Laboratorio di scrittura

Una piccola storia

Riconquistarci il Natale

Il bisogno di ringraziare, di ritrovare il sottile filo della gioia e della speranza. In una telefonata riscopri il senso della vita e di questi giorni così belli, difficili e confusi.
24 dicembre 2021
Natale Oggi ho telefonato ad Anna e Monica. Non le conosco, ma mi sono fatto coraggio e ho fatto squillare il loro telefono per dire semplicemente: "Grazie". Diversi anni fa mia mamma, molto anziana, si perse per le strade di Taranto e non riusciva più a tornare a casa.
Anna e Monica sono due ragazze solari, la videro smarrita e la presero per mano. Era scesa l'oscurità. Ce la portarono a casa sorridenti: "Ecco la signora Fiorenza".
Un gesto bellissimo che non ho mai più scordato.
Avevo conservato il loro cellulare e, dopo tanti anni, sentivo che era arrivato il momento per ringraziarle di nuovo e di dare loro il BUON NATALE. Dopo qualche attimo di imbarazzo, ho detto: "Il Natale è l'occasione per dire grazie di nuovo. E di provare a ritrovare i sentimenti, i buoni sentimenti".
Chi mi ha risposto si ricordava benissimo.
Abbiamo avuto un sussulto così inteso di felicità che ci veniva da piangere. La commozione ci aveva conquistato. Era una telefonata improvvisa e inaspettata che solo il clima del Natale può rendere possibile.
Anna e Monica hanno permesso a mia madre di ritrovare la strada, e questo è forse il vero senso del nostro vivere assieme: aiutarci a ritrovare qualcosa. Illuminare l'oscurità e camminare insieme. In fondo ogni gesto verso una persona fragile e smarrita è un modo per riconquistarci il Natale.

Articoli correlati

  • "Il cortile degli oleandri"
    Cultura
    Racconto antifascista di Rosaria Longoni

    "Il cortile degli oleandri"

    Questo è il nuovo racconto di Rosaria Longoni tratto dal suo ultimo romanzo Il cortile degli oleandri, che narra la storia di una famiglia, immigrata in Brianza durante la seconda guerra mondiale, solidale con Resistenti, Renitenti e Partigiani nel periodo nefasto dell'incubo nazifascista
    19 agosto 2021 - Laura Tussi
  • Come posso non volere bene a mio fratello?
    Laboratorio di scrittura
    Io lo stringevo in braccio e gli dicevo di non piangere

    Come posso non volere bene a mio fratello?

    Fuori il buio pian piano inghiottiva le case e sembrava che il mondo terminasse dietro al vetro della finestra. E io stringevo stretto il mio fratellino e lo tenevo al caldo e al riparo dal buio.
    25 febbraio 2019 - Pietro Paris
  • Laboratorio di scrittura
    Taranto

    In fila per la TAC

    Vengo chiamato con discrezione. Alzo lo sguardo. Mi sta salutando una donna in camice bianco. E' esile, dai toni gentili. Non la conosco. Lei sì, e mi chiede: "Come va la lotta con l'ILVA?"
    14 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Quel pomeriggio di nove anni fa
    Laboratorio di scrittura

    Quel pomeriggio di nove anni fa

    5 aprile 2018 - Beatrice Ruscio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)