Conflitti

Tra diritto internazionale e filosofia morale

Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
31 dicembre 2021

Il 7 dicembre 2021 nel Senato USA si è riunita una Commissione di Giustizia per raccogliere sei testimonianze su Guantanamo Bay, sei esperienze dirette e specifiche molto diverse tra loro che ascoltate nell'insieme trasmettono una perfetta immagine dello spirito americano in questo momento storico. Alla sessione hanno partecipato quattro favorevoli alla chiusura del centro di detenzione e due contrari.

senatore D. Durbin, Presidente della seduta

A presiedere l'udienza il senatore dell'ala democratica Dick Durbin che in un tweet di quel giorno scrive "sono passati 8 anni e 3 amministrazioni" dall'ultima volta che in Senato abbiamo discusso della chiusura di Guantanamo. Nel 2013 con Patrick J. Leahy esaminò le implicazioni negative, fiscali e di reputazione nello scenario politico mondiale, della gestione di Gtmo.
Più di recente, ad aprile 2021 con altri 23 senatori democratici, sempre Durbin ha indirizzato una lettera al presidente Biden, "sarà necessaria una leadership forte ed efficace della Casa Bianca" ha scritto, e ha indicato chiaramente per quale procedura istituzionale sia possibile risolvere l'incresciosa situazione degli ultimi 39 uomini ancora lì detenuti. A fine novembre ha presentato un emendamento alla National Defense Authorization Act (NDAA) per chiudere Gtmo.

Così, il 7 dicembre 2021, Dick Durbin è stato il primo a prendere la parola, seguito dal senatore repubblicano Chuck Grassley e dalla senatrice democratica Dianne Feinstein. Durbin ha poi presentato i sei testimoni e invitato tutti al rito di giuramento; quello che hanno detto i sei testimoni lo riporto qui di seguito, in modo sintetico ma fedele alle trascrizioni rese disponibili dal sito web ufficiale della commissione.


John G. Baker, testimone sulle commissioni militari a Guantanamo John G. Baker, Generale di brigata nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti, Dipartimento della Difesa, Consulente capo delle Commissioni Militari
"La giustizia è una responsabilità condivisa; un principio basilare per il nostro sistema, eppure in Guantanamo, le commissioni militari non sono state all'altezza di questa responsabilità. Per i detenuti accusati, per il Paese, e soprattutto per le vittime dell'11 settembre dobbiamo portare questi procedimenti a una conclusione il più rapida possibile. Si noti che non dico "una conclusione il più possibile giusta". È troppo tardi perché le attuali commissioni possano fare giustizia per qualcuno. Il meglio che si può sperare a questo punto, più di 20 anni dopo che i crimini sono stati commessi, è di mettere fine a questo sordido capitolo della storia americana, e questa fine può arrivare solo attraverso una risoluzione negoziata dei casi.
Quali che fossero le intenzioni originali, le commissioni militari di Guantanamo hanno fallito.
Il governo sapeva dei black sites e degli altri abusi di Guantanamo. La tortura ha minato ogni aspetto di questi procedimenti giudiziari. Ma non è tutto: fin dall'inizio, ai detenuti non è stata permessa una difesa legale, e dopo sono state ripetute e gravi le intromissioni nel rapporto tra gli avvocati e i loro clienti. Questo problema è stato endemico in tutti i procedimenti".


Colleen Kelly, "Famiglie dell'11 settembre per un domani di pace"  Colleen Kelly, Famiglie dell'11 settembre per un domani di pace
"Sono un'infermiera domiciliare nel Bronx, New York, e madre di tre figli adulti. Mio fratello minore, Bill Kelly Jr., è stato ucciso nella Torre Nord del World Trade Center l'11 settembre. Bill aveva 30 anni. Non lavorava al World Trade Center, si trovava lì per una conferenza di due giorni, aveva ripetutamente chiesto al suo capo il permesso di potervi partecipare. Il capo di Bill acconsentì, così, per uno scherzo del destino, Bill era nel posto sbagliato, al momento sbagliato.
Quando il volo American Airlines 11 colpì la Torre Nord Bill mandò messaggi ai suoi colleghi tramite il suo Blackberry dicendo che era intrappolato. All'inizio sperava che i vigili del fuoco lo avrebbero salvato; quel giorno 343 vigili del fuoco persero la vita nel tentativo di salvare qualcuno.
Ognuna delle 2.977 persone uccise l'11 settembre aveva una famiglia, dei colleghi e degli amici. La nostra è una grande famiglia irlandese. Mia madre è una democratica e mio padre è un repubblicano, quindi a sedere qui oggi mi sento a mio agio, come in un'altra grande famiglia. 

