Latina

Il 6 febbraio è stato decapitato Gustavo Delgado Salgado, dirigente del Frente Popular Revolucionario

Messico: nuovo crimine contro un leader sociale

La guerra di Stato e narcos contro le organizzazioni popolari
18 febbraio 2015
David Lifodi

internet La barbara esecuzione di Gustavo Delgado Salgado, il dirigente del Frente Popular Revolucionario (Fpr) trovato decapitato nel municipio di Ciudad Ayala (stato di Morelos) lo scorso 6 febbraio, rappresenta l’ennesimo episodio del degrado della vita sociale e politica in Messico. Per tutti coloro che infastidiscono i narcos, lo Stato, i terratenenties e le oligarchie si passa all’azione: eliminazione immediata e un attivista sociale in meno.

All’orrore, in Messico, non c’è fine: dopo lo scempio sui corpi dei normalistas di Ayotzinapa, quello sul dirigente del Frente Popular Revolucionario: lo hanno decapitato e gli hanno tagliato le mani, non prima di averlo torturato. Delgado Salgado non era solo un militante dell’Fpr, ma si preoccupava di organizzare contadini e movimenti sociali negli stati di Morelos, Guerrero e Oaxaca. L’Fpr, un’organizzazione guerrigliera che gode di una certa simpatia tra gli studenti delle escuelas rurales e nelle poverissime campagne del Guerrero, aveva appoggiato le lotte bracciantili contro i cacicchi locali proprio grazie al lavoro politico svolto da Delgado Salgado. Dall’arrivo a Los Pinos di Enrique Peña Nieto, sottolineano le organizzazioni sociali, la repressione nei confronti di leader e militanti impegnati a svolgere un ruolo di sensibilizzazione nelle campagne è cresciuto notevolmente. Lo stesso Frente Popular Revolucionario aveva espresso fin dall’inizio il suo appoggio ai familiari dei normalistas desaparecidos di Ayotzinapa, associandosi alle manifestazioni che, in tutto il paese, esigevano la aparición con vida degli studenti, l’insediamento di una commissione indipendente che facesse luce sul crimine dello scorso 26 settembre e indagasse sui legami tra il crimine organizzato e la politica. Fue el Estado e Fuera Peña sono state le parole d’ordine condivise anche da Gustavo Delgado Salgado, un altro caso su cui probabilmente la giustizia messicana non perderà neppure tempo ad indagare. Del resto, il procuratore Murillo Karam considera chiusa la vicenda di Ayotzinapa, e lo stesso fa il presidente Enrique Peña Nieto: si cerca un’uscita strategica dalla crisi nel tentativo di mettere a tacere il clamore che ancora suscita, a distanza di mesi,  la sparizione dei giovani normalistas. La verità ufficiale dice che la responsabilità del massacro di Ayotzinapa è stata opera di narcotrafficanti e poliziotti: poco meno di una novantina sono in carcere, quindi le indagini sono chiuse. E invece il caso dei normalistas è ben lontano dall’essere chiuso, non solo perché i loro familiari e la società civile insistono nel protestare (“Vivi li hanno presi e vivi li vogliamo”), ma anche perché dal prezioso lavoro di controinformazione è emerso che i poliziotti e i narcos responsabili di aver indicato nella discarica di Cocula il luogo dove sono stati torturati e bruciati gli studenti, presentano evidenti segni di tortura. “Per ogni morto, scomparso o torturato, il popolo pareggerà i conti”, minaccia l’Fpr, che aggiunge ai 43 di Ayoztinapa il suo giovane dirigente Gustavo Delgado Salgado, il quale aveva partecipato in prima persona alle manifestazioni di solidarietà per i normalistas. Da un lato la crescita del livello di aggressione dello Stato nei confronti delle organizzazioni popolari, dall’altro l’istanza di un Mèxico para todos che sempre più accomuna la società civile in un contesto in cui criminalità organizzata, sequestri e atrocità sono in costante aumento. Il caso dei 43 più uno (Gustavo Delgado Salgado) è arrivato alle Nazioni unite, mentre il governo messicano è stato accusato dalla Commissione nazionale per i diritti umani di non essersi adoperato a fondo per la risoluzione dei desaparecidos di Ayotzinapa.

Una cosa è certa: per i movimenti sociali che difendono i loro diritti e i beni comuni, si battono per il rispetto delle comunità indigene e contadine,  e nonostante tutto credono in una società antiautoritaria ed egualitaria, il caso Ayotzinapa e l’omicidio di Delgado Salgado sono tutt’altro che chiusi.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Messico: nuovo omicidio di un lottatore sociale
    Latina
    Samir Flores si batteva contro le megaopere del Proyecto Integral Morelos

    Messico: nuovo omicidio di un lottatore sociale

    Giovani giovanissimi si uniscono volontariamente alle brigate che ricercano i desaparecidos
    6 marzo 2019 - David Lifodi
  • Diritto a migrare
    Latina
    La marcia dei migranti partita dall’Honduras rappresenta l’urlo di protesta del Centroamerica ridotto alla fame dagli Stati uniti e dalle oligarchie

    Diritto a migrare

    In fuga da povertà, violenza e mancanza di lavoro per conquistare il sogno americano
    12 novembre 2018 - David Lifodi
  • L’esodo di massa di centroamericani sfonda i confini messicani
    Latina

    L’esodo di massa di centroamericani sfonda i confini messicani

    Manuel Lopez Obrador: “Offriremo visti lavorativi ai migranti”
    24 ottobre 2018 - Virginia Negro
  • Città del Messico: si al lago, no all’aeroporto
    Latina
    Nella zona lacustre di Texcoco dovrebbe sorgere il Nuevo Aeropuerto Internacional de Mèxico

    Città del Messico: si al lago, no all’aeroporto

    #YoPrefieroelLago è lo slogan della campagna promossa dalle organizzazioni popolari per fermare una grande opera che avrebbe un impatto devastante sulla capitale messicana
    24 ottobre 2018 - David Lifodi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)