Latina

Samir Flores si batteva contro le megaopere del Proyecto Integral Morelos

Messico: nuovo omicidio di un lottatore sociale

Giovani giovanissimi si uniscono volontariamente alle brigate che ricercano i desaparecidos
6 marzo 2019
David Lifodi

 

Samir Flores

Il 20 febbraio scorso, quattro giorni prima della consultazione popolare sull’eventuale costruzione di una centrale termoelettrica nella zona di Huexca, nello stato messicano di Morelos, è stato assassinato Samir Flores, uno degli esponenti più in vista delle organizzazioni sociali che si battono contro i megaprogetti nella regione. Ad ucciderlo, due colpi alla testa sparati all’uomo di 36 anni sulla porta di casa. La termoelettrica fa parte del Proyecto Integral Morelos (Pim).

Nonostante l’elezione di Andrés Manuel López Obrador, che aveva suscitato enormi speranze, per il momento in Messico è cambiato poco. Non solo. Pur avendo preso l’impegno di realizzare la consultazione, il nuovo presidente messicano più volte aveva definito gli oppositori alla grande opera come “radicali di sinistra, niente più che conservatori”. Samir Flores era tra i leader contadini contrari al Pim fin dalla presidenza Peña Nieto, il principale ispiratore del progetto volto alla costruzione di un gasdotto che attraverserà numerose cittadine, tra cui Amilcingo (dove risiedeva ed è stato ucciso lo stesso Flores), un acquedotto a Cuautla e Villa de Ayala e una termoelettrica nella comunità di Huexca. Conduttore della radio comunitaria Amiltzinko, Flores era intervenuto pubblicamente nell’ambito di un incontro promosso dal governo federale attaccando Hugo Éric Flores Cervantes, sostenitore del Pim, ma soprattutto presidente del partito Encuentro Social e fin troppo vicino ai paramilitari responsabili del massacro di Acteal avvenuto alla vigilia di Natale del 1997.

Pur condannando l’omicidio di Flores, Amlo è visto da molti elettori dello stato di Morelos come un traditore. Nel 2014 e nel 2018 Obrador, in qualità di candidato a Los Pinos, aveva promesso che avrebbe bloccato il progetto della termoelettrica ed ora sono in molti a sentirsi presi in giro, soprattutto perché in tutto il paese non c’è certo bisogno delle dichiarazioni del presidente contro le organizzazioni popolari per spingere i sicari ad agire spesso per conto di paramilitari e milizie private alle elites e alle grandi multinazionali. L’omicidio di Samir Flores, purtroppo, è solo l’ultimo di una lunga serie di episodi di violenza contro ambientalisti e difensori del territorio. Negli ultimi dieci anni sono stati assassinati 125 lottatori ecologisti, di cui 82 erano indigeni. La stessa cittadina di Amilcingo, da alcuni anni, si è distinta per le sue pratiche di autogoverno molto simili a quelle degli zapatisti.

La morte di Flores non sarà probabilmente che una di una lunga serie difficilmente destinata ad interrompersi. In Messico far sparire le persone è divenuta una pratica politica messa in atto sistematicamente dalle mafie, dal narcotraffico, dalla polizia corrotta, dai paramilitari, dagli squadroni della morte che agiscono per conto delle transnazionali e da politici legati agli squadroni della morte.

All’insegna dello slogan Los desaparecidos de unos son los desaparecidos de todos, molti giovani e giovanissimi, che spesso hanno in famiglia delle persone scomparse, hanno scelto di unirsi alla Cuarta Brigada Nacional de Búsqueda de desaparecidos. Secondo i dati del Registro Nacional de Datos de Personas Extraviadas o Desaparecidas, peraltro adesso non più esistente e risalenti all’aprile 2018, il 40,3% delle persone scomparse risulta essere tra i 15 e i 29 anni di età. Tra i veterani nella ricerca di desaparecidos figura Tita Radilla. Suo padre scomparve nel 1974 nell’ambito della cosiddetta guerra sucia, ma sono molti i giovani intorno ai 20 anni a non avere più un fratello o una sorella.

Oggi la guerra sporca in Messico prosegue, nel silenzio generale, e a farne le spese è un’intera generazione di lottatrici e lottatori sociali che meriterebbe un paese migliore, ma che invece continua ad essere nelle mani delle mafie, del narcotraffico e della criminalità organizzata.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Diritto a migrare
    Latina
    La marcia dei migranti partita dall’Honduras rappresenta l’urlo di protesta del Centroamerica ridotto alla fame dagli Stati uniti e dalle oligarchie

    Diritto a migrare

    In fuga da povertà, violenza e mancanza di lavoro per conquistare il sogno americano
    12 novembre 2018 - David Lifodi
  • L’esodo di massa di centroamericani sfonda i confini messicani
    Latina

    L’esodo di massa di centroamericani sfonda i confini messicani

    Manuel Lopez Obrador: “Offriremo visti lavorativi ai migranti”
    24 ottobre 2018 - Virginia Negro
  • Città del Messico: si al lago, no all’aeroporto
    Latina
    Nella zona lacustre di Texcoco dovrebbe sorgere il Nuevo Aeropuerto Internacional de Mèxico

    Città del Messico: si al lago, no all’aeroporto

    #YoPrefieroelLago è lo slogan della campagna promossa dalle organizzazioni popolari per fermare una grande opera che avrebbe un impatto devastante sulla capitale messicana
    24 ottobre 2018 - David Lifodi
  • Messico: le sfide che attendono Amlo
    Latina
    Andrés Manuel López Obrador, nuovo presidente del paese, entrerà ufficialmente in carica dal prossimo 1° dicembre

    Messico: le sfide che attendono Amlo

    Per la prima volta milioni di messicani si sentono rappresentati
    25 luglio 2018 - David Lifodi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)