Laboratorio di scrittura

L'ho conosciuto in un corso delle 150 ore

Un ricordo di Giovanni Spilotros

Sindacalista della CGIL, è stato un importante riferimento per i lavoratori della Fiat di Bari. Era conosciuto non solo in fabbrica ma anche fuori grazie al suo attivismo e al linguaggio chiaro, efficace e diretto. Ha rappresentato un esempio per tanti che oggi lo ricordano con affetto
7 gennaio 2023

Il libro di Giovanni Spilotros sulla sua esperienza in fabbrica a Bari

Giovanni Spilotros è deceduto a Bari dopo una lunga malattia.

Proverò qui a scrivere qualcosa di lui, della sua luminosa figura di sindacalista alla Fiat di Bari, della sua umanità conosciuta e apprezzata da tanti. Ma proverò soprattutto a spiegare ciò che lui ha rappresentato per la mia esperienza formativa di giovane alla fine degli anni Settanta.

Giovanni è stato per me un compagno e un amico, è stato l'operaio che volevo assolutamente incontrare, dopo un percorso ideale e culturale cominciato nel 1976 all'università, studiando i testi di Gramsci e di Marx. Respirando il clima di cambiamento di quegli anni tumultuosi.

E fu così che nel 1980, in un corso delle 150 ore organizzato dall'Università, lo incontrai. Lui aveva 27 anni e io 22. Subito ci sintonizzammo. Eravamo entrambi iscritti al PCI. Entrambi credevamo nell'alleanza fra operai e studenti. Entrambi eravamo giovani. Entrambi credevamo che avremmo contribuito a un significativo cambiamento sociale, nel solco del progetto politico di Enrico Berlinguer. Una linea nuova che guardava al socialismo dal volto umano, lontano dalle drammatiche esperienze dell'URSS ma vicino ai lavoratori, agli studenti, alle istanze di una democrazia partecipata e partecipativa.

Giovanni è stato per me un riferimento dentro questo progetto di cambiamento.

Operaio della Fiat e sindacalista FIOM, una sera mi raccontò nei dettagli della sua esperienza - quei fatti li visse in prima persona - come i lavoratori organizzati in maniera unitaria avevano saputo costituire un argine democratico di contenimento dell'avanzata neofascita dei primi anni Settanta. Mi rese partecipe, lui come testimone, delle esperienze straordinarie e coraggiose che portarono a dare una risposta ai "boia chi molla", protagonisti di violenze, barricate e scontri con la polizia. Un clima eversivo e scandito da attentati. La manifestazione sindacale antifascista del 22 ottobre 1972 a Reggio Calabria

Il 22 ottobre 1972, i sindacati metalmeccanici Cgil, Cisl e Uil (insieme ai sindacati degli edili e alla Federbraccianti Cgil) organizzarono a Reggio Calabria una grande manifestazione di solidarietà in favore dei lavoratori calabresi con lo slogan “Nord e Sud uniti nella lotta”. E lui era lì, giovanissimo operaio.

Con Giovanni ho condiviso a Bari alla fine degli anni Settanta prima un corso di formazione sulle 150 ore e poi un profondo legame di affinità ideale. Ero a un passo dalla laurea e avevo ampiamente studiato le questioni dell'organizzazione del lavoro e del controllo democratico dei processi produttivi in fabbrica.

Lui con la Cinquecento blu e io con la chitarra e i testi dei Beatles. Tutti e due con l'Unità sotto il braccio.

Dal corso della 150 ore nacque un gruppo di giovani che aveva voglia di discutere ma anche di andare a divertirsi, di suonare, di condividere la cena assieme. Compagni deriva dal latino "cum panis" e nasce da una parola che significa condivisione, "condividere il pane". E noi lo facevamo veramente. Sono ricordi bellissimi.

