Latina

Cile: Confederazione internazionale dei sindacati liberi/Rete Asia Pacifico (CIOSL/RSAP)

Il lavoro nel futuro della comunita’ APEC
19 novembre 2004
Franco Di Giangirolamo

Il 16 e 17 Novembre 2004 si e’ tenuto il vértice dei sindacati del MERCOSUR a Santiago, che ha preceduto il vértice APEC che si aprira’ formalmente il 19 Novembre alla presenza dei Capi di Statu dei 21 paesi membri.
Il Vértice sindícale, promosso d’intesa dalla CUT Chilena e dalla Ciosl/RSAP, ha licenziato un documento, che e’ stato presentato al Presidente della Repubblica Cilena Ricardo Lagos, nel corso di un incontro specifico.
L’incontro si e’ concluso nel disinteresse generale dei mezzi di comunicazione ed e’ servito al Presidente Lagos per rilanciare ancora una volta la tesi che la crescita garantita dagli accordi di libero commercio sono l’unica strada per combattere la poverta’ e per lottare contro la disoccupazione. La richiesta delle organizzazioni sindacali, reiterata per l’ennesima volta dal 1995, di prevedere all’interno del processo di negoziazione APEC una sessione specifica ed un tavolo per le organizzazioni sindacali in modo da discutere anche di diritti dei lavoratori , non e’ stata accolta, come era da prevedere. Insomma, Lagos incassa la medaglia di Presidente democratico che, udite udite!!! Perde tempo perfino con le organizzazioni sindacali e queste ultime portano a casa una solida stretta di mano con molte pacche sulle spalle!
La abissale distanza tra le analisi e le proponte della CIOSL/RSAP e cio’ che i Governi dei Paesi APEC si accingono a proporre, in solida intesa con l’ABAC, ovvero la formalizzata associazione di imprenditori che dal 1995 non solo partecipa ai lavori APEC, ma ne determina in modo contundente i contenuti, si puo’ dedurre dall’analisi del documento originale, ireperibile in lengua inglese e spagnola nel sito www.icftu-apro.org, di cui mi permetto di operare una sintesi sicuramente ingenerosa.

La CIOSL/RSAP parte dall’analisi della realta’ dei Paesi APEC:

- 45 milioni di diswoccupati
- valutazioni della Commissione Mondiale sulla dimensione sociale della globalizzazione, che sostiene che “sono pochi coloro che beneficiano dei vantaggi della globalizzazione” e che “il lavoro decente nel rispetto dei diritti fondamentali dei lavoratori” dovrebbe essere una priorita’ per i leaders dell’APEC

per avanzare alcune Raccomandazioni Politiche sulla base della considerazione che il Pieno impiego e Salari Dignitosi debbono costituire la base per lo sviluppo economico nei Paesa APEC e non un auspicio rinviato a tempo indeterminato:

- politiche di impiego regionali a lungo termine
- ratificazione e rispetto delle norme fondamentali del lavoro includendole negli accordi bilaterali relativi al commercio e agli investimenti
- rivedere i Principi degli Investimenti non vincolanti per incorporare i diritti dei lavoratori (salute, sicurezza, ambiente)
- promuovere solide relazioni di lavoro
- sviluppare politiche per un lavoro decente, parallele a quelle per i commerci e gli investimenti
- pari opportunita’ per le donne
- combattere il lavoro informale
- iniziative dell’APEC per i diritti dei migranti
- integrazione dell’economia informale nel sistema economico generale
- giuste norme sul lavoro per i lavori atipici
- costruzione di una vera rete di sicurezza sociale
- lotta alla disoccupazione
- sviluppo delle risorse umane attraverso la formazione

Inoltre, la CIOSL/RSAP chiama i Paesi membri dell’APEC:

- alla coerenza politica tra le organizzazioni del sistema multilaterale (OMC, FMI, BM, OIT, etc)
- all’impegno dei vari governi per la promozione e rispetto di norme fondamentali del lavoro quali la Liberta’ Sindícale, Diritto alla Negoziazione Collettiva, Eliminazione del lavoro Schiavo e del Lavoro Infantile, Eliminazione della Discriminazione di Genere, sulla base delle convenzioni OIT
- a dare una dimensione sociale alla globalizzazione

In conclusione.
La realizzazione di lavoro decente per lavoratrici e lavoratori in tutto il mondo debe essere un obbiettivo essénziale di tutta l’APEC. I leaders APEC hanno la responsabilita’ di ridisegnare il futuro dei Paesi membri lavorando in forma piu’ concreta per lo sviluppo sostenibile basato non solo sull’incremento delle relazioni commereciali e degli investimenti, ma anche su una maggiore coesione sociale.
Rafforzare le coerenze polkitiche per introdurre politiche orientate allo impiego, proteggere i diritti fondamentali dei lavoratori, rafforzare la coesione sociale e la inclusione nel mercato del lavoro, favorendo la formazione adatta ai lavoratori, con un dialogo reale con i sindacati.
I sindacati rappresentati da CIOSL/RSAP sono disponibili a cooperare e a lavorare congiuntamente con APEC per realizzare questi obiettivi e mandati.

Nota del 18 Novembre 2004

Allegati

Articoli correlati

  • Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile
    Latina
    Carabineros e Patria y Libertad dietro alla morte dei due italiani durante il golpe ad Allende

    Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile

    Estradizione per Rafael Francisco Ahumada Valderrama, Manuel Vasquez Chahuan e Orlando Moreno Basquez, tre militari della dittatura pinochettista. Sono accusati dalla Procura di Roma di essere i responsabili della morte di Montiglio e Venturelli, di origine italiana
    25 agosto 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)