Mio padre, 84 anni, l'ha detto in modo succinto quando gli ho chiesto cosa pensasse delle commissioni militari dell'11 settembre. Ha detto: "Questa non è giustizia". Sono d'accordo con lui al 100%.

Dopo l'11 settembre, ho co-fondato Famiglie dell'11 settembre per un domani di pace. Ognuno dei nostri 260 membri ha perso un parente l'11 settembre. Tutti noi crediamo fermamente che i cicli di violenza generati dalla guerra e dal terrorismo possano essere rotti solo in uno stato di diritto, attraverso rimedi e azioni pacifiche.
Dopo l'11 settembre ci aspettavamo che il nostro governo sostenesse lo stato di diritto nella ricerca delle responsabilità, per la morte dei nostri parenti. Non è quello che ha fatto.
Peaceful Tomorrows ha lo status di osservatore ufficiale nelle commissioni militari, quindi ho osservato le commissioni di Guantanamo in prima persona più di una dozzina di volte. E ho visto i familiari dell'11 settembre alle conferenze stampa passare negli anni da commenti di gratitudine all'accusa, alla frustrazione e al disappunto sul perché i procedimenti stiano durando così tanto.
La mia cara amica Rita Lasar, cofondatrice di September 11th Families for Peaceful Tomorrows, è deceduta.
Lee Hanson, che ha perso suo figlio, sua nuora e la nipote sul volo 175 della United Airlines, è deceduto.
Alice Hoagland, madre di Mark Bingham, eroe del volo United Airlines 93 è deceduta.
Il punto qui è che i membri delle famiglie e i feriti vogliono avere giustizia prima della morte. Vent'anni e ancora nessuna giustizia.

Abbiamo ascoltato per anni udienze preprocessuali che hanno rivelato torture scioccanti e i tentativi del governo di impedire che queste informazioni venissero alla luce. Le commissioni militari dovrebbero essere sotto i riflettori pubblici, come è appropriato per un tale crimine pubblico, e invece no.
Oggi chiedo a questa Commissione di riconoscere che le commissioni militari hanno fallito, e di incoraggiare l'Amministrazione Biden a porvi fine e a trovare un modo per risolvere il caso dell'11 settembre.
Nella ricerca di alternative, i membri della nostra organizzazione hanno incontrato procuratori federali del Distretto meridionale di New York e del Distretto orientale della Virginia per imparare di più sui complessi processi per terrorismo. Nel 2017, abbiamo iniziato a esplorare l'opzione di accordi preprocessuali con i consulenti legali e oggi sosteniamo che possano servire alle commissioni militari e alla chiusura finale di Guantanamo".


Charles D. Stimson, Responsabile National Security Law Program Charles D. Stimson
Responsabile National Security Law Program
"Vorrei chiarire cinque punti: 
primo, gli Stati Uniti rimangono in uno stato di conflitto armato. Come tale, possiamo, secondo il diritto interno e internazionale, detenere le forze nemiche avversarie per la durata delle ostilità, compresi i terroristi a Guantanamo;
in secondo luogo, la struttura di detenzione dei terroristi presso la stazione navale statunitense di Guantanamo Bay, Cuba, è una struttura di detenzione conforme all'articolo 3 delle Convenzioni di Ginevra;
in terzo luogo, il presidente ha un'ampia discrezione come comandante in capo per decidere dove detenere le forze nemiche avversarie, per quanto tempo trattenerle, e se e quando rilasciarle e trasferirle durante un conflitto armato in corso;
quarto, il dibattito sulla chiusura di Guantanamo è apertamente politico. Guantanamo rimane aperta oggi a causa della mancanza di coraggio politico di chiudere la struttura;
quinto, per chiudere Guantanamo in modo responsabile, l'amministrazione deve concentrarsi sulle sfide legali, logistiche, politiche e diplomatiche che ne derivano. 

