Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Abie Nathan, l'israeliano che s'inventò la radio della pace
    Ex pilota della Royal Air Force, diventò un simbolo del movimento pacifista

    Abie Nathan, l'israeliano che s'inventò la radio della pace

    Una vita tra incontri al vertice, carcere e scioperi della fame con un solo obiettivo: scongiurare la guerra
    29 agosto 2008
  • A Ovada, "Testimone di pace". In memoria di...

    A Ovada, "Testimone di pace". In memoria di...

    Il racconto di una giornata intensa e vissuta con attenzione ed emozione. E' la prima edizione del premio "Testimone di pace" che la città piemontese, assieme all'associazione "Rachel Corrie" e con il sostegno della Provincia di Alessandria, ha voluto istituire a favore di personalità italiane e non italiane distinte per il proprio impegno nell’ambito della pace e della nonviolenza.
    Raffaella Romagnolo
  • Un anno dopo: nessuno vede, nessuno sente
    Che nessuno dimentichi

    Un anno dopo: nessuno vede, nessuno sente

    Il dottor Samir Nassrallahm, di Rafah, e' farmacista e padre di tre ragazzi. Rachel Corrie e' morta difendendo la sua casa. Un anno dopo: Nessuno vede, nessuno ascolta Il dottor Samir Nassrallah scrive da Rafah, Gaza occupata.
    17 aprile 2004 - Samir Nassrallahm
  • Una proposta per il movimento pacifista

    Il movimento pacifista e le elezioni europee: una proposta per la prosecuzione delle "campagne per la pace e per i diritti umani" degli ultimi anni
    24 marzo 2004 - Luca Benedini
La straordinaria umanità di una giovane pacifista.

Sete di giustizia. In memoria di Rachel Corrie

Sono passati 4 anni dalla scomparsa della giovane pacifista statunitense, uccisa da un bulldozer israeliano mentre si opponeva alla demolizione di una casa palestinese.
14 marzo 2007 - Alessia Mendozzi

Rachel Corrie Il 16 marzo del 2003 a Rafah, nella striscia di Gaza, moriva Rachel Corrie, giovane attivista statunitense uccisa da un bulldozer israeliano mentre cercava di impedire la demolizione di un'abitazione palestinese. Rachel aveva 23 anni ed era una studentessa dell'università di Olympia.
Nel 2003 Rachel si era unita all’International Solidarity Movement, andando in Palestina. Agli amici americani descriveva, nelle sue e-mail, la situazione drammatica del popolo palestinese "nessuna lettura, conferenza, documentario o passaparola avrebbe potuto prepararmi alla realtà della situazione che ho trovato qui" scriveva. (7 febbraio 2003). Il 15 marzo Rachel si trovava a Rafah, con altri amici attivisti, per opporsi alla demolizione di una casa palestinese, ma il bulldozer, pur avendola vista, decise di proseguire lo stesso, finendo per schiacciarla. I suoi compagni cercarono di fermare la ruspa e di soccorrerla, ma non ci fu niente da fare. Rachel morì poco dopo. L'uccisione brutale di una ragazza che si oppose in maniera pacifica ad un'ingiustizia ("armata" di un megafono!) fece il giro del mondo.
Leggendo le sue e-mail si nota non solo la sua grande sensibilità verso i problemi di un altro popolo, la lucida analisi della situazione locale e globale unita ad uno straordinario senso di responsabilità verso gli altri, ma anche la testimonianza diretta di un'umanità che resiste all'ingiustizia provando ad incrinare, almeno in parte, il meccanismo perverso della violenza. Parlando della gente palestinese che ha conosciuto, Rachel scriveva: "mi lascia stupefatta la forza che dimostrano riuscendo a difendere in così grande misura la loro umanità - le risate, la generosità, il tempo per la famiglia - contro l'incredibile orrore che irrompe nelle loro vite e contro la presenza costante della morte. (...) In passato ho scritto tanto sulla delusione di scoprire, in qualche misura direttamente, di quanta malignità siamo ancora capaci. Ma è giusto aggiungere, almeno di sfuggita, che sto anche scoprendo una forza straordinaria e una straordinaria capacità elementare dell'essere umano di mantenersi umano anche nelle circostanze più terribili - anche di questo non avevo mai fatto esperienza in modo così forte. Credo che la parola giusta sia dignità." (28 febbraio 2003, lettera alla madre)

In questi tempi di confusione sulle missioni di pace fatte con le armi, in quanti sapranno apprezzare l'opposizione veramente pacifica di questa giovane studentessa? In quanti saranno ancora in grado di indignarsi di fronte ad una simile barbarie? E in quanti continueranno a chiudere gli occhi e a far finta di niente?
Se le persone continuano a vivere attraverso le loro idee, i loro gesti e le loro parole, Rachel sicuramente continua a vivere in mezzo a noi. Con la sua umanità e la sua infinita sete di giustizia.

Note:

le e-mail scritte da Rachel si possono trovare su http://www.rachelcorrie.org/emails.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)