Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
Appello ai parlamentari

"Noi non bombardiamo"

Nessuna risoluzione ONU impone all'Italia di bombardare. La risoluzione ONU prevede solo la no-fly zone. L'Italia prevede, nella seconda parte dell'articolo 11 della Costituzione, delle "limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni". La Costituzione prevede quindi la partecipazione ad organismi sovranazionali per scopi di pace, non certo per fare la guerra.
27 aprile 2011 - Associazione PeaceLink
Chiediamo ai parlamentari di esprimersi contro futuri bombardamenti italiani in Libia.
Ricordiamo che neanche in Afghanistan l'Italia partecipa con missioni aeree di bombardamento e che la proposte del Ministero della Difesa in tal senso fu a suo tempo accantonata.
E' inammissibile che scelte da discutere e condividere in ambito ONU con apposite risoluzioni che autorizzino l'uso della forza in queste forme estreme, vengano decise in telefonate fra capi di governo, senza alcuna consultazione democratica.

E' infatti assolutamente falso che l'appartenenza dell'Italia alla Nato preveda l'obbligo di partecipare ad azioni di bombardamento in Libia, che scatta solo se una nazione della Nato venisse attaccata militarmente.
Nessuna risoluzione ONU impone all'Italia di bombardare. La risoluzione ONU prevede solo la no-fly zone. Da un punto di vista strettamente tecnico-militare la neutralizzazione della contraerea e dei missili libici è possibile - così come è stato fatto fino a ora dall'aviazione italiana - con azioni di sorvolo elettronico che accertino la disattivazione di tali dispositivi e dei relativi radar.

Ogni altra azione, oltre che provocare nuove possibili vittime, viola la nostra Costituzione che nell'articolo 11 "ripudia la guerra"; l'Italia prevede, nella seconda parte, delle "limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni". La Costituzione prevede quindi la partecipazione ad organismi sovranazionali per scopi di pace, non certo per fare la guerra.

Scopo dell'ONU è quello di far cessare il fuoco e proteggere i civili, non far vincere una delle due parti in conflitto in Libia. Se è assolutamente da ripudiare il comportamento repressivo di Gheddafi verso la popolazione non di meno lo è stato quello del leader della fazione ribelle Mustafa Abdul Jelil (del Consiglio Nazionale transitorio Libico con sede a Bengasi) che ha ricoperto la carica di Ministro della Giustizia fino all'inizio della rivolta, abusando del suo potere per incarcerare persone innocenti, così come denunciato da Amnesty International e Human Rights Watch.

Riteniamo compito fondamentale dei parlamentari rivendicare quei valori di pace e democrazia per i quali è stata scritta la nostra Costituzione, chiedendo che l'Italia si uniformi alla risoluzione ONU, senza oltrepassare tale mandato con azioni di bombardamento non contemplate nella risoluzione stessa. 


Invitiamo i parlamentari a levare una voce chiara, evitando distinguo, assenze e astensioni: no ai bombardamenti, comunque venissero definiti ed eventualmente "rinominati".

Associazione PeaceLink

Note:

I parlamentari che volessero aderire possono inviare un sms a PeaceLink: 3290980335.
Oppure una email a info@peacelink.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)