Latina

Oltre ottomila gli iscritti ai seminari per un'altra America Latina possibile

Cile: La repressione dei carabineros non riesce a fermare le iniziative anti-Apec del Social Forum

La risposta violenta della polizia ha ricordato i peggiori anni dell’era-Pinochet
25 novembre 2004
David Lifodi
Fonte: www.selvas.org "Cile: successo e repressione sul Forum Sociale"
- 25 novembre 2004

I principali mezzi di comunicazione italiani si sono limitati a parlare del vertice Apec, (l'organizzazione di cooperazione economica Asia-Pacifico) che si è tenuto pochi giorni fa a Santiago del Cile, soltanto in chiave economica, tralasciando del tutto le proposte emerse dai movimenti sociali per un'altra America Latina possibile.
Il Forum Sociale Cileno non si è limitato a contestare il vertice Apec per le sue politiche di sfruttamento ed esclusione, ma ha denunciato con forza il tentativo di governi e multinazionali di ridurre al silenzio i movimenti rivendicando al tempo stesso quei diritti civili, sociali e politici finora sempre calpestati, come era scritto nel documento "No al comercio contra los pueblos" redatto dal Coordinamento delle organizzazioni e delle comunità Mapuche durante i giorni del contro vertice.
Purtroppo, possiamo dire che ancora una volta invece sono stati calpestati i diritti più elementari, principalmente quello di manifestare. Se la partecipazione ai seminari è stata notevole e al corteo organizzato dal Social Forum Cileno hanno partecipato oltre cinquantamila persone, esercito e polizia hanno attaccato con estrema violenza i manifestanti (compresi bambini, anziani e madri di famiglia) con la scusa di fermare il lancio di sassi da parte di un gruppo anarchico.
Il racconto di Selvas.org, presente con un suo inviato, afferma che i carabineros hanno utilizzato dei sistemi di repressione degni del governo Pinochet, e del resto questo non sorprende più di tanto in uno stato dove il Presidente Lagos, socialista a parole, ma in realtà tra i maggiori sostenitori delle politiche liberiste e di privatizzazione imposte senza troppe difficoltà dalla Banca Mondiale e dal Fondo Monetario Internazionale, ha ridotto il paese in estrema povertà.
Nonostante governo e grande stampa si siano serviti di questi episodi per criminalizzare il movimento altermondialista, in realtà sia gli incontri organizzati dal social forum che la manifestazione sono stati un vero successo, anche per la composita e variegata presenza di attivisti per i diritti umani, ecologisti, pacifisti, giovani universitari, vecchi sostenitori di Unidad Popular e le organizzazioni mapuche che in questi anni hanno avuto duecento leader indigeni arrestati dal governo di Santiago.
Ai seminari hanno partecipato personalità del calibro di Emir Sader, in qualità di rappresentante del comitato internazionale del Forum Sociale Mondiale e Bernard Cassen per Le Monde Diplomatique, ma soprattutto ben 8300 attivisti si sono iscritti ai laboratori tenutisi presso l'Accademia Umanistica Cristiana, tra cui moltissimi giovani e questo fa ben sperare poiché è sempre maggiore il numero di coloro che vogliono evitare di vedere il loro continente trasformato nel cortile di casa di Bush e ridotto a territorio di conquista per esperimenti economici di liberismo sfrenato.
Proprio Emir Sader alla chiusura dei lavori, riporta Selvas.org, ha affermato: "Se il sogno del socialismo popolare di Allende è sopravvissuto di fronte ad una terribile dittatura come quella di Pinochet, se duecento organizzazioni di base si sono incontrate ieri in una storica marcia pacifica con oltre 50000 attivisti che non si vedevano insieme dall’epoca del 1989 con il plebiscito contro Pinochet, un altro Cile è possibile…". Noi non possiamo far altro che concordare e unirci a questo auspicio.

Articoli correlati

  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)