Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Rispedirli nei Paesi di origine?
    Gli slogan di Salvini

    Rispedirli nei Paesi di origine?

    Solo pochi giorni fa abbiamo potuto raccogliere, nel centro medico di Lampedusa, le testimonianze di persone che erano riuscite a fuggire dai lager libici. Testimonianze da far accapponare la pelle.
    12 giugno 2018 - Pietro Bartolo
  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
Cinque cose che puoi fare anche tu

"Cosa posso fare contro la guerra in Libia?"

Abbiamo cercato di raccogliere in un'unica pagina alcune delle iniziative antiwar in corso. Come disse Albert Schweitzer: "Non aspettare che le cose succedano, falle accadere".
24 agosto 2011 - Associazione PeaceLink

1. Firma la petizione contro la guerra in Libia.

 

2. Segnala una iniziativa antiwar sul calendario antiguerra che si svolge nella tua zona: una conferenza, un sit-in, ecc.

 

3. Entra nella mailing list per la pace e diffondi un po' di informazioni che ritieni non manipolate dai media con l'elmetto

 

4. Scrivi alle nazioni del Consiglio di sicurezza che non partecipano alla guerra

 

5. Contatta un parlamentare e chiedigli di firmare questo appello al Governo italiano perché richieda una tregua urgente. Le adesioni di parlamentari vanno comunicate per SMS al 3290980335.

La situazione umanitaria a Tripoli è gravissima per via degli scontri e degli intensissimi bombardamenti degli ultimi giorni che hanno lasciato molti morti e feriti.
 
Gli ospedali sono strapieni e non hanno personale, attrezzature e farmaci a sufficienza per salvare vite diadulti e bambini.
 
In molti quartieri scarseggia il cibo per via del lungo embargo navale e manca l'elettricità - senza elettricità ci sono problemi per l'approvvigionamento idrico.
 
Infine molti migranti che vorrebbero partire sono intrappolati in città.
 
Una tregua urgente sancita dall'Onu è precondizione sia per il soccorso agli ospedali sia per il ripristino dei servizi essenziali sia per permettere l'evacuazione di persone in stato di necessità.
 
Una tregua urgente è anche precondizione per arrivare finalmente a negoziati che eviterebbero il prolungarsi di una guerra dolorosa.
 
Come degli avvoltoi

Note:

Pagina in costruzione...

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)