Laboratorio di scrittura

Le critiche mosse al movimento delle sardine sono strumentali

Riflessioni di una sardina

Chiedere al movimento di avanzare proposte significa non sapere che cos'è un movimento. Un movimento, per sua natura, avanza delle richieste e spetta alla politica organizzata rispondere ed elaborare un progetto.
25 gennaio 2020
Adriana De Mitri

Sardine for future

Le critiche mosse al movimento delle sardine sono strumentali. Giornalisti (?), destri e sinistri figuri si arrogano il compito di screditare un movimento, cui nessuno, al momento, è nelle condizioni, culturali, prima ancora che politiche, di rispondere.
Chiedere al movimento di avanzare proposte significa non sapere che cos'è un movimento. Un movimento, per sua natura, avanza delle richieste e spetta alla politica organizzata rispondere ed elaborare un progetto.
Il movimento che ha invaso le Piazze chiede a una sinistra inesistente e, in qualche modo, complice della degenerazione della politica, di riprendersi il proprio ruolo.
Prima ancora dell'abbandono delle periferie o delle fabbriche, la sinistra ha tradito i propri valori fondanti, ha disertato il conflitto, recidendo le radici da cui trae alimento la democrazia.
Negare il conflitto equivale a negare la democrazia che del conflitto si nutre.
Riappropriarsi del conflitto sacrificato sull'altare del politicamente corretto e della logica perversa di non criticare la propria parte politica per non dare il fianco all'avversario.
Questo è il punto centrale che emerge prepotente dalle piazze.
Il movimento delle sardine si prende la parola facendosi conflittuale nelle sue richieste radicali.
Anche la società civile in questi anni si è assopita perché, inascoltata, ha deposto le armi e ha delegato troppo, ma adesso è arrivata una scintilla che riaccende la passione e la voglia di partecipare veramente.
Bisogna sperare e adoperarsi perché da questa scintilla si propaghi un rogo. Un rogo che lasci tra la cenere il cadavere del redivivo fascismo, ma anche della pseudosinistra.
Il vero nemico del movimento non è la destra di Salvini ma tutti i vari "sinistrati" pronti a mettere le briglie o a fare le pulci al movimento, e la sinistra (?) di governo, che nel suo agire politico ha dimenticato i principi costituzionali di cui deve essere pervasa la democrazia.
Il PD ha paura del movimento perché non lo governa e, soprattutto, perché accogliere oggi le istanze del movimento equivale a snaturare la natura stessa del PD.
È triste dirlo, ma il movimento non ha interlocutori politici.
E questo è un problema, ma può anche una opportunità poiché dal crogiuolo del movimento può nascere un nuovo soggetto politico, così come non è impensabile sperare in una rifondazione dell'esistente.

Sardine, perché?

Articoli correlati

  • Scuola. Il viaggio senza fine
    Pace
    Esperienze di educazione alla pace

    Scuola. Il viaggio senza fine

    A scuola è necessario imparare a riconoscere e gestire anche la parte emotiva dell’apprendimento: stati d'animo, insicurezza, esigenza di supporto da parte dell'adulto, sofferenza psichica, disagio emotivo.
    9 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica
    Cittadinanza
    LEGGE 20 agosto 2019, n. 92

    Introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica

    Entrata in vigore del provvedimento: 05/09/2019
    26 agosto 2019
  • Educazione e relazioni di potere
    Pace
    Nell’azione educativa si esercitano relazioni di potere

    Educazione e relazioni di potere

    Le relazioni di potere compongono una trama plurale, diffusa, trasversale a tutte le relazioni umane e sono direttamente collegate alle possibilità di costruirci in soggetti sociali e storici in trasformazione
    28 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Cittadinanza attiva: come costruire una strategia efficace
    PeaceLink
    Relazione rissuntiva del webinar del 30 settembre 2020

    Cittadinanza attiva: come costruire una strategia efficace

    Il seminario online organizzato da PeaceLink ha voluto analizzare le competenze chiave della cittadinanza attiva. Le relazioni e il dibattito hanno toccato i temi del conflitto e della giustizia ambientali, ragionando sui concetti di "violenza strutturale" e di "razzismo ambientale".
    2 ottobre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)