Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Il fatto è avvenuto a Taranto

Una storia esemplare

Un cittadino cingalese di 30 anni, con regolare permesso di soggiorno, ha trovato per strada a Taranto diverse banconote per un totale di 1900 euro e ha chiamato la polizia per restituire il denaro al legittimo proprietario.
22 aprile 2010
Giovanni Formisano (studente 2 C dell'Istituto Righi di Taranto)

L’unica domanda che mi viene in mente leggendo quest’articolo è: "Quanti avrebbero fatto lo stesso?" Solidarietà bianchi neri

Ormai in Italia ci sono per gli immigrati troppi pregiudizi. Pregiudizi che sono però estesi ad ogni straniero presente in Italia.

Si dovrebbe,invece, fare una netta distinzione fra i vari caratteri di queste persone.

Chi si sarebbe mai aspettato che un cingalese dopo aver trovato una tale somma, l’avrebbe riconsegnata alle autorità? Invece eccolo qui, è successo davvero.

Da questa notizia possiamo solo imparare che le persone non sono tutte uguali, che tra gli immigrati ci sono persone buone, con un grande cuore e che farebbero di tutto per la nostra società.

Nessuno deve più giudicare gli stranieri con i paraocchi ma deve imparare a giudicarli per ciò che fanno e per il loro modo di essere.

Questa notizia è un messaggio importante per tutti, un messaggio che dovrebbe avere una estensione a livello mondiale.

Non bisogna assolutamente far rimanere questo messaggio solo nel sud Italia.
Così la nostra società un giorno cambierà il modo di agire e di pensare.

Note: A scuola abbiamo letto un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno del 18 aprile 2010, nella pagina di Taranto, dedicato a questa storia.

Questo è il commento di un altro studente della 2 C, Francesco Truncellito.

Oggi il nostro professore di lettere Alessandro Marescotti ci ha letto un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno. L'articolo parla di un cingalese di nome Ponvila che ha compiuto un gesto molto generoso. Ha conseganto alle autorità una somma di 1900 euro che aveva trovato per puro caso a terra in Via Berardi. Il suo è stato un atto di enorme bontà perché, secondo me, molti tarantini non li avrebbero consegnati alle autorità. Ponvila a differenza di molti altri si è distinto; per di più gli avevano offerto 300 euro e lui ha detto: "No, per legge, mi spettano solo 190 euro". Secondo me sono poche le persone come Ponvila. Lui così facendo si è dimostrato una persona per bene. L'unica cosa negativa è che questa notizia è rimasta a Taranto e non si è sparsa per l'Italia. Molti italiani vedono gli immigrati, regolari o irregolari che siano, come dei malviventi e delinquenti. Ponvila, comportandosi in quel modo, ha dimostrato che esiste gente perbene e onesta.

Articoli correlati

  • A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin
    Taranto Sociale
    Il 14 novembre sarà presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio

    A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin

    Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione. Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia.
    26 ottobre 2019
  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)