I conservatori che si oppongono alla chiusura di Guantanamo Bay sostengono che al-Qaeda ha mosso guerra contro gli Stati Uniti ben prima che Guantanamo Bay diventasse una struttura di detenzione per terroristi. Non c'era Guantanamo Bay quando il World Trade Center fu bombardato per la prima volta nel 1993, quando le ambasciate statunitensi in Africa orientale furono bombardate nel 1998, quando la USS Cole fu attaccata nel 2000, o l'11 settembre. Essi affermano, quindi, che l'esistenza della struttura di Guantanamo Bay non abbia alimentato il terrorismo.

Quando l'ISIS era attivo, usava i social media per sfruttare l'immagine delle tute arancioni - indossate dai primi arrivati a Guantanamo Bay - vestendo le loro vittime con lo stesso abito arancione e giustiziandole brutalmente. Oggi, non c'è quasi nessuna menzione di Guantanamo nella stampa. E anche se non ho più accesso a informazioni confidenziali e classificate, mi risulta che le comunicazioni tra i nostri partner militari stranieri e tra le controparti diplomatiche non inizino con l'argomento di Guantanamo, tanto meno lo menzionino.
I principali media di tutto il mondo hanno visitato Guantanamo e visto da soli che le condizioni di detenzione sono sicure e vivibili, non un "palazzo della tortura". I restanti 39 detenuti sono ben noti nei circoli di intelligence, in patria e all'estero. Sanno chi sono, cosa rappresentano, e che trattenerli come detenuti per la legge di guerra non solo non è un'ingiustizia, ma è ciò che meritano.

Secondo il presidente Obama e le organizzazioni per i diritti umani, Guantanamo ha indebolito l'autorità morale degli Stati Uniti. Il 22 gennaio 2009 il presidente Obama ha firmato l'ordine esecutivo 13492 che richiedeva la chiusura congiunta della struttura entro un anno e ha fallito, in gran parte perché i membri del suo stesso partito non hanno mostrato coraggio politico.

Non sappiamo il momento in cui le ostilità finiranno, dovremmo discutere e approvare un quadro sostenibile di detenzione a lungo termine, contro il terrorismo". 


Maggiore Generale Michael R. Lehnert, ora in pensione, Responsabile della task force per l'apertura del campo prigionia a Guantanamo Maggiore Generale Michael R. Lehnert, in pensione
"L'obiettivo dei terroristi è cambiare il nostro comportamento e farci vivere nella paura. Ognuno di voi ricorda quei terribili giorni dopo l'11 settembre. Alcuni di voi indossavano l'uniforme dell'esercito della nostra nazione, come me. Tutti noi abbiamo sentito un'incredibile responsabilità nei confronti del popolo americano che avevamo giurato di proteggere.
Ero un generale di brigata appena promosso, quando il mondo cambiò. Sono stato scelto per guidare una Joint Task Force, dovevamo costruire strutture sicure per tenere i primi 100 detenuti a Guantanamo. Abbiamo ricevuto l'ordine venerdì 4 gennaio 2002, ci furono date 96 ore per schierarci a Cuba e costruire le prime 100 celle. Ci abbiamo messo 87 ore.
Eravamo addestrati a intervenire rapidamente in situazioni di emergenza, ma gli ordini ambigui su come interagire con i detenuti hanno messo in crisi soldati, marinai, aviatori e marines. Non abbandoniamo il nostro giuramento alla Costituzione o la responsabilità di aderire alle leggi degli Stati Uniti e alle norme internazionali quando ci schieriamo.
Sottoporre i detenuti alle cosiddette "tecniche di interrogatorio avanzate" significava mettere da parte i nostri valori e lo stato di diritto. La stragrande maggioranza dei 780 uomini inviati a Guantanamo non avrebbe mai dovuto essere lì. Tra i 39 prigionieri che rimangono a Guantanamo, ce ne sono alcuni che devono pagare il prezzo dei loro crimini. Ma quella che abbiamo ora non è giustizia, né per i detenuti né per i parenti delle vittime dell'11 settembre.
Alcuni di voi potrebbero pensare "i miei elettori non mi chiedono mai di Guantanamo" e avreste ragione. La maggior parte dell'America ha dimenticato Guantanamo. Ma ascoltatemi quando vi dico che i nostri nemici non l'hanno fatto.
Chiudere Guantanamo responsabilmente ristabilisce la reputazione dell'America e assicura la responsabilità per coloro che hanno commesso crimini contro di noi. 
La questione non è se dobbiamo chiudere Guantanamo, ma come. I presidenti di entrambi gli schieramenti hanno detto che deve essere chiuso. Più di 50 generali e ammiragli in pensione hanno detto che dovrebbe essere chiuso, così come i funzionari della sicurezza nazionale del nostro Paese. E vorrei proporre alcuni suggerimenti:
primo, rendere qualcuno alla Casa Bianca chiaramente responsabile della chiusura e in un periodo di tempo limitato per realizzarlo. Mi sono state date 96 ore per aprirlo. 96 giorni per chiuderlo sembrano ragionevoli. Chiunque ottenga questo ingrato lavoro deve avere l'autorità di dirigere gli elementi necessari del nostro governo per farlo accadere;
in secondo luogo, ci deve essere anche un alto funzionario del Dipartimento di Stato incaricato di negoziare i trasferimenti. Più di due terzi dei restanti detenuti, 27, non sono stati accusati di alcun crimine. Questi detenuti devono essere trasferiti nel loro paese d'origine o in una nazione ospitante disposta a farlo. Per i restanti 12 che sono stati accusati, è ora di riconoscere che le commissioni hanno fallito. Le nostre corti federali hanno avuto un notevole successo nell'accertare responsabilità e garantire condanne significative per i terroristi. Dobbiamo portare a termine questi casi attraverso patteggiamenti negoziati. Ciò potrebbe voler dire escludere la pena di morte, che non serve a nulla se non a fornire martiri ai nostri nemici.
Qualcuno sarà preoccupato che i detenuti rilasciati potrebbero tornare e farci del male. La questione del rischio è reale e la riconosco. La mia vita da Marine ha comportato la gestione del rischio. Ma penso anche che lasciare le cose come sono adesso ci danneggi. Chi siamo non può essere separato da ciò che facciamo. È ora di chiudere Guantanamo e riaffermare chi siamo come nazione." 


