Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Che indicazioni hanno dato i Papi che hanno visitato il siderurgico di Taranto?

    I discorsi dei Pontefici Paolo VI e Papa Giovanni Paolo II sulla produzione dell'acciaio nell'impianto siderurgico di Taranto

    Abbiamo voluto analizzare i discorsi dei due pontefici hanno letto davanti agli operai del siderurgico di Taranto quando sono venuti nel 1968 e nel 1989, in quanto rappresentano una riflessione alta sul senso del lavoro in una grande fabbrica, sull'impatto dell'industria sul territorio, sul modello di sviluppo e, come tali, sono ancora molto attuali.
    21 agosto 2013 - Gianpaola Gargiulo
  • 44 torturatori hanno festeggiato la nomina del nuovo Papa

    Bergoglio e una tifoseria particolare

    Forse il peccato del nuovo Papa è stato solo una insicurezza dell'Uomo, una umana mancanza di coraggio in un paese imbestialito, ma la sua debolezza fu intesa come un appoggio morale da chi stava compiendo atti criminali contro l'umanità, e che ieri è entrato in un’aula di Tribunale con un fiocco bianco e giallo. ( N.d.t.)
    15 marzo 2013 - Marta Platía - www.pagina12.com.ar
  • Poteva denunciare i carnefici e non l'ha fatto
    Il cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio è ora papa Francesco I

    Poteva denunciare i carnefici e non l'ha fatto

    La Chiesa argentina sapeva. Veniva data la comunione ai torturatori. C'era anche chi affermava che "la repressione fisica è necessaria". Il nuovo papa potrebbe chiedere perdono alla vittime, sarebbe un grande atto di coraggio, come ha già fatto papa Giovanni Paolo II
    14 marzo 2013 - Alessandro Marescotti
  • A Giovanni Paolo II
    Certe lettere devono essere scritte quando il destinatario sicuramente le leggerà e comprenderà

    A Giovanni Paolo II

    Riceviamo e - volentieri - pubblichiamo questo commento di don Vitaliano Della Sala
    2 maggio 2011 - don Vitaliano Della Sala
XX Giornata mondiale della gioventù

Colonia : i giovani aspettano Ratzinger


Quei volti dei ragazzi che inseguono le loro passioni
17 agosto 2005 - Gennaro Matino (Teologo)
Fonte: Il Mattino


Anche questa volta sono in tanti a rispondere all’appello di Benedetto XVI che invita i giovani a ritrovare l’orgoglio di essere cristiani in questa XX Giornata mondiale della gioventù ieri a Colonia. Annunciata a Toronto da Giovanni Paolo II, che allora convocò i giovani sul tema «Voi siete il sale della terra», l’incontro di quest’anno ha come metafora di fondo «Siamo venuti per adorarlo». Rimanendo fedeli all’esortazione di Wojtyla, che li aveva spronati a proseguire il loro cammino, circa un milione di giovani, ancora affezionati al papa polacco, ha gremito i vari luoghi deputati agli incontri e l’imponente cattedrale dedicata alla memoria dei magi, per adorare come loro Cristo, pronti ad ascoltare B XVI, come simpaticamente ora i ragazzi chiamano il papa tedesco. È commovente toccare con mano quanto i nostri giovani, che vivono il tempo della disgregazione e della contrapposizione di mondi opposti, che assistono impotenti e apparentemente indifferenti alla lacerazione delle famiglie, siano così attratti da una chiamata all’unità. Certamente è importante constatare che, in questo tempo contrassegnato dalla precarietà, dal dubbio e dal nichilismo ogni qualvolta ci sia una proposta significativa, capace di aprire gli orizzonti e offrire prospettive che portino al di là delle barriere create dai falsi bisogni di una società opportunista, i giovani siano pronti, come i magi, a seguire la cometa che illumina la notte.
Tuttavia spesso mi sono chiesto se i tanti giovani convocati per le Giornate mondiali della gioventù, o i tanti che ogni anno si recano a Lourdes o ad altri santuari pronti ad offrire solidarietà ed aiuto a chi soffre, siano davvero mossi dalla fede, se davvero seguano la luce di Cristo o sono una chimera. Basta creare aggregazione per suscitare la fede? Quanti dei Papa-boys o dei giovanissimi barellieri sono motivati a continuare il cammino di fede nel loro quotidiano fatto di discoteche, di fumo e dalle folli corse del sabato sera? Quanti giovani più che dalla fede sono attratti dalla curiosità, dalla nuova esperienza, dal turismo a basso costo, dalla voglia di una vacanza diversa? Le mie osservazioni non nascono certo da una volontà disfattista ma credo che sia necessario fare attenzione a non lasciarsi prendere da facili entusiasmi. Sta di fatto che questo straordinario movimento di giovani, nato con Giovanni Paolo II, nel corso di questi anni non sembra aver arricchito la pastorale delle parrocchie, se si fa eccezione per alcune comunità dove i giovani non sono stati ancora travolti dal facile benessere. Questa è anche la preoccupazione di Papa Ratzinger che si appresta ad arrivare a Colonia per proporre un cristianesimo non emotivo, non da «minestra riscaldata». Certo è che i magi quando andarono a Betlemme per adorare Cristo, non andarono a mani vuote, perché chiunque voglia seguire Gesù deve essere pronto a donare qualcosa di importante o a lasciare qualcosa che gli appartiene, come la samaritana che, riconosciuto il Salvatore, lasciò la sua brocca accanto al pozzo. Cosa sono pronti a donare questi giovani che affollano le piazze o che una settimana all'anno si dedicano agli ammalati? Molti di loro nulla di più di una passione che dura il tempo di una cometa. Ma è proprio questo che deve indurci a riflettere perché quella passione, quel fuoco acceso da eventi straordinari, non vada sciupata, ma possa continuare a bruciare nella vita ordinaria fatta di impegni e di scelte. Forse sarebbe tempo che le parrocchie si adoperassero per rendere straordinario l'ordinario e proporre ai giovani una chiamata diversa. E allora saranno in tanti a cantare con il cuore l'inno che adesso entusiasti cantano per la prima volta insieme a Colonia: «Perché i re lasciarono i loro palazzi? Perché i pastori lasciarono di notte le loro greggi? Perché si inginocchiarono davanti ad un bambino? Quando venne chiesto loro, essi dissero: Venimus adorare eum. Per questo siamo qui, per adorarlo. Per questo siamo qui, per incontrarlo nel pane e nel vino, in te ed in me».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)