Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Non esistono guerre giuste e la tortura è sempre un crimine

Guantanamo e le contraddizioni dei grandi della Terra

I venti anni di atrocità in Afghanistan e a Guantanamo provano che gli USA e l'UE non sono democrazie compiute. In nome della lotta al terrorismo hanno fatto strage di innocenti e, invece che moltiplicare soluzioni di pace stanno progressivamente aumentando i loro finanziamenti al settore militare
7 gennaio 2022

Campagna Guantanamo

Gli ultimi contingenti USA stavano lasciando l'Afghanistan quando a fine agosto 2021 la redazione di PeaceLink decise di dare avvio alla Campagna per la chiusura di Guantanamo

Il nostro scopo era, ed è, ricordare che nella guerra al terrorismo gli USA non stanno agendo nel rispetto delle leggi internazionali, e chiediamo venga fatta luce sui crimini di guerra consumati in nome della democrazia.
Nessuno Stato deve permettersi ancora di contravvenire alle Convenzioni di Ginevra con un gioco di lessico e definizioni; non accettiamo vengano, più o meno apertamente, nutrite divisioni tra culture per motivi religiosi.
Non lasciamo fuori dai nostri discorsi la guerra, perché ci riguarda e invitiamo a promuovere ovunque una cultura di pace. 

tutto diventò più oscuro, più veloce e più violento e ci veniva detto di affidarci a chi la guerra la fa per mestiere

Precisamente venti anni fa il presidente americano George W. Bush mostrò al mondo di quale accentramento di potere è capace una democrazia come la sua; agli eventi dell'11 settembre rispose con un dispiegamento bellico poderoso. Nella stessa Europa qualcuno si disse perplesso, invece che acuire lo scontro gli USA avrebbero potuto agire diversamente, e invece l'esecutivo cominciò a muoversi secondo le informazioni avute dall'intelligence e tutto diventò più oscuro, più veloce e più violento.

Sotto i nostri occhi l'Occidente si fece estremista in nome della sicurezza nazionale.
Negli USA e in Europa il sospetto assottigliò il cuore di tanta gente verso chiunque avesse tratti somatici da mediorientale e una barba nera.

Con l'11 settembre la guerra sembrò affacciarsi sulle nostre case. Noi gente comune, ci veniva detto, dovevamo affidarci a chi la guerra la fa per mestiere e sta lavorando per tenerci al sicuro. Le spese pubbliche per gli armamenti e la difesa cominciarono a crescere in maniera spaventosa in nome della lotta al terrorismo mentre piccole alternative resistenti tendevano la mano alla cultura musulmana pacifista e alle popolazioni inermi sotto i bombardamenti.

Gli USA aprirono un campo di detenzione speciale per sospetti terroristi, a Guantanamo Bay, nel sud-est di Cuba.
territorio Guantanamo Bay Disattendendo le Convenzioni di Ginevra e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e trascinando in questa furia gli altri Stati della NATO che partecipavano al loro fianco, classificarono i nemici catturati come "combattenti illegali" e non come prigionieri di guerra.
La distinzione aveva un impatto diretto sul trattamento riservato ai detenuti. L'amministrazione Bush proclamò che le Convenzioni di Ginevra non si applicavano al conflitto con al-Qaeda perché non apparteneva a "eserciti regolari" di qualche governo riconosciuto.

Prima di arrivare a Guantanamo molti degli uomini catturati furono trattenuti e interrogati dalla CIA, per mesi o anni in luoghi sconosciuti comunemente indicati come black sites. Iniziarono così storie inenarrabili di tortura e di detenzione indefinita, senza che si riconoscesse loro l'habeas corpus, quindi senza rendere noto a loro o ad altri il motivo dell'arresto e permettere che si avvalessero di una difesa legale. Insomma, nei balck sites e a Guantanamo si sono chiuse le porte alla legge. Legge che avrebbe impedito gli isolamenti, ordinato di celebrare processi regolari e punito l'uso di tecniche di interrogatorio avanzate. 

Il 14 settembre 2001 il Congresso USA approvò l'AUMF - Autorizzazione all'uso della forza militare - che permette al presidente di usare la forza ritenuta necessaria contro quelle nazioni, organizzazioni o persone che secondo il suo esame abbiano pianificato, commesso o aiutato gli attacchi avvenuti l'11 settembre 2001. Un potere senza limiti geografici o di tempo, riconfermato nel 2012, quando si precisò che era altresì permessa la detenzione senza processo fino alla fine delle ostilità. [1]
Secondo i vertici della Difesa americana il conflitto degli Stati Uniti con al-Qaeda è ancora in corso oggi nel 2022, dopo il ritiro dall'Afghanistan, trattandosi di un conflitto non convenzionale, con attori non statali dispersi nel mondo. Quindi non è possibile definire quando finiranno le ostilità, e i 39 detenuti a Guantanamo possono ancora restare lì rinchiusi.

