Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
  • Una buona notizia
    Raccontala ai parlamentari che conoscete e chi sa che non si formi una maggioranza capace di far decidere il futuro governo a “disubbidire” agli ordini dell’imperatore americano

    Una buona notizia

    Un altro paese, il Venezuela, ha depositato alle Nazioni Unite lo strumento di ratifica del Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari che vieta la produzione, il possesso, la presenza al proprio interno e il transito nel territorio di armi nucleari.
    31 marzo 2018 - Giorgio Nebbia

Venezuela: tensioni su Chavez verso il referendum

6 agosto 2004

Mancano dieci giorni al referendum revocatorio del mandato presidenziale di Hugo Chávez. Un clima teso tra accuse, polemiche e violenze in cui è tornato l’oppositore del presidente venezuelano, il dirigente sindacale Carlos Ortega, che è ancora sotto accusa per il suo coinvolgimento nel tentato colpo di Stato dell’11 aprile 2002 con cui Chávez fu allontanato dal potere per appena 48 ore. Ortega, raggiunto da un mandato di arresto per istigazione a delinquere e tradimento della patria nel marzo dello scorso anno, si rifugiò dapprima presso l’ambasciata della Costa Rica a Caracas denunciando di essere vittima di una “persecuzione politica” per poi chiedere ufficialmente l’asilo nel Paese caraibico. Secondo i ricercatori dell’autorevole “North American Opinion Research” il 60% dei votanti opterà per il no alla revoca di Chavez, superando di ben 25 punti il voto del Si. Un forte appoggio arriva anche dalle Ong unite nel Foro po la Vida che invita a partecipare per supportare il processo di cambiamento in corso. Con un numero di oltre 14 milioni di iscritti alle liste elettorali, l’opposizione dovrà comunque superare i 3,7 milioni di suffragi ottenuti dal capo dello Stato alle elezioni del luglio 2000.

L’Unione Europea ha annunciato che non ci saranno osservatori europei a monitorare il referendum in quanto non è stato raggiunto un accordo con le autorità elettorali venezuelane, per consentire agli osservatori di compiere il loro lavoro con le metodologie che l' Ue utilizza in tutti i Paesi in cui invia missioni in occasione di elezioni.
Le regole rigide fissate dal governo venezuelano hanno messo in dubbio l’effettiva partecipazione di una missione dell’Organizzazione degli Stati americani (Osa) e dello statunitense ‘Centro Carter’, organismi gia' accusati durante la fase della raccolta e della verifica delle firme necessarie alla convocazione di aver violato le regole poste dal governo rilasciando dichiarazioni pubbliche. In base a quanto disposto dalle autorità elettorali, gli osservatori internazionali potranno circolare liberamente per tutto il Paese e riunirsi con qualsiasi personalità politica ma dovranno esimersi dal diffondere proiezioni di voto o commenti “intesi a sostituire in alcun modo l’unico arbitro della consultazione”. Per il governo di Chavez le maggiori preoccupazioni arrivano da un possibile sabotaggio elettronico del voto con uso di satelliti Usa o il tentativo di gridare alla truffa elettorale, scatenando incidenti di piazza nei giorni successivi.

Un consenso popolare verso la coalizione del presidente Chavez ottenuto anche grazie al processo di integrazione sociale reso evidente dalla Costituzione bolivariana i cui principi di base sono l'inclusione sociale, la politica pubblica e la sovranita' alimentare. Per Francisco Palacios, docente di diritto costituzionale dell'Università di Saragozza, la Costituzione ha introdotto i cosiddetti "diritti di quarta generazione", ovvero il diritto all'ambiente, allo sviluppo personale, alla pace, nonché il totale riconoscimento dei diritti delle popolazioni indigene. Secondo un resoconto di Marco Bersani, portavoce di Attac Italia, il sistema venezuelano è ancora un processo che registra ancora una insufficiente esperienza politico-amministrativa della nuova classe dirigente. “Ma il problema più grosso è sicuramente costituito dall'apparato pubblico – precisa Bersani - formatosi nel governo precedente rimane estremamente corrotto e con veri e propri atteggiamenti di sabotaggio amministrativo ordinario”. Basti pensare che molti dei progetti sociali non sono affidati ai Ministeri competenti, come ad esempio il progetto "Mision" grazie a cui un milione e mezzo di persone hanno avuto accesso all'alfabetizzazione, fenomeno oggi ormai praticamente assente nel paese.

Note:

Altre fonti: Red Apoyo, El Universal

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)