Latina

Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

Il Cile abolisce il pinochettismo

A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
26 ottobre 2020
David Lifodi

Il Cile abolisce il pinochettismo

Con il 78,20% dei consensi i cileni si sono espressi in maniera inequivocabile per avere una nuova Costituzione che mandi in pensione quella attuale, ancora risalente al pinochettismo e adottata nel 1980 dai militari. Non solo. Nel referendum di ieri, 25 ottobre, una seconda scheda chiedeva se, per redigere la nuova Costituzione, gli elettori avrebbero preferito dare mandato ad un’assemblea costituente o ad un’assemblea mista composta per metà da eletti e per metà da parlamentari. Anche in questo caso, i cileni hanno votato per un’assemblea costituente in maniera schiacciante.

La maggioranza di coloro che avrebbero votato per una nuova Costituzione era ampiamente prevista, ma la valanga che ha travolto il governo del presidente Piñera, composto da molti filo-pinochettisti e da simpatizzanti della dittatura militare ha spinto tutta la destra a salire sul carro del vincitore e a celebrare “la grande giornata di democrazia” di un paese che, dall’estallido social dello scorso autunno fino a pochi giorni fa ha vissuto sulla propria pelle gli abusi dei carabineros e quel terrorismo di stato che, seppur mascherato da un governo solo suppostamente democratico, ha ucciso molti giovani e giovanissimi attivisti sociali.

Nel solo periodo che va dal 18 ottobre al 30 novembre 2019, Amnesty International aveva pubblicato un dossier dal titolo Ojos sobre el Chile: violencia policial y responsabilidad de mando durante el estallido social in cui si accusavano apertamente gli alti vertici dei carabineros e della polizia al servizio dello Stato per le innumerevoli violazioni dei diritti umani.

La Costituzione finora in vigore era impostata all’insegna del neoliberismo e di un sistema sociale e politico che privilegiava l’oligarchia, la minoranza ricca del Cile in un paese dove invece permangono fortissime le disuguaglianze sociali. La società cilena è sempre stata escludente poiché la ricchezza si concentra nelle mani dell’1% della popolazione.

Oggi, el apruebo del 78,20% dei cileni affinché si gettino le basi per una nuova Costituzione rappresenta una risposta a ciò che il Cile ha vissuto a partire da quell’11 settembre 1973, quando Pinochet sospese appunto le garanzie costituzionali, il diritto alla vita e alla libertà. La Costituzione che verrà dignifica y ennoblece la vida, hanno ripetuto i movimenti sociali che da oltre un anno hanno trasformato la Plaza de la Dignidad di Santiago del Cile (così ribattezzata a seguito dell’oceanica manifestazione del 25 ottobre 2019) in un laboratorio permanente di resistenza contro il capitalismo ed un’oligarchia che si augurava una vittoria con una bassa percentuale di “si” per poter sminuire il percorso verso una nuova Assemblea costituente. L’apruebo con poco più del 50% dei consensi avrebbe rischiato di rappresentare più una sconfitta che una vittoria, ma questo pericolo è stato scongiurato.

Al governo non è servito agitare lo spettro della pandemia, che peraltro in Cile sta facendo molte vittime poiché l’emergenza sanitaria è stata gestita malissimo dall’attuale governo, per distogliere gli elettori dalle urne. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione, che dovrà essere approvata almeno dai 2/3 dei suoi componenti e avrà come scopo principale quello di estendere i diritti sociali e politici.

Anche all’epoca della Concertación si era cercato di tentare la strada di una nuova costituzione, ma da una parte la coalizione di centrosinistra non aveva mai promosso con convinzione un processo per cambiare davvero il paese, dall’altra Michelle Bachelet, in occasione del suo tentativo di superare la costituzione pinochettista, non aveva la maggioranza ed era a conoscenza di non averla.

El Apruebo è frutto anche dell’estallido social che, dall’ottobre 2019, non è mai arretrato di fronte alle provocazioni governative: secondo El Mapa de violaciones de Derechos Humanos dell’Instituto Nacional de Derechos Humanos, sono state migliaia dleenunce contro l’esercito e i carabineros.

L’approvazione della nuova Costituzione avrà fatto felice anche quel sedicenne che lo scorso 2 ottobre, al termine dell’ennesima protesta contro il governo, è stato gettato da un ponte nel fiume Mapocho da un membro dei carabineros. Si, a credere fortemente nelll’Assemblea Costituente è stata la resistenza popolare.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)