Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

Diritti umani e occupazione militare Usa

Iraq: a un anno dall'inizio della guerra, la situazione dei diritti umani resta critica

A un anno dall'inizio della guerra all'Iraq, la promessa di migliorare la situazione dei diritti umani dei cittadini iracheni resta lungi dall'essere mantenuta: e' quanto dichiarato oggi da Amnesty International in occasione del lancio di un nuovo rapporto intitolato Iraq: un anno dopo.
22 marzo 2004 - Amnesty International

--------------------------------------------------------------------------------
[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]
Iraq: a un anno dall'inizio della guerra, la situazione deidiritti umani resta critica

--------------------------------------------------------------------------------

Subject: Iraq: a un anno dall'inizio della guerra, la situazione deidiritti umani resta critica
From: press@amnesty.it
Date: Fri, 19 Mar 2004 17:08:44 +0100

--------------------------------------------------------------------------------

COMUNICATO STAMPA
CS27-2004

Dodici mesi dopo l'invasione dell'Iraq da parte delle forze della
Coalizione guidata dagli Usa, la popolazione irachena subisce ancora gravi
violazioni dei diritti umani. Nell'anno appena trascorso, decine di persone
disarmate sono rimaste uccise a causa dell'uso eccessivo o non necessario
della forza cui la Coalizione ha fatto ricorso durante le manifestazioni,
ai posti di blocco e nel corso di irruzioni in abitazioni private. Migliaia
di persone sono state imprigionate, spesso in dure condizioni, e sottoposte
a detenzione prolungata, sovente non ammessa dalle forze occupanti. Molti
prigionieri sono stati torturati o maltrattati e alcuni sono morti in carcere.

Il rapporto contiene le informazioni raccolte da Amnesty International
durante una serie di visite condotte in Iraq, sia nella fase immediatamente
successiva al conflitto che durante tutto l'anno seguente e mette in luce
la violenza quotidiana e l'insicurezza cui il popolo iracheno ha dovuto far
fronte in questo periodo.

"La violenza e' endemica, sotto forma di attacchi da parte dei gruppi
armati o di abusi da parte delle forze di occupazione. Milioni di persone
hanno subi'to le conseguenze della distruzione e del saccheggio delle
infrastrutture, della disoccupazione di massa e dell'incertezza circa il
proprio futuro. Si nutre scarsa fiducia nel fatto che tutti i responsabili
degli abusi dei diritti umani, sia passati che presenti, saranno consegnati
alla giustizia" ha dichiarato Amnesty International.

"Dopo un anno di guerra, assenza di legge, violenza crescente e privazioni
economiche, gli iracheni affrontano un futuro incerto. Affinche' il
prossimo anno possa essere migliore di quello passato, le forze occupanti,
i leader politici e religiosi iracheni e la comunita' internazionale
dovranno impegnarsi realmente per proteggere e promuovere i diritti umani
in Iraq" ha aggiunto l'organizzazione.

A un anno dall'inizio del conflitto, i civili iracheni vengono ancora
uccisi ogni giorno. Si stima che dal 18 marzo 2003, sia durante la guerra
che durante l'occupazione che ne e' derivata, oltre 10.000 civili iracheni
siano rimasti uccisi come conseguenza diretta dell'intervento militare in
Iraq. Si tratta solo di una stima, dal momento che le autorita' non
vogliono o non possono registrare le uccisioni. "Non siamo in grado di
registrare i dati relativi alle perdite civili" ha detto alla Reuters, un
mese fa, il generale di brigata Usa Mark Kimmit.

Decine e decine di civili sono rimasti uccisi, apparentemente a seguito
dell'uso eccessivo della forza da parte delle truppe Usa o sono stati
colpiti a morte in circostanze dubbie. In diverse occasioni, i soldati Usa
hanno ucciso decine di manifestanti iracheni: ad esempio, sette persone a
Mosul il 15 aprile 2003, almeno 15 a Falluja il 29 aprile e 2 nei pressi
del Palazzo della Repubblica a Baghdad il 18 giugno.

Nel novembre 2003, l'esercito Usa ha dichiarato di aver saldato con 1,5
milioni di dollari le richieste di risarcimento presentate dalle vittime o
dai parenti delle vittime irachene ferite, uccise o che avevano denunciato
danni alle proprieta'. Tra le 10.402 richieste presentate, diverse
riguardano circostanze in cui i soldati Usa hanno aperto il fuoco, ferendo
o uccidendo civili iracheni senza motivo apparente. Tuttavia, al di la' di
questi risarcimenti, non sono stati presi ulteriori provvedimenti a favore
delle famiglie dei morti o dei feriti. Nessun soldato Usa e' stato
sottoposto a inchiesta per aver ucciso illegalmente un civile iracheno. A
seguito di un'ordinanza emessa nel giugno 2003, ai tribunali iracheni e'
stato vietato di occuparsi di casi in cui sono coinvolti soldati Usa o di
altri eserciti stranieri o funzionari stranieri presenti in Iraq.
Praticamente, i soldati Usa stanno operando nella totale impunita'.

