Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Guantanamo: nessuna immagine consentita

L’11 gennaio 2002, alcuni giornalisti della CNN, CBS e The Army Times, sono stati autorizzati a fotografare e a filmare a Kabul, l’imbarco di venti prigionieri per la base militare di Guantanamo (Cuba). Dopo la partenza dei prigionieri, i giornalisti si sono visti notificare l’interdizione a diffondere le immagini. Un portavoce del Pentagono ha spiegato ai giornalisti che le immagini erano contrarie ai trattati internazionali in quanto “degradanti” per i prigionieri. Vari media hanno supinamente accettato tale spiegazione. Forti di questa esperienza, il Pentagono ha invocato gli stessi motivi, più quelli riguardanti la sicurezza nazionale, alcuni mesi più tardi, per proibire alla stampa di trasmettere immagini sul trasferimento dei detenuti dal campo di X-Ray a quello di Delta, ambedue nella base di Guantanamo.

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu
    Pace
    Per chiedere il rispetto dei diritti umani occorre dare il buon esempio

    Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu

    L'obiettivo è fare pressione sul governo italiano perché richieda al presidente USA Joe Biden la chiusura della prigione di americana Guantanamo, luogo di torture e di violazioni dei diritti umani, oltre che delle Convenzioni di Ginevra.
    31 agosto 2021 - Associazione PeaceLink
  • Scrive una favola di pace dopo 14 anni di carcere e torture nella prigione americana di Guantanamo
    Cultura
    Gli Stati Uniti lo hanno detenuto senza processo e lui ha scritto “Guantanamo Diary”

    Scrive una favola di pace dopo 14 anni di carcere e torture nella prigione americana di Guantanamo

    Mohamedou Ould Slahi era stato arrestato per terrorismo ma non c'erano prove. Era innocente. Al rilascio ha trovato la serenità di scrivere una favola di pace. Un carattere unico che lo ha portato a diventare amico di uno dei suoi carcerieri. Ora c'è anche un film su di lui.
    23 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)