Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Castoro (centro studi Torre di Nebbia): "Vendola sta mantenendo le promesse"

Bloccati per ora i poligoni militari per l'ostruzionismo del Presidente della Regione Puglia

Asse fra Puglia e Sardegna contro le servitù militari della Difesa.
Daniele Marescotti19 settembre 2005
Fonte: Redattore Sociale

Fax di Nicola Occhiofino, Assessore alla solidarietà sociale della Provincia di Bari

“Se servirà mi metterò di traverso”, aveva annunciato il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola durante la campagna elettorale in riferimento al potenziamento della nuova base navale a Taranto. E la sua promessa è stata mantenuta. Per il 15 settembre, infatti, era stata convocata una riunione del Comipa (comitato misto paritetico sulle servitù militari). Durante questa riunione si sarebbe dovuto discutere del riassetto delle servitù militari in Puglia ma il Presidente Vendola non ha partecipato bloccando di fatto l’avvio delle esercitazioni militari nella regione.

Una posizione molto simile ha preso il presidente della Sardegna Renato Soru che si è anzi spinto fino a votare esplicitamente contro le proposte dei militari nell’ambito del Comipa sardo.

In tutta questa storia c’è però un “ma” poiché il ministero della Difesa potrebbe aprire i poligoni senza accordo con la Regione.

Piero Castoro, del centro studi Torre di Nebbia, ha dichiarato: “Ora il governatore non va lasciato solo. All’ultima marcia della Murgia, la Gravina-Altamura, c’era chi chiedeva che Nichi Vendola facesse in Puglia quello che Soru sta facendo in Sardegna. E lui lo sta facendo”.

E a proposito del comitato paritetico così si esprime Castoro: “Nel comitato paritetico i militari sono abituati da sempre a fare e disfare a loro piacimento. All’interno del parco dell’Alta Murgia non è possibile programmare alcuna attività per esempio didattica perché non sappiamo quando si svolgeranno le esercitazioni”.

Nel frattempo arriva un invito da parte del presidente della Sardegna Renato Soru il quale si è detto favorevole al raggiungimento di un’intesa con Vendola per costringere la Difesa ad un “riequilibrio” delle servitù militari. A tal fine Soru ha proposto un incontro con Roland, ambasciatore Usa a Roma, e il Presidente della Puglia Nichi Vendola.

Note: Per gentile concessione dell'agenzia stampa Redattore Sociale.
Si allega la presa di posizione dell'Assessore alla solidarietà sociale della Provincia di Bari, Nicola Occhiofino

Allegati

Articoli correlati

  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia
    Disarmo
    Le iniziative del movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni)

    “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia

    L’accordo per la cooperazione scientifica e tecnologica si integra con quello specificamente militare poiché le armi sono sempre più legate allo sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla robotica
    31 marzo 2019 - Rossana De Simone
  • Ecodidattica
    Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Disarmo
    Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)