Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un veloce post-it su ciò che accade

Arrivederci Tony

30 giugno 2007

Arrivederci Tony

Tony Blair ha lasciato la sua carica di primo ministro con due anni d’anticipo rispetto alla fine del proprio mandato.

E’ un evento straordinario.

Non ricordo altri casi recenti in cui personaggi così importanti si ritirano dalla scena mondiale per fatti non direttamente collegati a vicende giudiziarie e/o scandalistiche.

Certo – come sappiamo - anche qui lo scandalo c’è.
Decidendo di partecipare a varie guerre, a partire dal 1999, ha perso credibilità e stima dei suoi cittadini, arrivando a danneggiare fortemente il proprio partito.

Il ritiro di Blair però – a mio avviso – deve essere visto solo come un primo importante passo. Importante in primo luogo dal punto di vista personale perché è prevedibile che arriverà l’imputazione per crimini di guerra e altro ancora; essendo ancora giovane (come i nostri Fini, D’Alema, Casini) verrà chiamato a rispondere delle sue responsabilità istituzionali davanti al proprio Paese e al mondo.

Sì, è un primo passo ma con forte valore storico. Direi che l’aspetto centrale è relativo al senso da attribuire agli eventi. Su questo bisognerà soffermarsi.

Per l’Impero, è una debacle da standing ovation.
Oppure, se volete, immaginiamo le 150.000 persone del 9 giugno 2007 che ondeggiano insieme a tanti altri in una 'ola', mentre intonano e dedicano una vecchia canzone: arri-vede-rci Tony, goodbye, ou revoir...

Lasciamo partire la nostra immaginazione pensando al significato e principalmente agli sviluppi della fine di Blair. E se graditi, rivolgo a chi legge i miei migliori AUGURI!

30/6/7 – Leopoldo BRUNO

Articoli correlati

  • Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco
    Pace
    Estratto dal saggio "Coronavirus: dove porta la sua Arca papa Francesco-Noé?"

    Il ruolo profetico mondiale di papa Francesco

    Allegato a questa pagina web vi è il saggio completo centrato su un nuovo rapporto fra etica e politica nella prospettiva di costruire una nuova coscienza storica in relazione ai drammatici problemi della nostra epoca.
    8 gennaio 2022 - Antonino Drago
  • Mai più l’arma nucleare
    Pace
    Per l’Appello di Stoccolma si realizzò la campagna più estesa dei partigiani della pace nel mondo

    Mai più l’arma nucleare

    Nell’Appello di Stoccolma i partigiani della pace proclamano: “Noi esigiamo l’assoluto divieto dell’arma atomica. Noi consideriamo che il governo il quale utilizzasse contro qualsiasi paese l’arma atomica, commetterebbe un crimine contro l’umanità e dovrà essere considerato come criminale di guerra"
    7 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)