Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Sondaggio di Repubblica: Solo il 37% è contrario

Afghanistan, il 56% italiani per il ritiro delle truppe

I favorevoli al ritiro sono nettamente in maggioranza fra coloro che sostengono i partiti di governo: 64% i favorevoli al ritiro e 34% i contrari (2% i senza opinione), mentre si assiste ad una sostanziale parità di pareri fra i sostenitori dei partiti di opposizione.
Fonte: Reuters, 23 gennaio 2007

ROMA (Reuters) - Il 56% degli italiani sarebbe favorevole al ritiro delle nostre truppe dall'Afghanistan, secondo un sondaggio effettuato telefonicamente ieri dall'istituto Ipr Marketing per Repubblica.it su un campione di 1.000 persone e pubblicato oggi dal sito.

Secondo il sondaggio, il 56% del campione è favorevole al ritiro dei nostri soldati, il 37% contrario ed il 7% non ha opinione. I favorevoli al ritiro sono nettamente in maggioranza fra coloro che sostengono i partiti di governo: 64% i favorevoli al ritiro e 34% i contrari (2% i senza opinione), mentre si assiste ad una sostanziale parità di pareri fra i sostenitori dei partiti di opposizione che si dividono in un 45% favorevole al ritiro ed un 48% di contrari (7% i senza opinione).

All'interno dei sostenitori del governo, i favorevoli al ritiro salgono al 95% fra chi si riconosce nelle posizioni dei Comunisti italiani, all'85% per Rifondazione comunista. Medie in linea con l'intero campione per Verdi ed Ulivo.

Fra i partiti minori della coalizione, da segnalare che lo Sdi si pone nel valore massimo del range dei favorevoli al ritiro con un 95% contro il 3%, mentre i sostenitori dei Radicali si pongono nel valore massimo del range di chi si oppone al ritiro: 94% contro il ritiro e 5% a favore.

Articoli correlati

  • Afghanistan: Usa e Nato tornano a casa ammettendo il fallimento della missione
    Editoriale
    Mentre la CPI ha aperto un'inchiesta per i crimini di guerra commessi da militari americani

    Afghanistan: Usa e Nato tornano a casa ammettendo il fallimento della missione

    Volevano vincere una guerra ma dopo vent'anni tornano a casa sfiancati, come in Vietnam. La propaganda di un tempo si è appannata per lasciar spazio alla sconfitta di una missione. Venti anni fa avevamo ragione ad opporci a una guerra che è costata miliardi di dollari e migliaia di vite umane.
    1 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Orrore in Afghanistan, uccisi 39 civili dalle forze speciali australiane
    Conflitti
    Ai più giovani veniva imposto di uccidere fuori dai combattimenti come rito di iniziazione militare

    Orrore in Afghanistan, uccisi 39 civili dalle forze speciali australiane

    Ma a finire sotto accusa è per ora l'avvocato militare David William McBride che ha rivelato i crimini di guerra. Dopo aver provato invano a smuovere i vertici militari, ha fornito le prove alla TV australiana.
    22 novembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan
    Editoriale
    Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via

    Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan

    Poco fa Trump annuncia il ritiro delle truppe dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari. Ora dichiara di aspettarsi che i talebani combattano il terrorismo. E' incredibile ma è così.
    29 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra
    Conflitti
    Il veto americano

    Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra

    Gli Stati Uniti infatti hanno negato i visti di ingresso agli investigatori della Corte penale internazionale
    14 aprile 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)