Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Conto alla rovescia per la partenza il 15 Luglio 2010

La pace torna a casa

Nel Caucaso del sud dopo essersi arricchita "nell'incubatrice" di Rondine (Ar)
17 giugno 2010
Marco Picinotti

Una storia fatta da un passo dietro l’altro, quella di Ventidipacesucaucaso, un passo dietro l'altro per un viaggio di amicizia di una delegazione di Rondine - Cittadella della Pace, che dall'Italia, a luglio, raggiungerà il Caucaso del Sud: una storia iniziata con la prima fase del progetto, arrivata fino alla Conferenza dei popoli del Caucaso a La Verna nel maggio del 2009, dove 150 persone, fra figure accademiche e personaggi di spicco della società civile caucasica, hanno discusso, sviluppato e approvato all'unanimità il documento ideato dagli studenti di Rondine neanche un anno prima. Il passo successivo è stata l’apertura di un secondo momento del progetto, volto a favorire la diffusione del Documento. Questo per suscitare un sentimento di simpatia internazionale, cercando in questa maniera di unire le principali anime dei popoli direttamente coinvolti. Ed ora, è notizia di pochi giorni fa, un viaggio in programma, il cuore pulsante dell’intero progetto. Un viaggio che prenderà inizio a metà luglio: direzione Caucaso del Sud, dove una delegazione di Rondine incontrerà tutti i rappresentanti istituzionali, accademici, religiosi e civili dei popoli coinvolti per consegnare i “14 punti”, ricevere l’adesione e realizzare con loro dei gesti simbolici e di impegno per la pace.

Nato con intenti “romantici”, dunque. O meglio, nato da un gruppo di giovani studenti universitari, provenienti da zone in conflitto, che imparano giorno per giorno la cultura della pace nel piccolo borgo di Rondine. Un documento generato in risposta ad una guerra, quella fra Georgia e Russia, scoppiata solamente nel 2008. Concepito per un’imprescindibile voglia di cambiare le cose, per un’esigenza di pace continua in una regione in conflitto. Sta di fatto che Ventidipacesucaucaso, sta concretizzando i suoi fini: superare il conflitto, iniziando da alcuni punti di unione, senza tifare e senza giudicare, ma in nome del dialogo e dalla convinzione che una pacifica risoluzione delle crisi è una strada sempre possibile per i popoli. E da questo momento, i “14 punti” hanno preso a far “soffiare i loro venti di pace”, venti che passano di mano in mano agli Ambasciatori, ai Capi di Stato, alle Autorità religiose. Nato con intenti "romantici", dunque. Ma cresciuto nella concretezza e nella forza diplomatica di un vero e proprio documento "politico".

Per seguire il viaggio, questo viaggio di amicizia e di pace, è disponibile il sito www.ventidipacesucaucaso.it, dove in tempo reale, viene e verrà aggiornato lo stato del lavoro, gli obiettivi raggiunti dal progetto, gli amici incontrati, o che saranno incontrati, durante il viaggio, i risultati raggiunti. Stare vicini a “Ventidipacesucaucaso” pur stando lontani. Dall’indirizzo internet è anche possibile dare un piccolo contributo alla buona riuscita del progetto: è, ad esempio, possibile firmare e sottoscrivere il documento, oppure tradurre i “14 punti” in lingue diverse (vanno benissimo tutte le lingue del mondo). Ma sono tanti e i più disparati i modi per aggiungere anche il vostro, di passi, a questa lunga marcia di pace. Basta mettersi in gioco.

Sarà un po’ come partire tutti insieme alla volta del Caucaso del Sud. E allora, che dire, buon viaggio anche a te!

Articoli correlati

  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
  • Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano
    Pace
    Un evento di Santoro e Vauro, dal vivo e in streaming

    Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano

    Michele Santoro e Vauro Senesi riuniscono in nome della pace, lunedì prossimo (2 maggio) alle ore 21, esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo per "opporsi alla deriva verso il pensiero unico e la resa dell’intelligenza" davanti agli orrori della guerra in corso in Ucraina.
    28 aprile 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)