Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Cinque cose che puoi fare anche tu

"Cosa posso fare contro la guerra in Libia?"

Abbiamo cercato di raccogliere in un'unica pagina alcune delle iniziative antiwar in corso. Come disse Albert Schweitzer: "Non aspettare che le cose succedano, falle accadere".
24 agosto 2011
Associazione PeaceLink

1. Firma la petizione contro la guerra in Libia.

 

2. Segnala una iniziativa antiwar sul calendario antiguerra che si svolge nella tua zona: una conferenza, un sit-in, ecc.

 

3. Entra nella mailing list per la pace e diffondi un po' di informazioni che ritieni non manipolate dai media con l'elmetto

 

4. Scrivi alle nazioni del Consiglio di sicurezza che non partecipano alla guerra

 

5. Contatta un parlamentare e chiedigli di firmare questo appello al Governo italiano perché richieda una tregua urgente. Le adesioni di parlamentari vanno comunicate per SMS al 3290980335.

La situazione umanitaria a Tripoli è gravissima per via degli scontri e degli intensissimi bombardamenti degli ultimi giorni che hanno lasciato molti morti e feriti.
 
Gli ospedali sono strapieni e non hanno personale, attrezzature e farmaci a sufficienza per salvare vite diadulti e bambini.
 
In molti quartieri scarseggia il cibo per via del lungo embargo navale e manca l'elettricità - senza elettricità ci sono problemi per l'approvvigionamento idrico.
 
Infine molti migranti che vorrebbero partire sono intrappolati in città.
 
Una tregua urgente sancita dall'Onu è precondizione sia per il soccorso agli ospedali sia per il ripristino dei servizi essenziali sia per permettere l'evacuazione di persone in stato di necessità.
 
Una tregua urgente è anche precondizione per arrivare finalmente a negoziati che eviterebbero il prolungarsi di una guerra dolorosa.
 
Come degli avvoltoi

Note: Pagina in costruzione...

Articoli correlati

  • La mistica della vittoria
    Laboratorio di scrittura
    Un tragico esercizio alla fine del quale c'è il sacrificio della vita

    La mistica della vittoria

    Da Stoltenberg alla Von der Layen. Che tristezza dover rinvenire nel presente il grottesco e avvilente asservimento dello spirito a una dottrina militare che richiede fede, fede e ancora fede in una vittoria che non arriva
    2 luglio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente
    Conflitti
    Da UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde

    Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente

    Cedendo al ricatto della Turchia, la Nato ha aperto le sue porte alla Finlandia e alla Svezia e le ha chiuse alle leggi e ai trattati europei, alla giustizia, ai diritti umani e ai valori fondanti delle democrazie dell’Occidente.
    5 luglio 2022 - UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde
  • Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale
    Conflitti
    Ed ecco rimosso il veto di Erdogan all'ingresso nella NATO dei due Paesi baltici!

    Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale

    La NATO ha aperto la porta a Svezia e Finlandia, chiudendo la porta della giustizia e dei diritti ai Kurdi; questo comportamento ha dato via libera e garanzie ad Erdogan per giustificare ogni sua azione militare in Rojawa contro i partigiani kurdi e la politica interna in Turchia.
    4 luglio 2022 - Gulala Salih
  • Forze speciali della Nato già operano in Ucraina
    Conflitti
    La CIA è presente sul terreno

    Forze speciali della Nato già operano in Ucraina

    Un'operazione segreta che coinvolge le forze delle operazioni speciali statunitensi indica l'entità dello sforzo per assistere l'esercito ucraino che non ha ancora ricevuto le nuove armi.
    26 giugno 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)