Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Il fatto è avvenuto a Taranto

Una storia esemplare

Un cittadino cingalese di 30 anni, con regolare permesso di soggiorno, ha trovato per strada a Taranto diverse banconote per un totale di 1900 euro e ha chiamato la polizia per restituire il denaro al legittimo proprietario.
22 aprile 2010
Giovanni Formisano (studente 2 C dell'Istituto Righi di Taranto)

L’unica domanda che mi viene in mente leggendo quest’articolo è: "Quanti avrebbero fatto lo stesso?" Solidarietà bianchi neri

Ormai in Italia ci sono per gli immigrati troppi pregiudizi. Pregiudizi che sono però estesi ad ogni straniero presente in Italia.

Si dovrebbe,invece, fare una netta distinzione fra i vari caratteri di queste persone.

Chi si sarebbe mai aspettato che un cingalese dopo aver trovato una tale somma, l’avrebbe riconsegnata alle autorità? Invece eccolo qui, è successo davvero.

Da questa notizia possiamo solo imparare che le persone non sono tutte uguali, che tra gli immigrati ci sono persone buone, con un grande cuore e che farebbero di tutto per la nostra società.

Nessuno deve più giudicare gli stranieri con i paraocchi ma deve imparare a giudicarli per ciò che fanno e per il loro modo di essere.

Questa notizia è un messaggio importante per tutti, un messaggio che dovrebbe avere una estensione a livello mondiale.

Non bisogna assolutamente far rimanere questo messaggio solo nel sud Italia.
Così la nostra società un giorno cambierà il modo di agire e di pensare.

Note: A scuola abbiamo letto un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno del 18 aprile 2010, nella pagina di Taranto, dedicato a questa storia.

Questo è il commento di un altro studente della 2 C, Francesco Truncellito.

Oggi il nostro professore di lettere Alessandro Marescotti ci ha letto un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno. L'articolo parla di un cingalese di nome Ponvila che ha compiuto un gesto molto generoso. Ha conseganto alle autorità una somma di 1900 euro che aveva trovato per puro caso a terra in Via Berardi. Il suo è stato un atto di enorme bontà perché, secondo me, molti tarantini non li avrebbero consegnati alle autorità. Ponvila a differenza di molti altri si è distinto; per di più gli avevano offerto 300 euro e lui ha detto: "No, per legge, mi spettano solo 190 euro". Secondo me sono poche le persone come Ponvila. Lui così facendo si è dimostrato una persona per bene. L'unica cosa negativa è che questa notizia è rimasta a Taranto e non si è sparsa per l'Italia. Molti italiani vedono gli immigrati, regolari o irregolari che siano, come dei malviventi e delinquenti. Ponvila, comportandosi in quel modo, ha dimostrato che esiste gente perbene e onesta.

Articoli correlati

  • ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto
    Taranto Sociale
    I cittadini protesteranno perché il sindaco Rinaldo Melucci non risponde

    ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto

    Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto: "Si chiede ancora una volta che il sindaco dichiari l'incompatibilità dell’area a caldo dell’Ilva con la salute pubblica. Ricordiamo che l'area a caldo dell'Ilva venne già dichiarata fuorilegge fin dal 2012 dalla Magistratura".
    15 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Ilva Football club è la speranza
    Sociale
    A Taranto vogliamo vedere tornare i bambini a giocare all'aperto

    Ilva Football club è la speranza

    Le mie impressioni su "Ilva football club" che è diventato un caso letterario, ricevendo recensioni autorevoli su giornali nazionali. Narra della squadra di calcio dell’ILVA. I suoi calciatori sono tutti morti. Giocavano su un campo contaminato.
    Fulvia Gravame
  • Veleno
    Cultura
    Metti una notte d'estate

    Veleno

    Ecco cosa accade qui, nella terra amata dai greci e dai romani, nella terra che giace su due mari, tesoro di meraviglie d'arte e natura. Qui, prendi confidenza con benzene, acido solfidrico e anidride solforosa più che con i delfini del Golfo.
    19 agosto 2020 - Viviana Sebastio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)