nei balck sites e a Guantanamo si sono chiuse le porte alla legge

In tutto questo troppo poco si parla delle torture accertate e delle altre violazioni ad opera della Difesa e del Governo, così come si parla appena della combinazione degli interessi dell'industria petrolifera e dell'industria bellica ben rappresentati a Washington, o che i regimi con cui collaboriamo siano repressivi e odiosi quanto i talebani. [2]
I margini delle libertà negli USA e nel mondo non sono progredite verso un mondo più giusto, più a dimensione d'uomo.
Certe parole concitate sono servite solo a risvegliare i nostri istinti più bassi, a provocare quella cecità dell'odio che rende pensabile ogni misfatto, l'uccidere, il torturare, e chiamare l'altro "nemico". Subito dopo l'11 settembre si esercitò una censura grossolana sui programmi televisivi, alcuni giornalisti furono allontanati dal loro ruolo, domande lecite suonavano come scomode. [3]

Come l'orrendo muro al confine con il Messico, Guantanamo è lo specchio della politica estera americana oggi.
Oltre al campo di prigionia per i sospettati terroristi a Guantanamo c'è un Centro per la prima accoglienza dei migranti haitiani che vogliono raggiungere gli USA. Anche questo Centro è impenetrabile ai giornalisti e ai legali delle organizzazioni umanitarie. Dal 1981 gli USA hanno attivato un programma noto come Alien Migrant Interdiction Operations (AMIO) che ha iniziato a respingere tutti gli arrivi, spesso senza neppure farli arrivare sulla costa. Non è un caso che ci ricordi quello che accade nel Mediterraneo, infatti l'AMIO è stato preso a modello nell'UE per il Mediterraneo e l'Atlantico, e in Australia per il Pacifico.
Irregolarità, minacce, abusi istituzionali sono le accuse che alcuni attivisti sono riusciti a formalizzare nei confronti del ISN - Servizio per l'immigrazione e la naturalizzazione statunitense - portato nelle aule di tribunale di Miami, processi ancora oggi in corso.


Sequestri e detenzioni indefinite, torture, documenti secretati, respingimenti illegali appartengono alla politica della Nazione più democratica del mondo.
Stona, non è vero? Ecco, infatti.


Come dovrebbe agire uno Stato democratico in uno stato di eccezione?
Perché gli Organismi Internazionali che dovrebbero fermare queste aberrazioni del diritto non manifestano alcuna opposizione? Questo è il nuovo corso delle cose e dobbiamo farci l'abitudine?
L'indigenza, la morte e le mutilazioni, i muri, le divisioni, queste non sono opere di un Paese democratico.
Non lasciamo fuori dai nostri discorsi la guerra, perché ci riguarda. 


Per la nostra Campagna per la chiusura di Guantanamo il nostro amico Marco Chiavistrelli ha scritto una canzone, il testo lo trovate dopo il video. Autore e musicista canta dagli anni '70 di libertà, con uno sguardo speciale rivolto agli ultimi della storia.
Grazie Marco.



PRIGIONIERO A GUANTANAMO

Mi hanno messo in una gabbia
animale sotto il sole
mi han frustato nella notte
non capivo le parole
mi hanno torturato a turno e ingiuriato
belve che non conoscono persone
Prigioniero qui a Guantanamo
prigioniero senza nome

Mi han chiamato terrorista
ma uno solo è giudicato
hanno riso a convenzioni
e tramortito sul selciato
se l'è risa il presidente
la tortura funziona eccome
Prigioniero qui a Guantanamo
prigioniero senza nome

Mi hanno trasferito muto
per governi e per finzioni
con i tubi dentro il naso
incappucciato inginocchiato
quale sia la colpa mia
l'han passata tanto eccome
Prigioniero qui a Guantanamo
prigioniero senza nome

Son sparito nella notte
con Guantanamo in colore
con le case belle tinte
risplendenti sotto il sole
siamo nulla nella storia
mai esistiti come persone
Prigionieri qui a Guantanamo
prigionieri senza nome 




Note: [1] Report "USA: right the wrong" di Amnesty International del 2021 https://www.amnesty.org/en/wp-content/uploads/2021/05/AMR5134742021ENGLISH.pdf
[2] e [3] Tiziano Terzani, Lettere contro la guerra, 2002 Longanesi & C.

Articoli correlati

  • Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu
    Pace
    Per chiedere il rispetto dei diritti umani occorre dare il buon esempio

    Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu

    L'obiettivo è fare pressione sul governo italiano perché richieda al presidente USA Joe Biden la chiusura della prigione di americana Guantanamo, luogo di torture e di violazioni dei diritti umani, oltre che delle Convenzioni di Ginevra.
    Associazione PeaceLink
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Il silenzio dei pacifisti
    Pace
    Un medesimo filo conduttore: i diritti umani.

    Il silenzio dei pacifisti

    Le campagne lanciate da PeaceLink mirano alla liberazione di persone innocenti e a garantire processi equi: Guantanamo, Assange, Hale. E' gravissimo che paghino col carcere i testimoni che hanno rivelato crimini di guerra.
    20 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa
    Disarmo
    Il 27 luglio 2021, è stato condannato lo specialista di droni Daniel Hale a 45 mesi di prigione

    Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa

    Hale ha detto a un giudice federale di sentirsi obbligato a far trapelare informazioni a un giornalista per il senso di colpa per la propria partecipazione a un programma che stava uccidendo indiscriminatamente civili in Afghanistan lontano dal campo di battaglia. Civili ! contro ogni convenzione.
    29 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)