsabile del Consejo Nacional Electoral Tibisay Lucena, ed il voto è stato appannaggio del Psuv, nonostante un’affluenza alle urne non particolarmente alta, il 53,4%. Lo stato petrolifero di Zulia, uno di quelli più in bilico, è andato al candidato chavista Francisco Arias Cárdenas con il 50,99% rispetto al 46,74% di Pablo Pérez, in corsa per la Mud. Anche a Táchira, Carabobo (il distretto industriale del paese) e Nueva Esparta, roccaforti dell’opposizione, i candidati bolivariani José Gregorio Vielma Mora, Francisco Ameliach e Carlos Mata Figueroa hanno vinto il confronto con una decina di punti percentuali sui loro rispettivi avversari. Soprattutto Carabobo e Zulia sono due tra gli stati con il maggior numero di elettori, per questo l’affermazione elettorale del Psuv assume ancora più valore: probabilmente il successo di Chávez nelle presidenziali del 7 ottobre ha spinto i candidati bolivariani in un territorio dove l’opposizione si è imposta in più di una circostanza. Per un soffio il Psuv ha mantenuto anche lo stato di Bolivar, dove il Partito Comunista ha preferito presentare un suo candidato e non ha appoggiato quello chavista: Francisco Rangel, è riuscito comunque a vincere con una percentuale di poco superiore all’1% sul suo competitor Andrés Velázquez. Dal canto suo, la Mud ha ricalcato la strategia già utilizzata proprio in occasione delle presidenziali. Enrique Capriles, dopo aver conteso Miraflores a Chávez,  alle regionali puntava alla riconferma nello stato di Miranda, tanto da riproporre lo slogan “Vota in basso e a sinistra”, già utilizzato alcuni mesi fa per accreditarsi come candidato  progressista moderato. Durante la campagna per le presidenziali aveva addirittura affermato di ispirarsi a Lula, che lo aveva gelato dichiarando tutto il suo appoggio a Chávez. E Miranda, un altro dei bastioni conservatori e antichavisti, si è confermato off-limits per il Psuv. Capriles ha ottenuto il 50,35% rispetto al 46,13% del candidato chavista Elías Jaua, che però è andato molto vicino ad espugnare lo stato. Del resto Jaua non è un candidato qualunque. Nel caso in cui gli eventi precipitino è su di lui e su Nicolas Maduro (attuale vicepresidente, ex autista degli autobus con un passato nel movimento sindacale), già designato alla successione, che Chávez punta per proseguire el proceso. Elías Jaua, di formazione marxista e fondatore del ministero dell’Economia popolare, ha avuto il merito di mantenere in bilico le sorti dello stato fino alla fine, come prevedevano i sondaggi. Oltre a Miranda, l’opposizione si è aggiudicata anche gli stati di Lara e Amazonas. In quest’ultimo, invece, ha destato sorpresa la netta sconfitta di Nicia Maldonado, ministro per i Popoli Indigeni, che si è fermata al 37,37% rispetto al 56,01% del candidato della Mud Liborio Guarulla. In generale, le regionali hanno sancito di nuovo un netto predominio del chavismo, un risultato importante che assicura stabilità politica ed economica di fronte ai tentativi destabilizzatori della destra. Inoltre, alcuni osservano che Maduro, se chiamato a governare, non abbia il carisma di Chávez e, per questo, l’ennesima batosta elettorale della destra potrebbe servire per scoraggiare eventuali azioni di forza nel caso in cui il presidente bolivariano non possa onorare il suo mandato per motivi di salute.

Archiviate le regionali, sulle quali non erano in molti a credere in un’affermazione così netta del Psuv, el proceso potrà proseguire sulla strada maestra.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)