Jamil N. Jaffer, Direttore Esecutivo del National Security Institute Jamil N. Jaffer
Direttore Esecutivo del National Security Institute, è stato in precedenza Consigliere senior della Commissione per le relazioni estere del Senato e per l'Intelligence della Camera
"La guerra al terrorismo non è finita.
Secondo la valutazione dell'intelligence nazionale (ODNI), ISIS, al-Qaeda, Iran e i loro alleati militanti continuano a pianificare attacchi terroristici contro persone e interessi statunitensi e obiettivi internazionali, approfittando degli spazi non governati in tutto il mondo per progredire in influenza. Al-Qaeda ha anche ripetutamente dimostrato la sua capacità di evolversi, adattarsi e capitalizzare in realtà mutevoli. [...] La principale minaccia che dobbiamo affrontare negli Stati Uniti proviene da estremisti violenti cresciuti in casa (HVE). 
L'attacco del 2019 a Pensacola, in Florida, che ha ucciso tre e ferito otto membri del servizio americano, è stato probabilmente guidato da al-Qaeda. Dal 2019 ci sono stati sei attacchi da parte di individui ispirati o abilitati da una FTO (organizzazione terrorista straniera). L'anno scorso un attacco a una base militare statunitense in Kenya ha tragicamente ucciso tre membri del personale statunitense. I leader dell'Iran e di Hizballah hanno minacciato di vendicarsi dell'uccisione del comandante delle Guardie rivoluzionarie islamiche Quds Force (IRGC-QF) Qassem Soleimani da parte degli Stati Uniti nel gennaio 2020. L'emiro di al-Shabaab ha pubblicamente invocato attacchi contro cittadini americani e francesi a Gibuti nel marzo di quest'anno.

Secondo i vertici militari la guerra in Afghanistan - nonostante il ritiro delle truppe americane - non è finita. Gruppi di terroristi lì presenti potrebbero approfittare di un ambiente operativo relativamente più permissivo per ricostruire la loro capacità di compiere attacchi contro obiettivi occidentali. L'11 settembre 2021, il leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri ha pubblicato un video sostenendo che il nostro ritiro dall'Afghanistan era una vittoria che gli operativi di al-Qaeda avrebbero dovuto festeggiare, e che avrebbero dovuto cogliere l'occasione per agire contro obiettivi militari americani in tutto il mondo.

La detenzione dei terroristi a Guantanamo Bay avviene nel contesto della minaccia terroristica appena descritta e della guerra al terrorismo in corso che la comunità militare e di intelligence degli Stati Uniti continua a combattere.
Circa un terzo è stato condannato o è in attesa di essere processato da una commissione militare, un altro terzo è in attesa che vengano presi gli opportuni accordi di sicurezza e di essere trasferito, e un terzo è attualmente detenuto in base alla legge di guerra senza accuse.

