Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

Scattano le sanzioni da oggi contro qualsiasi manifestazione entro un raggio di un chilometro da Westminster

Brian Haw potra' continuare a protestare davanti al Parlamento inglese

Conclusasi positivamente la vicebda del pacifista inglese che non ha mai smesso di opporsi all'embargo e alla guerra in Iraq. L'Alta Corte di Londra gli ha riconosciuto il diritto di manifestare davanti a Westminster nonostante le nuove misure restrittive
1 agosto 2005

Brian Haw

Premiata la perseveranza del pacifista inglese Brian Haw. L'Alta Corte di Londra ha riconosciuto il suo diritto a continuare a manifestare davanti a Westminster nonostante una nuova legge promulgata all'inizio dell'anno fissi delle misure restrittive per le proteste intorno al parlamento. Da anni il pacifista conduce una campagna solitaria dapprima contro le sanzioni e poi contro la guerra in Iraq.

Giorno e notte lo si può trovare circondato da bandiere e striscioni davanti a Westminster. Ma a partire dall'1° agosto qualsiasi manifestazione entro un raggio di un chilometro dal Parlamento che non abbia ricevuto il permesso della polizia sarà vietata. E' la conseguenza della legge approvata all'inizio dell'anno in cui si è assegnato al ministro degli Interni il potere di introdurre una zona di esclusione ed altre misure restrittive per le manifestazioni intorno a Westminster.

L'Alta Corte di Londra ha però decretato che la protesta di Haw è legittima e che le nuove norme non si applicano al suo caso, in quanto riguarda le nuove manifestazioni. Mentre quella di Haw è iniziata quattro anni fa. Al termine dell'udienza, il pacifista ha dichiarato: "Il governo chiaramente non voleva che restassi per ricordare a tutti l'immensa sofferenza che il Paese sta causando in Iraq. Per secoli i cittadini britannici hanno avuto il diritto di protestare di fronte al Parlamento. Ora questo loro diritto dipenderà dalle decisioni della polizia".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)