Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

La «disinformazione» di guerra: i «10000 morti» e le «fosse comuni»; la «caduta» nelle mani degli insorti della tranquillissima Sirte, la città simbolo (e natale) di Gheddafi.

Bugie di Guerra

Dopo mesi dallo scoppio della cruenta rivolta libica e dopo l'inzio della «guerra umanitaria», è di sollievo sapere che ormai è passata, anche da noi, la consapevolezza del «cortocircuito» sofferto (o cercato?) dalla informazione sulla guerra libica.
Laura Tussi9 maggio 2011

Dopo mesi dallo scoppio della cruenta rivolta libica e dopo l'inzio della «guerra umanitaria», è di sollievo sapere che ormai è passata, anche da noi, la consapevolezza del «cortocircuito» sofferto (o cercato?) dalla informazione sulla guerra libica. Questo è il succo della (ottima) puntata del programma Rai «La storia siamo noi» dedicata a «Guerra, bugie e tv», firmata da Amedeo Ricucci.

Bufale colossali, e in genere a senso unico, sparate come dati di fatto e «notizie», a volte per la sorpresa (imbarazzo? complicità?) degli inviati sul fronte libico di quegli stessi giornali che poi ci montavano sopra titoloni di prima pagina a nove colonne e ora lamentano i guasti della «disinformazione» di guerra: i «10000 morti» e le «fosse comuni»; la «caduta» nelle mani degli insorti della tranquillissima Sirte, la città simbolo (e natale) di Gheddafi.

L'affermazione del governo libico che il Grande fiume artificiale che porta acqua dal Sahara alla costa potrebbe essere colpito dai raid Nato divenuta il giorno dopo l'ultimatum di Gheddafi: basta bombe o taglio l'acqua a Bengasi...

Il più che sospetto e mirato ruolo di «regìa» di tv come al Jazeera e al Arabiya; la «partecipazione» di molti giornalisti e giornali. Meglio così, un po' tardi ma bene.Si vedrà cosa succede alla prossima «guerra umanitaria» e al prossimo tiranno da abbattere per «salvare vittime civili». Domanda: ma Gheddafi farà la stessa fine di Bin Laden?

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)