Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • La battaglia di Aleppo
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
  • L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    I grandi sponsor e finanziatori di Daesh sono da cercarsi anche tra le petromonarchie alle quali Stati Uniti e stati europei (Italia compresa) vendono armi a tutto spiano.
    1 agosto 2016 - Alessio Di Florio
  • Questo terrorismo che ritorna e ci investe

    Dopo la strage di Nizza

    Pochi giorni fa i mass-media davano notizia dell'uccisione di uno dei principali capi dell'Isis, detto "il ceceno", ed aggiungevano con noncuranza che era stato addestrato dagli americani. La carriera di terrorista di Bin Laden inizio' in Afghanistan finanziata dagli Usa
    16 luglio 2016 - Peppe Sini
  • Dopo l'attentato a Dacca in Bangladesh

    In ricordo delle vittime

    Nessuna causa, nessuna ragione, nessun sistema di valori, nessuna visione del mondo puo' giustificare l'uccisione di un essere umano
    3 luglio 2016 - Peppe Sini
L'unica sicurezza è smetterla di fiancheggiare lo speculare terrorismo di Bush

L'attentato in Egitto e l'azione del movimento per la pace

La guerra al terrorismo ha fallito. Solo il movimento per la pace può portare le nazioni fuori dal botta-e-risposta fra guerra e terrorismo
23 luglio 2005 - Alessandro Marescotti

Basta: usciamo fuori da uno scontro che non ci appartiene. Lasciamo Bush da solo a fare il bullo con Bin Laden. Finiamola con questo servilismo sciocco e pericoloso.

Quattro anni di guerra condotta in nome della lotta al terrorismo, oltre a seminare distruzione, hanno aumentato in modo gigantesco l'insicurezza, la destabilizzazione, i pericoli in tutto il pianeta. Lungi dall'averli diminuiti, la guerra ha alimentato gli attacchi terroristici.

Bisogna cambiare radicalmente strada, prima che sia troppo tardi. Sottrarsi al circolo vizioso nel quale guerra genera guerra e terrore è l'unica possibilità per garantire sicurezza a tutte e a tutti.

Bisogna opporsi alla costruzione di un mondo armato, di società e di economie di guerra.

Bisogna portare subito l'Italia fuori dal sistema della guerra.

Dopo l'ultimo attacco terroristico in Egitto Berlusconi ha detto: "Chi ha commesso questo odioso atto di violenza deve sapere che tutti i Paesi uniti nella comunità internazionale non cesseranno mai di combattere fino in fondo ogni forma di terrorismo".

Il presidente del Consiglio dice le solite cose e dirà le solite cose al prossimo attacco terroristico. E saremo sempre meno sicuri.

Berlusconi continua a collocare l'Italia nel fuoco incrociato fra i sostenitori della guerra e i sostenitori del terrorismo.

Occorre ritirare le truppe italiane dall'Iraq e dichiarare chiaramente che la guerra al terrorismo è fallita. Occorre voltare pagina con umiltà e buon senso finendola con servilismo verso Bush. Vanno individuate e rimosse le radici che generano il terrorismo, prima fra tutte la guerra. Perché finché noi bombarderemo le loro case, loro bombarderanno i nostri alberghi e le nostre metropolitane.

"Se bombardate le nostre città", ha detto Osama Bin Laden in uno dei suoi recenti video, "noi bombarderemo le vostre". Promessa mantenuta, ha osservato il giornalista Robert Fisk. Che ha aggiunto: "Non è stato difficile per Blair definire l’attentato del 7 luglio “barbarico” - naturalmente lo è stato - ma cosa si è detto riguardo ai civili morti a causa dell’invasione anglo-americana dell’Iraq nel 2003, riguardo ai bambini dilaniati dalle cluster bomb, riguardo all’interminabile scia di iracheni uccisi ai check-point dell’esercito Usa? Quando loro muoiono, si parla di “danno collaterale”; quando noi moriamo, diventa “barbarico terrorismo". Se combattiamo l’insurrezione in Iraq, cosa ci fa pensare che l’insurrezione non possa arrivare a noi?".

Bisogna rimuovere l'insana giustificazione "militare" che è alla base di questa assunda spirale pagata unicamente - come in ogni guerra - da civili innocenti.

Solo una politica di pace - che ci distanzi dalle scelte oltranziste degli Stati Uniti - può portare le nazioni fuori dal botta-e-risposta fra guerra e terrorismo.

Per questo è importante sostenere l'appello "La pace è l’unica sicurezza" lanciato dal movimento di opposizione alla guerra, di cui abbiamo riportato alcune frasi all'apertura di questa breve riflessione.

"Bombardare persone innocenti - ha scritto Tariq Ali sul The Guardian - è ugualmente barbarico a Baghdad, Jenin e Kabul così come lo è a New York, Madrid o Londra. E a meno che questo non venga ammesso, gli orrori continueranno".

E infatti si sono riprodotti nelle scorse ore in una nazione, l'Egitto, il cui presidente sostiene Bush con una politica non molto dissimile da quella del nostro Berlusconi, consentendo in più la tortura di sospetti terroristi catturati dalla Cia e portati ad hoc nelle carceri egiziane.

Note:

La pace è l’unica sicurezza. Una campagna di organizzazioni e reti che fanno parte del movimento contro la guerra.
http://www.arci.it/Scripts/internazionali/notiziainternazionali.exe?Id=2887

Sulla “guerra al terrore” si legga http://www.ilpiccologiornale.it/wmview.php?ArtID=1107

--- I velenosi frutti della lotta al terrorismo ---
23 lug 22:40 Londra, polizia: "Abbiamo ucciso per errore"
LONDRA - Era estraneo agli ultimi attentati di Londra l'uomo ucciso ieri dalla polizia alla stazione metropolitana di Stockwell. Lo ha ammesso Scotland Yard in un comunicato. "Ora siamo sicuri che l'uomo non aveva niente a che fare con gli eventi di giovedi' 21 luglio 2005", recita la nota ufficiale. "Perdere la vita in tali circostanze e' una tragedia e questo e' motivo di rammarico per il Servizio di Polizia metropolitana", ha aggiunto un portavoce. La vittima era un brasiliano di nome Jean Charles de Menezes. (Agr)

Leggete la versione "bugiarda" del giorno prima...

GB: POLIZIA, L'UOMO UCCISO A STOCKWELL ERA UNO DEI RICERCATI
Londra, 22 lug. (Adnkronos/Dpa) - Scotland Yard ha confermato che l'uomo ucciso dagli agenti in borghese nella stazione di Stockwell era tra i sospettati. Secondo l'emittente Sky che cita fonti della polizia, l'uomo sarebbe uno dei terroristi ricercati per gli attentati falliti ieri nelle tre stazioni della metropolitana e sull'autobus della linea 26.

---

A questo punto è legittimo ritenere poco credibile tutta la prima ricostruzione ufficiale della vicenda secondo cui il "sospetto terrorista" si sarebbe sottratto ai controlli. Anche perché effettuati da poliziotti in borghese e armati... Chi non scapperebbe se fosse fermato da gente armata che non conosce, per di più nel clima di panico creatosi dopo l'attentato terrististico?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)