Ci eravamo persi di vista quando sono andato via da Bari. Giovanni Spilotros (a sinistra) e Alessandro Marescotti nel 2019 all'ingresso del Museo Archeologico di Taranto

Giovanni l'ho reincontrato nel 2019 dopo quasi 40 anni. Mi disse che aveva scritto un libro, quello di cui trovate qui la copertina e anche uno stralcio, oltre che documenti video qui e qui. Ho ritrovato il suo sorriso che dava sicurezza. Ho ritrovato quell'ironia con cui accerchiava e smontava anche le questioni più spinose e difficili. Non si dava mai per sconfitto e in lui vedevo anche la forza storica dei comunisti, l'ottimismo di chi nel futuro ci crede davvero, quello spirito positivo con cui anche mio padre affrontava il mondo e le sue avversità.

Nel reicontrarlo ho rivissuto il passato e l'ho bevuto a sorsate, come acqua di sorgente. Ho ritrovato in Giovanni lo slancio che ci animava quaranta anni fa e che ci vede in movimento, felicemente, in questa foto.

Credo che se chi guidava il movimento avesse avuto la sincerità, l'umanità e la stoffa di Giovanni, quel cambiamento oggi lo avremmo visto realizzarsi, e tante sconfitte e delusioni non ci avrebbero afflitto.

Oggi di Giovanni ci rimane la testimonianza di un cambiamento possibile. Ci lascia la sua vita, la sua storia, la sua umanità. Un patrimonio che deve continuare a vivere. Sarebbe importante che i compagni che lo hanno conosciuto facciamo un patto solenne per ricordarlo, per conservarne i ricordi, per riannodare i fili di una rete attiva e concreta che lo ha visto protagonista come portatore di giustizia e di speranza.

Oggi di Giovanni ci rimane questa brevissima, struggente testimonianza del suo rapporto con i compagni della fabbrica.

Giovanni Spilotros

Note: "Avrei fatto il rettificatore in affilatura: nella Fiat, come nell’esercito, veniva attribuito un lavoro diverso da quello per cui si era stati formati… faceva parte della strategia di “spersonalizzazione” del lavoratore e delle sue competenze e la sua messa in soggezione in una sorta di dominio! Ma tutto questo non lo sapevamo ancora quando, tutti insieme, come avevamo frequentato il corso appena concluso, partimmo per Torino. Prendemmo, come avremmo fatto del resto in seguito, il treno della notte, posto a sedere in seconda classe. Era una sera dolce d’aprile e fuori e dentro di noi era primavera... entusiasmo, eccitazione, speranza, un pizzico di nostalgia per quel mare che guardavamo dal finestrino e sapevamo bene che non avremmo ritrovato. A Torino mi mancò il mare, ma anche un po’ il maestrale, che con la sua forza scaccia le nuvole dal cielo ed anche i cattivi pensieri dal cuore; ma stranamente, quando finalmente il treno arrivò alla stazione di Porta Nuova e imboccammo questa strada bellissima e grande, via Roma, con alti porticati sostenuti da colonne lucide di marmo, per l’unica volta della mia permanenza in città, il maestrale ci venne incontro per vie misteriose".
Giovanni Spilotros (dal libro "Fabbrica") 

Allegati

Articoli correlati

  • Il compagno Antonio Ricciato
    Laboratorio di scrittura
    La sua lettera all'Unità del 12 marzo 1981

    Il compagno Antonio Ricciato

    Parlava di telematica e microelettronica in un partito ancorato alla cultura classica. A Taranto volle creare nel PCI una commissione che si occupasse di scienza e tecnologia all'inizio degli anni Ottanta perché comprendeva che il mondo stava cambiando velocemente.
    24 dicembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Favole al telefono
    Laboratorio di scrittura
    Alla mia mamma, testimone della seconda guerra mondiale

    Favole al telefono

    Le ho letto una favola di Gianni Rodari: "Il paese con l’esse davanti". Provate a leggerla ai vostri bambini, ai vostri nipotini. E, perché no, alle vostre mamme, o alle vostre nonne. Fate questo regalo a chi avete intorno. E' una favola per la pace.
    11 ottobre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Riconquistarci il Natale
    Laboratorio di scrittura
    Una piccola storia

    Riconquistarci il Natale

    Il bisogno di ringraziare, di ritrovare il sottile filo della gioia e della speranza. In una telefonata riscopri il senso della vita e di questi giorni così belli, difficili e confusi.
    24 dicembre 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)