Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Perché inseguire uno sviluppo sbagliato?

Taranto, il sogno della transizione

Le opportunità dell'Italia per salutare il petrolio e abbracciare la filosofia della transizione
22 gennaio 2013

 

Transizione

Il picco di estrazione del petrolio sta per essere raggiunto. Lo stesso, con tempi un po’ più lunghi, accadrà per le altre materie prime. Nessuna esclusa.

L’Italia non può essere una vera potenza industriale perché al suo valore produttivo dev’essere sempre sottratto il costo di materie che non può produrre da sola. Che senso avrebbe investire sull’industria secondo il modello degli anni Cinquanta? L’era postmoderna in Italia ha significato semplicemente crisi aziendali, cassintegrati, disoccupazione.

Perché il governo vara misure «salva-Italia» senza il minimo sguardo al futuro? Per ottenere un beneficio immediato, e dunque consenso spicciolo, essendo stata sbalzata fuori dallo scomodissimo abitacolo della responsiveness. La responsabilità è una parola che nella campagna elettorale del 2013 è usata in tono negativo, un sinonimo di «colpa». E basta.

Capita così che le politiche di decrescita al tempo della crisi devono essere massacrate e nascoste sotto al tappeto. Il concetto di autonomia energetica dei cittadini non dev’essere pronunciato in presenza di più di una sola persona. Quella persona va screditata. Il modello energetico di piccola taglia, che nel 2010 sembrava imminente è diventato un aneddoto.

In questa situazione di stasi totale di creatività e di coscienze qualcuno riesce a respirare ancora un po’ di aria non inquinata proveniente dall’estero. Non illudiamoci, si tratta di un comune minuscolo, Monteveglio provincia di Bologna, cheha sposato il progetto delle Città di Transizione.

La transizione è quella che dovrebbe accompagnare la civiltà all’era postpetrolifera. Ogni comunità può affrontarla sfruttando le peculiarità o le mancanze del proprio territorio. Ogni realtà ricicla il 99 per cento e oltre dei suoi rifiuti, realizza orti comuni, attua diversi programmi energetici. Qualcuno di essi si è riappropriato della sovranità monetaria.

Uno va sul sito del progetto, ascolta le parole del guru di questa filosofia, Rob Hopkins. Si stupisce di quanto vicini, realizzabili e facili siano quei progetti. Poi guarda Taranto, ascolta politici, tecnocrati, industriali.

E piange. La spesa di adeguamento degli impianti di Taranto porterebbe l’Ilva fuori dal mercato. La politica dei piccoli passi pilotati mostra i muscoli al potere giudiziario, che difendeva i cittadini.

Nessuno parla dell’eventuale chiusura, nessuno è capace di dire che come esisteva prima, altrettanto esisterà dopo, Taranto. E sarà più bella. Presadiretta dimostra come i costi di cui parlano i Riva non sono un passaggio obbligato. Solo da voci che sembrano un sussurro nel deserto si è ascoltato un piano alternativo.

La bonifica, l’autogestione o la chiusura. La riconversione, la riduzione. L’investimento, meglio l’impegno di tutte le altre realtà verso una rotta nuova. Peacelink ne ha parlato. Per realizzare tutto questo sarebbe necessario cambiare la mentalità dei politici.

E questo, i tarantini lo sanno bene, si può fare.

Note: Rob Hopkins al Ted
http://www.ted.com/talks/lang/it/rob_hopkins_transition_to_a_world_without_oil.html

Blog Città di Transizione Italia
http://transitiontownsit.wordpress.com/

Articoli correlati

  • Ricerca dell'associazione Avamposto Educativo sull'inquinamento atmosferico da particolato a Mottola
    Citizen science
    La distanza in linea retta tra Mottola e Taranto è di 26 chilometri

    Ricerca dell'associazione Avamposto Educativo sull'inquinamento atmosferico da particolato a Mottola

    I percorsi elaborati per il territorio, tra cui questo sul particolato, hanno assunto un'impostazione d’impegno educativo. È stato consolidato il valore della rete costruire la condivisione di attività e catturare l’interesse degli studenti, in particolare gli iscritti alle facoltà scientifiche.
    17 febbraio 2024 - Avamposto Educativo
  • Basi blu, un programma della Marina Militare da 1.760 milioni di euro
    Disarmo
    Consentirà di ospitare gruppi navali della Nato

    Basi blu, un programma della Marina Militare da 1.760 milioni di euro

    Risultano già finanziati 559,36 milioni. Il programma nasce dall'esigenza, di adeguare le capacità di supporto logistico delle principali Basi navali italiane (Taranto, La Spezia e Augusta), nonché di quelle delle Basi secondarie (Brindisi, Messina, Cagliari, Ancona, Venezia, Napoli e Livorno).
    9 febbraio 2024 - Documentazione Parlamento Italiano
  • La ricerca sul benzene presentata oggi al Senato per l'audizione sull'ILVA
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa di PeaceLink

    La ricerca sul benzene presentata oggi al Senato per l'audizione sull'ILVA

    La ricerca era finalizzata a conteggiare tutti i picchi di benzene registrati da Arpa Puglia che superassero il valore significativo di 27 microgrammi a metro cubo. Tale ricerca ha evidenziato come nel 2023 vi siano stati più picchi di benzene che nei dieci anni precedenti.
    6 febbraio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Mozione contro il dissalatore previsto al fiume Tara
    Ecologia
    La mozione che sarà discussa il 31 gennaio

    Mozione contro il dissalatore previsto al fiume Tara

    Il consigliere comunale di Taranto, Antonio Lenti, ha presentato una mozione elaborata a partire da un percorso di confronto con associazioni e cittadini.
    30 gennaio 2024 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)