I detenuti a Guantanamo Bay includono alcuni dei combattenti, pianificatori e leader terroristi più duri e impegnati che abbiamo catturato fino ad oggi. Per esempio, Khalid Shakyh Muhammed, all'epoca degli attacchi dell'11 settembre era il capo del comitato militare di al-Qaeda che ha diretto gli attacchi dell'11 settembre 2001 negli Stati Uniti. Analogamente, Abd al-Rahim al-Nashiri, era condannato in contumacia nello Yemen per il suo ruolo nell'attentato all'U.S.S. Cole che uccise 17 marinai americani e ne ferì altri 37, ed è uno dei principali sospettati degli attacchi all'USS Cole e alla petroliera francese Merchant Vessel Limburg nell'ottobre 2002. Ramzi bin al-Shibh, era un membro della Cellula di Amburgo strettamente associata a tre dei dirottatori responsabili degli attacchi dell'11 settembre, Mohammed Atta, Marwan Al-Shehhi e Ziad Jarrah, è stato catturato in una casa sicura dove c'erano fogli esplosivi, una grande quantità di dispositivi di detonazione improvvisati, passaporti dei membri della famiglia di Osama bin Laden, carte d'identità di Ahmad Ibrahim Al-Haznawi, un dirottatore dell'11/9, e informazioni di contatto di diversi noti agenti di al-Qaeda. Mustafa Faraj Masud al-Jadid Mohammed (alias "Abu Faraj Al-Libi"), è stato determinato di recente, nel giugno 2019, da una commissione di revisione periodica, essere "una minaccia significativa e continua alla sicurezza degli Stati Uniti", sulla base del suo "coinvolgimento con al-Qaeda" come consigliere di fiducia per Osama bin Laden e il vice Ayman al-Zawahiri.

Mentre c'è molto da dire sul modo in cui le strutture sono state allestite a Guantanamo Bay e sul modo in cui i detenuti sono stati trattati all'inizio della guerra al terrorismo, oggi il carcere sembra essere gestito in modo professionale.
La Corte Suprema ha da tempo chiarito che il ramo esecutivo ha il diritto di detenere gli individui catturati sul campo di battaglia della Guerra al Terrore per la durata del conflitto, che, come notato sopra, rimane in corso.

Oggi sappiamo, sulla base delle statistiche rilasciate dall'Ufficio del Direttore dell'Intelligence Nazionale alla fine del 2020, che dei 729 individui che sono stati trasferiti da Guantanamo Bay, oltre 1/3 di loro (229 individui) sono tornati a combattere contro gli Stati Uniti e i nostri alleati o sono sospettati di questo.
Dati i nuovi spazi non governati che si stanno aprendo in Afghanistan dopo il nostro precipitoso ritiro all'inizio di quest'anno, sembrerebbe particolarmente imprudente trasferire individui che potrebbero unirsi ai gruppi che sono sempre più attivi e in ricostruzione in quella regione". 


Katya Jestin, legale pro bono del detenuto Majid Khan Katya Jestin
Socio dirigente dello studio legale Jenner & Block, ex procuratore federale
"Il sistema di commissioni militari istituito dal Congresso nel 2006 e riformato nel 2009 ha fallito, Guantanamo non è servita a nessuno e nostro dovere morale è chiuderla. Il mio obiettivo oggi è quello di offrire alcune soluzioni concrete su come potremmo raggiungere questo obiettivo sotto il nostro attuale sistema di leggi.

Gli avvocati del nostro studio rappresentano i clienti pro bono anche nell'arena della sicurezza nazionale. Abbiamo rappresentato circa 20 uomini detenuti a Guantanamo Bay, la maggior parte proveniva dall'Arabia Saudita e ha cercato di contestare la propria detenzione indefinita, attraverso un procedimento nella corte federale di Washington, DC.

Dal 2009, ho rappresentato personalmente un uomo di nome Majid Khan, che si è dichiarato colpevole davanti a una commissione militare a Guantanamo. Dal 2012 ha collaborato con le autorità statunitensi. Il caso di Majid offre spunti importanti su come l'amministrazione Biden possa e deve risolvere i rimanenti casi aperti.

