Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

La vignetta di Michele De Benedetto

Torture in Iraq: Lynndie England condannata a tre anni

15 novembre 2005
Fonte: WWW.CENTOMOVIMENTI.COM - 28 ottobre 2005

Vignetta di Michele De Benedetto

Dopotutto non è poi andata così male alla soldatessa degli Stati Uniti d'America Lynndie England, condannata ieri a 3 anni di carcere per le torture perpetrate in Iraq ai danni dei prigionieri. A causa di una fotografia nella quale è stata immortalata mentre tiene al guinzaglio un detenuto nudo, era diventata il simbolo stesso degli abusi messi in atto dai militari americani nelle carceri irachene.

Poteva andarle molto peggio, i sette capi di imputazione con i quali è stata trascinata in Tribunale potevano portare ad una condanna molto più grave, fino a diciassette anni di reclusione. Invece la Corte Marziale di Fort Hood (Texas) l'ha assolta dall'accusa di associazione a delinquere, e così la massima pena possibile si è ridotta a circa dieci anni.

I Magistrati sono però stati ancora più tolleranti, e le hanno inflitto solo tre anni di galera e la radiazione dall'esercito. Alla lettura della sentenza, la soldatessa è scoppiata in lacrime.

"Dopo che le foto sono state diffuse, ho sentito che le nostre forze hanno subito attacchi a causa di esse - aveva affermato poco prima davanti ai Giudici - chiedo scusa alle forze della coalizione e a tutte le famiglie dei caduti. Chiedo perdono ai detenuti iracheni e all'America".

Articoli correlati

  • La scommessa della rifondazione dello Stato dal basso
    Latina
    Per un Guatemala senza corrotti e plurinazionale (II)

    La scommessa della rifondazione dello Stato dal basso

    Intervista ad Anabella Sibrián
    2 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Per un Guatemala senza corrotti e plurinazionale (I)
    Latina

    Per un Guatemala senza corrotti e plurinazionale (I)

    Mobilitazioni e proteste in tutto il paese
    30 agosto 2021 - Giorgio Trucchi
  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)