Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Migranti: quello che Salvini deve ancora studiare
    La sentenze della CEDU (Corte Europea dei Diritti dell'Uomo)

    Migranti: quello che Salvini deve ancora studiare

    La Libia non si può considerare un "porto sicuro" e quindi i migranti attualmente al largo di Pozzagallo non possono essere rispediti indietro. Eccole norme che il ministro degli Interni deve ancora ripassare con attenzione
    16 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Lettera aperta all'onorevole Salvini

    Lettera aperta all'onorevole Salvini

    29 giugno 2018 - Teresa Melissari
  • PeaceLink aderisce a European Solidarity
    Save lifes, change Dublin

    PeaceLink aderisce a European Solidarity

    La battaglia per la solidarietà europea non si fa sulla pelle delle persone in mare ma cambiando le regole sbagliate come il Regolamento di Dublino, che lasciano le maggiori responsabilità sui Paesi di Confine.
    28 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
  • Era tutta una montatura
    La magistratura archivia l'indagine e parla di "corretta gestione delle operazioni di salvataggio"

    Era tutta una montatura

    Cade l'accusa di favoreggiamento di immigrazione clandestina, archiviata l'indagine dei confronti delle ONG che salvano i migranti. Ma la cosa che fa riflettere è che sono i paesi poveri a fornire ospitalità all'85% dei rifugiati, lo dice l'ONU smentendo la campagna demagogica e razzista in corso.
    21 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
In treno per Ventimiglia

"Vi dovrebbero cacciare via. Ora ci pensa Salvini"

Porto con me il controllore. "Ripeta quello che mi ha detto davanti a un pubblico ufficiale. Verbalizziamo le sue dichiarazioni". Volevo che provasse due secondi di paura. E cosi è stato. Rispondere, colpo su colpo.
16 luglio 2018 - Dafne Anastasi
Fonte: Facebook

Sabato sul treno per Ventimiglia. Un perfetto sconosciuto nel corridoio del treno mi chiede: "Dove vai?"

"A Ventimiglia!", rispondo io con voce squillante.

"A far cosa?", insiste.

"Il corteo per il permesso di soggiorno europeo".

"Vi dovrebbero cacciare via. Ora ci pensa Salvini", mi dice.

Io: "Quindi lei sta dicendo che una libera cittadina deve essere espulsa per le sue opinioni politiche?"

"Certo", risponde.

Dopo due minuti torno da lui.

Porto con me il controllore.

"Ripeta quello che mi ha detto davanti a un pubblico ufficiale. Verbalizziamo le sue dichiarazioni".

Sta zitto.

Io insisto.

Lui dice che non mi ha detto niente.

Interviene la compagna che era con me e dice che lo ha detto eccome.

Continua a stare zitto. Inizia a sudare.

Il controllore mi chiede che fare. "Niente", gli rispondo. "Volevo che si vergognasse di quello che ha detto".

Volevo che provasse due secondi di paura. E cosi è stato.

Rispondere, colpo su colpo.

Prendiamo le distanze dal ministro Matteo Salvini: non rappresenta l'Italia della solidarietà. "Salvini, not in my name!"

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)