Latina

Cile: la nuova formazione dei partiti pacifisti

Juntos Podemos è il nome del fronte elettorale dei partiti pacifisti, nonviolenti e di sinistra che è stata la sorpresa delle elezioni municipali cilene del 31 ottobre scorso.
4 febbraio 2005
Anna Polo

INSIEME SI PUÒ
In un clima politico assolutamente bipolare il fronte costituiva la terza forza, nata dalla campagna "Il Cile dice no alla guerra" e promossa dal Partito Umanista cileno, insieme al Partito Comunista, alla Sinistra Cristiana, al MIR e a molte altre forze politiche e sociali, a organizzazioni sindacali, ecologiste, professionali e per la difesa dei diritti umani.
Il "Podemos" ha preso oltre mezzo milione di voti, pari al 9.14%, eleggendo così 90 consiglieri comunali e 4 sindaci; all'interno della coalizione il Partito Umanista ha triplicato i suoi voti ed ottenuto 40 consiglieri (alle elezioni precedenti ne aveva eletti 3). Alle municipali precedenti l'insieme delle forze che compongono l'alleanza aveva preso il 5.1% ed eletto 27 consiglieri.
simbolo di Juntos Podemos


L'alleanza elettorale ha come simbolo una girandola multicolore: come la girandola raccoglie la forza del vento per girare, così la lista raccoglie la forza della base sociale organizzata per far sì che la volontà di cambiamento si esprima nelle elezioni. Il messaggio che si vuole trasmettere è semplice: il sistema non è un mostro onnipotente, si può cambiare con l'unione della base e la convergenza delle diversità, in un clima di speranza e allegria.

Ma al di là dei risultati, che hanno superato le stesse aspettative dei protagonisti, il PODEMOS (potere democratico sociale, ma anche "possiamo" in spagnolo) è molto di più di un patto elettorale: riunisce infatti in un movimento politico-sociale di livello nazionale tutti i settori di sinistra, alternativi e progressisti, disposti a sottoscrivere 4 punti fondamentali:
• Il rifiuto di ogni forma di dittatura (anche quella del proletariato) e il sostegno alla democrazia reale e al pluralismo politico.
• l'opposizione al neo-liberismo e a qualsiasi altro modello che sia espressione del capitalismo, ma anche di una forma statale centralizzata.
• il superamento di ogni forma di violenza e l'adozione della nonviolenza attiva come strumento di lotta sociale.
• il rispetto e la valorizzazione della diversità personale, culturale e ideologica.
Ancora prima delle elezioni, la creazione delle sedi locali del Podemos in tutto il paese è diventata l'occasione perché si creasse un'ondata di entusiasmo dilagante e si avvicinasse molta gente, singoli individui e organizzazioni di base che avevano perso la speranza nella possibilità di una terza forza al di fuori del rigido sistema bipolare. Secondo le parole più volte ripetute da molti di questi militanti, "finalmente si poteva ricominciare a sognare".
La stampa, che aveva praticamente ignorato il Podemos per tutta la campagna elettorale, in seguito gli ha dedicato ampio spazio e ha dovuto riconoscere la sua indiscutibile vittoria.
Dopo le elezioni, nel novembre 2004, in occasione della visita di Bush in Cile per il vertice dell'APEC, i dirigenti del Podemos hanno presentato una denuncia contro il presidente americano, il vicepresidente Dick Cheney, il segretario di stato Colin Powell, il ministro della difesa Donald Rumsfeld e l'ex plenipotenziario in Iraq Paul Bremer per crimini contro l'umanità, con particolare riferimento alle torture compiute in Iraq e Afghanistan. Il giudice nominato per esaminare la denuncia l'ha in seguito dichiarata inammissibile, anche se gli avvocati del Podemos hanno presentato appello. Tra il clamore suscitato da questa iniziativa e le imponenti manifestazioni di protesta contro la politica americana, Bush è stato definito da gran parte della stampa come il presidente in visita in Cile più contestato nella storia recente del paese.
La nuova sfida che attende il Podemos è ora la definizione di un candidato che rappresenti questo vasto schieramento di forze politiche e sociali alle elezioni presidenziali del dicembre 2005.

Note: Per altre notizie, commenti e dati:www.podemos.cl

Articoli correlati

  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)