Latina

Manifestazione di apertura del Foro Sociale Cileno

20 novembre 2004
Franco Di Giangirolamo

19 Novembre 2004.

Una manifestazione storica promossa dal Foro Sociale Cileno si e’ dispiegata nel Centro di Santiago sorprendendo gli organizzatori che attendevano 10-15.000 persone e che hanno visto sfilare almeno 30.000 persone (50-60.000 per gli organizzatori), in un diluvio di colori e di parole d’ordine, balli, canti e manifestazione di teatranti di strada.
La manifstazione e’ un fatto storico per tante ragioni:

1)Il Foro Sociale Cileno e’ alla sua prima esperienza
2)La diversita’ enorme di organizzazioni presenti, soprattutto cilene
3)Il fatto che, diversamente dal Foro Sociale Mondiale di Porto Alegre, la partecipazione di delegazione estere e’ molto esigua e tutta l’organizzazione e’ sulle spalle dei cileni
4)Che in Cile nessuna organizzazione ne’ politica ne’ sindacale e’ ingrado di mobilitare tanti cittadini ormai da molti anni (l’ultima grande mobilitazione di massa che si ricordi e’ quella convocata dalla Chiesa Cattolica in occasione della visita del Papa nel 1987)
5)E’ nato un soggetto capace di unificare e mobilitare tutti coloro che sono contro la politica economica e sociale neoliberista di cui il Governo Lagos e’ zelante esecutore
6)Si sono mobilitati artisti, scrittori, musicisti, intellettuali e in parte non irrilevante anche forze politiche della sinistra extraparlamentare con una rappresentanza quasi insignificante della CUT
7)Sono stati molto contenuti (grazie anche al servizio d’ordine del Foro Sciale Cileno e alla attitudine pacifica e giocosa della stragrande maggioranza dei manifestanti) i soliti ati di violenza di alcune frange aderenti alla Coordinadora Antiapec che senza provocare scontri violenti non riescono a gestire i loro problemi di identita’.

La manifestazione e’ partita da Parco Almegro e si e’ conclusa al Parco Bustamante con spettacoli e musiche.
La polizia ha controllato a distanza la manifestazione e, come sempre, ha approfittato dei marginali episodi di violenza per dispiegare ogni mezzo repressivo ma non sono riusciti nell’intento di coinvolgere la massa degli aderenti alla manifestazione.
Tre ore di marcia, sole forte e caldo notevole con scene di solidarieta’ popolare, che mi hanno riportato al 30 Luglio di tre anni fa a Genova, con annaffiatura refrigerante dalle finestre sui manifestanti.
Citta’ quasi deserta (grazie al giorno di ferie regalato per un fine settimana lungo ai santiaghini) molte chiusure di negozi ma non come a Genova, per cui....affollamento di ristoranti a prezzi convenzionati con il Foro e slogan e coretti contro la polizia ad ogni suo passaggio nei dintorni.
Un giorno di grande festa e di grande gioia e unita’ che credo inauguri una nuova fase di iniziativa politica e sociale in Cile, cui dovranno guardare, volenti o nolenti, anche le organizzazioni tradizionali della sinistra, partiti e sindacati, che hanno forti limiti di analisi e che sono ancora impacciati di fronte alla nuova realta’ sociale che emerge con nuove domande sociali e soprattuto con esperienze concrete di cittadini.
Tutto cio’ in un contesto latino americano in grande movimento, dal Venezuela al Brasile, dall’Uruguay all’Argentina fino al Nicaragua.
Per prendere uno slogan gridato in piazza: juntos podemos, unidos venceremos! Uniti possiamo, uniti vinceremo!!
Santiago 19 novembre 2004

Articoli correlati

  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)