Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • La battaglia di Aleppo
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
  • L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    I grandi sponsor e finanziatori di Daesh sono da cercarsi anche tra le petromonarchie alle quali Stati Uniti e stati europei (Italia compresa) vendono armi a tutto spiano.
    1 agosto 2016 - Alessio Di Florio
  • Questo terrorismo che ritorna e ci investe

    Dopo la strage di Nizza

    Pochi giorni fa i mass-media davano notizia dell'uccisione di uno dei principali capi dell'Isis, detto "il ceceno", ed aggiungevano con noncuranza che era stato addestrato dagli americani. La carriera di terrorista di Bin Laden inizio' in Afghanistan finanziata dagli Usa
    16 luglio 2016 - Peppe Sini
  • Dopo l'attentato a Dacca in Bangladesh

    In ricordo delle vittime

    Nessuna causa, nessuna ragione, nessun sistema di valori, nessuna visione del mondo puo' giustificare l'uccisione di un essere umano
    3 luglio 2016 - Peppe Sini
I comunicati e le prese di posizione

Il movimento pacifista contro il terrorismo

Il movimento pacifista è sempre stato contrario al terrorismo e qui elenchiamo alcune prese di posizione rintracciabili su Internet.
11 novembre 2003 - Alessandro Marescotti

Per evidenziare l'abisso culturale, politico, antropologico, valoriale, sociologico e programmatico che separa il terrorismo dalla cultura pacifista e nonviolenta basterebbe ricordare che lo slogan dell'edizione 2001 della Marcia per la Pace Perugi/Assisi era proprio "no alla guerra e al terrorismo".

Si puo' approfondire la questione cliccando su http://italy.peacelink.org/editoriale/articles/art_971.html
Lì è documentato ad esempio che il 23 maggio 1999 scrivevamo: “Di fronte all'assassinio di Massimo D'Antona il movimento nonviolento e pacifista esprime la propria inequivocabile condanna. Non solo diciamo NO al terrorismo ma siamo mobilitati a raccogliere e segnalare ogni informazione che possa fare chiarezza su questo episodio di imbarbarimento del panorama politico, già avvelenato dalla guerra. Noi che ripudiamo la violenza della guerra contro innocenti non possiamo che ribadire il nostro ripudio del terrorismo, chiunque colpisca”.

Il 21 marzo 2002 si può leggere su http://lists.peacelink.it/pace/msg01306.html un netto comunicato di Rete Lilliput in cui è scritto: “Ribadiamo la scelta di nonviolenza che ci caratterizza da sempre per segnare la nostra distanza incolmabile da gesti violenti di ogni genere, per il rispetto di ogni vita umana".

Il 3 marzo 2003 su http://lists.peacelink.it/news/msg04285.html si può leggere il nostro comunicato: “Il gravissimo fatto di sangue - in cui è stato ucciso il poliziotto Emanuele Petri e ferito il suo collega Bruno Fortunato - ci riempie di dolore. Come pure è fonte di dolore sapere che il terrorista Mario Galesi, rimasto ferito nel conflitto a fuoco, sia morto dopo un delicato intervento chirurgico. Il risorgere delle Brigate Rosse e del terrorismo è per noi pacifisti un motivo di allarme. Ci sentiamo parte attiva nella lotta al terrorismo che non solo ripudiamo ma che avvertiamo come il principale pericolo. Infatti solo il terrorismo potrebbe avere la forza di rovinare il clima sereno, colorato e festoso in cui il movimento per la pace attualmente opera e si estende”.

Su http://www.romacivica.net/anpiroma/G8/Noglobalterrori5.htm vi è una elenco di comunicati di varie associazioni contro il terrorismo. Ma la lista potrebbe essere più lunga.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)