Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare
    Saranno mostrate ai giornalisti le compresse di ioduro di potassio in caso di incidente atomico distribuite gratuitamente nelle farmacie di Bruxelles

    Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare

    Abbiamo tradotto i punti salienti dell'opuscolo belga. Domani questo opuscolo sarà presentato a Taranto in una conferenza stampa sul rischio nucleare collegato al transito di unità militari a propulsione nucleare, essendo Taranto un porto soggetto a tale eventualità.
    26 marzo 2018 - Associazione PeaceLink
  • Italia a rischio

    Al referendum con 2 reattori nucleari USA nel Golfo di Napoli

    Alla vigilia del referendum approda nel Golfo di Napoli la portaerei "George Bush" a propulsione nucleare: due reattori da 194 MW e un'infinità di missili cruise all'uranio impoverito. I porti italiani sempre più a rischio atomico...
    12 giugno 2011 - Antonio Mazzeo
  • Messaggio di solidarietà antinuclear dagli USA
    Messaggio di Michael Mariotte, Direttore Esecutivo, Servizio di informazione e risorse sulla questione nucleare, USA

    Messaggio di solidarietà antinuclear dagli USA

    Il Nuclear Information and Resource Service (NIRS) statunitense appoggia il movimento antinucleare italiano e il referendum del 12/13 giugno per impedire la costruzione di nuovi centrali nucleari in Italia
    8 giugno, 2011
    Michael Mariotte
  • Golfo di Augusta sempre più a rischio Chernobyl-Fukushima
    Italia radioattiva

    Golfo di Augusta sempre più a rischio Chernobyl-Fukushima

    Con la guerra alla Libia aumentano le soste dei sottomarini nucleari nella baia di Augusta (Sr), una delle aree più inquinate del Mediterraneo. Un'interrogazione denuncia l'assenza di piani d'emergenza in caso d'incidenti ai reattori.
    13 aprile 2011 - Antonio Mazzeo
Incontro di studio per il 6 marzo

Insediamenti militari e rischio nucleare. Un'iniziativa a Taranto.

L’incontro ha luogo presso l’Istituto Fermi, c.so Italia, 306, sabato 6 marzo, alle ore 17.30.
Intervengono di persona:
- Antonino Drago (fisico dell'Università di Napoli)
- Tonino Camuso (Osservatorio Balcani - Brindisi)
- Alessandro Marescotti (PeaceLink)

In diretta telefonica:
Falco Accame - ammiraglio, già presidente commissione Difesa
p. Alex Zanotelli - Missionari Comboniani Napoli
p. Michele Stragapede - Missionari Comboniani Bari
Pasquale Stigliano - Scanzano
Antonello Repetto - Sardegna
5 marzo 2004 - Comitato per il NO al rischio nucleare e NO ad ogni altro insediamento militare a Taranto

Di certezze e non di ipotesi si discuterà nell'incontro Insediamenti Militari e Rischio Nucleare or-ganizzato dal Comitato per il NO al rischio nucleare e NO ad ogni altro insedia-mento militare a Taranto. Taranto è l'unica candidata ad ospitare la VI Flotta attualmente ancorata a Gaeta. I guasti prodotti a La Maddalena dai sottomarini americani a propulsione nucleare sono noti agli esperti che hanno riscontrato livelli di torio radioattivo nelle alghe 400, volte superiori alla norma. Quei sommergibili opereranno anche nelle acque dello Jonio e verranno con più frequenza nella nuova base Usa a Taranto. È facile prevedere un notevole incremento del rischio nucleare.
L'economia tarantina subirà una grave perdita di posti di lavoro nella mitilicoltura e nella cantieri-stica. Danni irreparabili non controbilanciati da alcun beneficio. Taranto si appresta a diventare così base militare pronta a portare guerra e lutti in tutto il Medi-terraneo e in Medio Oriente, attirando le vendette dei terroristi. La nostra città ha bisogno di sapere cosa prevedono i progetti militari Usa e quali siano i relativi rischi. E' necessario conoscere e fare informazione prima che sia troppo tardi.
Il Comitato, al fine di una maggiore chiarezza, ha organizzato un incontro di studio con:
- Antonino Drago (fisico dell'Università di Napoli)
- Tonino Camuso (Osservatorio Balcani - Brindisi)
- Alessandro Marescotti (PeaceLink)

Interverranno in diretta telefonica:
Falco Accame - Roma
p. Alex Zanotelli - Missionari Comboniani Napoli
p. Michele Stragapede - Missionari Comboniani Bari
Pasquale Stigliano - Scanzano
Antonello Repetto - La Maddalena

DICIAMO 2 NO NO al rischio nucleare
NO alla guerra e ad ogni nuovo insediamento militare a Taranto

Ci sta a cuore:
- il futuro dei giovani
- la tutela della nostra salute
- lo sviluppo economico e sociale basato sul rispetto del territorio e delle risorse naturali

Note:

http://www.tarantoviva.it partecipa attivamente all'iniziativa.
Scarica il banner da http://www.tarantoviva.it/eventi/comitato_no-usa.asp ed esponilo nel tuo sito per solidarietà!
Scarica da
http://italy.peacelink.org/editoriale/articles/art_3146.html
il nuovo dossier "NATO a Taranto".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)