Amnesty International ha chiesto ripetutamente che tutte le uccisioni di
civili da parte delle forze occupanti venissero indagate in maniera
esauriente, indipendente e imparziale e che i responsabili di tutte le
uccisioni illegali fossero consegnati alla giustizia. L'organizzazione non
e' sinora a conoscenza dell'avvio di alcuna indagine indipendente.

I civili iracheni hanno anche dovuto affrontare il pericolo di attentati ad
opera di gruppi armati, un pericolo sempre piu' presente nel panorama
iracheno dall'inizio dell'occupazione. Gli attacchi hanno preso di mira
l'esercito Usa, il personale delle forze di sicurezza irachene, le stazioni
di polizia controllate dagli iracheni, leader ed edifici religiosi,
operatori della comunicazione, organizzazioni non governative e agenzie
delle Nazioni Unite e hanno causato la morte di centinaia di civili. Nella
misura in cui questi attentati sono parte di un vasto e sistematico attacco
contro la popolazione irachena nel perseguimento degli obiettivi di
un'organizzazione, essi costituiscono crimini contro l'umanita'.

Amnesty International ha chiesto ai gruppi armati di porre fine agli
attacchi contro i civili e gli operatori delle agenzie umanitarie
internazionali. L'organizzazione ha anche chiesto che i responsabili di
questi crimini siano consegnati alla giustizia e trattati secondo gli
standard internazionali in materia di diritti umani.

Sin dall'inizio del conflitto, Amnesty International ha ricevuto
informazioni relative ad arresti di civili iracheni, arrestati dalle forze
della Coalizione in violazione dei diritti umani. Alcuni prigionieri sono
stati detenuti senza accusa per mesi, molti sono stati torturati e
maltrattati. Di fatto, nessuno ha potuto avere accesso a un avvocato, alla
famiglia o alla revisione giudiziaria del proprio caso.

L'Autorita' Provvisoria della Coalizione ha ammesso la detenzione di circa
8.500 prigionieri. Tuttavia, un'organizzazione irachena per i diritti umani
ha stimato in 15.000 il numero dei detenuti. Nella maggior parte dei casi,
si tratta di cosiddetti "detenuti per motivi di sicurezza", ovvero persone
coinvolte o che si presume siano coinvolte in attivita' contro la
Coalizione.

Molti prigionieri hanno denunciato di essere stati torturati e sottoposti a
maltrattamenti da parte delle truppe anglo-americane durante gli
interrogatori. Secondo quanto riferito ad Amnesty International, fra i
metodi piu' frequenti figurano le percosse, la privazione prolungata del
sonno, l'obbligo di mantenere posizioni dolorose, a volte insieme
all'esposizione a musica assordante o a fonti di luce abbagliante e
all'incappucciamento. Nessuna denuncia di tortura o maltrattamento e' stata
indagata adeguatamente.

L'assenza di legge e ordine continua ad essere assai preoccupante in molte
zone dell'Iraq. I delegati di Amnesty International hanno ricevuto
testimonianze di prima mano sull'impatto devastante che l'assenza della
legge sta avendo sulla vita quotidiana degli iracheni, in particolare per
quanto riguarda saccheggi, uccisioni per vendetta, rapimenti o violenza
sulle donne.

"Assicurare la giustizia e' fondamentale per le innumerevoli vittime delle
violazioni dei diritti umani in Iraq. Gli iracheni hanno subi'to decenni di
gravi violazioni da parte del proprio governo cosi' come abusi commessi
durante gli svariati conflitti, compreso l'ultimo con le sue conseguenze".

"Occorrono modifiche fondamentali in ambito legale, giudiziario e penale.
I diritti umani devono essere al centro di tutti gli sforzi di
riorganizzazione e ricostruzione dell'Iraq. Venir meno all'obbligo di
proteggere pienamente i diritti umani durante questo periodo di
transizione, sarebbe un tradimento nei confronti del popolo iracheno, che
ha sofferto cosi' tanto nel passato", ha dichiarato Amnesty International.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 18 marzo 2004

Note:

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:

Paola Nigrelli
Ufficio Stampa
Amnesty International - Sezione Italiana
Via G.B. de Rossi, 10 - 00161 ROMA
Tel. 06 44.90.224 fax 06 44.90.222
cell. 348-6974361 e-mail: press@amnesty.it
Internet: htp://www.amnesty.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)