Majid è un cittadino pakistano cresciuto a Baltimora, nel Maryland. La maggior parte della sua famiglia ha la cittadinanza statunitense. Nel 2001 Majid è entrato in al-Qaeda in Pakistan. È stato catturato dalla CIA nel Marzo 2003 nel programma "Rendition, Detention and Interrogation" ed è stato brutalmente torturato.
Designato come detenuto di alto valore e trasferito a Guantanamo nel settembre 2006, gli è stato negato l'accesso al suo avvocato del Center for Constitutional Rights (CCR) per un anno. Ha incontrato per la prima volta i suoi avvocati nell'ottobre 2007. Dopo il primo incontro con loro ha espresso la volontà di ammettere le proprie responsabilità e azioni, di dichiararsi colpevole e di cooperare con le autorità statunitensi. Nel 2009, il governo ha espresso interesse a risolvere il caso di Majid, ed è allora che sono stata coinvolta. Poco dopo, sono iniziate le trattative per il patteggiamento con l'ufficio del procuratore nel Southern District of New York a Manhattan. Ho potuto incontrarlo solo nel 2010, poi l'amministrazione, sotto pressione, anche da parte del Congresso e dei membri di questo Comitato, ha deciso di portare il caso davanti a una commissione militare. Di fatto il suo caso è stato abbandonato.
Abbiamo ripreso i negoziati di patteggiamento, anche se nelle commissioni militari, con un procuratore del Dipartimento di Giustizia assegnato dalla Sezione Antiterrorismo. Questo particolare procuratore ha capito il valore della cooperazione di Majid per il governo e quindi ha lavorato con noi per negoziare un accordo di patteggiamento e cooperazione che era essenzialmente un ibrido tra un patteggiamento ai sensi dell'articolo III e un accordo preprocessuale con la corte marziale.

Nonostante il Military Commissions Act, c'è ancora poca chiarezza su quali leggi si applichino in una commissione militare. I detenuti accusati hanno il diritto di confrontarsi con i loro accusatori? Non lo sappiamo.
Ai detenuti sono riconosciuti i diritti fondamentali a un giusto processo? Le indagini difensive possono comprendere l'interrogatorio di possibili testimoni sulle torture, se si tratta di segreti di stato che riguardano il programma di tortura della Cia? Nel caso di Majid il governo ha sostenuto di no.
Se, dopo più di un decennio, nel sistema delle commissioni non sappiamo ancora quale legge si applica o come si applica in questi aspetti critici, se il governo impedisce ai detenuti di presentare prove di torture e abusi, non sarà mai in grado di completare questi processi e di condannare equamente ogni detenuto.
La continua resistenza del Dipartimento di Giustizia all'estensione in tribunale dei diritti fondamentali ai detenuti non ha senso quando l'obiettivo dell'amministrazione è quello di chiudere Guantanamo; crea una certa incoerenza politica. Il completo disprezzo per i concetti fondamentali su cui è stata fondata la Costituzione, è un affronto. La detenzione a tempo indeterminato non dovrebbe essere la politica del governo degli Stati Uniti". 

martelletto giudice

Articoli correlati

  • Guantanamo e le contraddizioni dei grandi della Terra
    Pace
    Non esistono guerre giuste e la tortura è sempre un crimine

    Guantanamo e le contraddizioni dei grandi della Terra

    I venti anni di atrocità in Afghanistan e a Guantanamo provano che gli USA e l'UE non sono democrazie compiute. In nome della lotta al terrorismo hanno fatto strage di innocenti e, invece che moltiplicare soluzioni di pace stanno progressivamente aumentando i loro finanziamenti al settore militare
    7 gennaio 2022 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il silenzio dei pacifisti
    Pace
    Un medesimo filo conduttore: i diritti umani.

    Il silenzio dei pacifisti

    Le campagne lanciate da PeaceLink mirano alla liberazione di persone innocenti e a garantire processi equi: Guantanamo, Assange, Hale. E' gravissimo che paghino col carcere i testimoni che hanno rivelato crimini di guerra.
    20 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa
    Disarmo
    Il 27 luglio 2021, è stato condannato lo specialista di droni Daniel Hale a 45 mesi di prigione

    Non solo Assange, Daniel Hale e la verità sui droni Usa

    Hale ha detto a un giudice federale di sentirsi obbligato a far trapelare informazioni a un giornalista per il senso di colpa per la propria partecipazione a un programma che stava uccidendo indiscriminatamente civili in Afghanistan lontano dal campo di battaglia. Civili ! contro ogni convenzione.
    29 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)