Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Premio Ponti di Memoria nel 70esimo anniversario della Liberazione

I Promotori:
Associazione Arci Ponti di Memoria, MEI - Meeting delle Etichette Indipendenti, con il Patrocinio del Comune di Milano - Assessorato alla Cultura
Laura Tussi17 aprile 2015

Premio Ponti di Memoria nel 70esimo anniversario della Liberazione

MILANO E LA MEMORIA:
PER LA LIBERAZIONE E CONTRO LE MAFIE
23 aprile e 4 settembre

Il 23 aprile si terra'
PREMIO PONTI DI MEMORIA
NEL 70ESIMO ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE

I PROMOTORI

ASSOCIAZIONE ARCI PONTI DI MEMORIA
MEI - MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI
MILANO- ASSESSORATO CULTURA

L’Associazione Arci Ponti di memoria e il Mei - Meeting delle Etichette
Indipendenti (per i festeggiamenti dei suoi 20 anni di attivita'), con il
patrocinio del Comune di Milano, Assessorato alla Cultura, presentano,
all'interno della manifestazione "Milano e la Memoria: per la Liberazione e
per la Legalita'," due eventi che si terranno il 23 aprile e il 4 settembre
2015.

MEI - Meeting Etichette Indipendenti

Il 23 aprile alle ore 21, presso il ridotto del Teatro del Verme, andrà in
scena la prima edizione del “Premio Ponti di memoria per l'impegno civile”
destinato a personaggi o entità che si sono distinti nel recupero della
memoria e nella sua trasmissione alle nuove generazioni. 
Accanto a nomi conosciuti della musica, del teatro, del cinema, della
cultura e dell'informazione, saranno premiati giovani di indubbio valore
artistico che si sono imposti nel panorama nazionale negli ultimi anni.
La memoria che si propone di riscoprire non è solo passato, ma si trasforma
in un ponte tra generazioni che condividono identici valori. Come fosse un
passaggio di testimone.
Con il “Premio Ponti di memoria per l'impegno civile”, Milano diventa
dunque per una sera “la città dei narratori”, il luogo in cui tutti le
piccole storie raccontate si incrociano nella grande Storia attraverso la
forza delle parole.

PROGRAMMA

Premiati

Premio “Ponti di memoria” a Giovanni Pesce e Onorina Brambilla Nori

Radio Popolare (per il programma “Radio Milano liberata”)

Antonio Scurati (per il libro “Il tempo migliore della nostra vita” su Leone
Ginzburg)

Massimo Priviero (per la canzone "Pane, giustizia e libertà")

Gaetano Liguori (per il disco "Noi credevamo")

Laura Tussi e Fabrizio Cracolici (per il progetto "Per non dimenticare" del
Comune di Nova Milanese e Bolzano)

Foce Carmosina /Fabrizio Fabrizio Zanotti Lino Ricco (per la canzone "Poco di
buono")

Beppe Giampà( per il progetto di teatro canzone su testi di Cesare Pavese)

Settegrani (per il progetto "Neve diventeremo")

GANG (per il disco "Sangue e cenere)

Andrea GuoloTiziana Di Masi (per l'impegno civile sulle nuove Resistenze)

Filippo Andreani (per la “Canzone per Delmo” dedicata ai fratelli Cervi)

Andrea Sigona (per la canzone “Sotto questo dolore”, dedicata a Clara
Cecchini scampata dalla strage nazifascista di Valla).

Al ricco parterre, si aggiungeranno ospiti a sorpresa.
Ingresso libero e aperto a tutti

Presenta Daniele Biacchessi, giornalista, scrittore, presidente
dell'Associazione Arci Ponti di Memoria.
Regia e Coordinamento: Daniele Biacchessi Presidente di Ponti di Memoria e
Giordano Sangiorgi Organizzatore del MEI - Sangiorgi

Contatti:
0546.646012
E-mail:
info@danielebiacchessi.it
mei@materialimusicali.it
Siti:
www.pontidimemoria.it
www.meiweb.it

Note: su PRESSENZA - International Press Agency:
http://www.pressenza.com/it/2015/04/premio-ponti-di-memoria-nel-70esimo-anniversario-della-liberazione/

su ILDialogo.org:
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/storia/Gmemoria_1429042123.htm

Articoli correlati

  • I partigiani della pace
    Storia della Pace
    Un soggetto politico, strumento di partecipazione, informazione politica e culturale per i popoli

    I partigiani della pace

    Alcuni dei fondatori di questo movimento furono Picasso, Einstein, Neruda e tra gli italiani Nenni, Vittorini, Guttuso, Quasimodo, Ginzburg, Einaudi e molti altri
    8 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Le donne contro la guerra
    Pace
    Nel secondo dopoguerra, si rafforza un impegno contro la guerra sempre più rilevante e capillare

    Le donne contro la guerra

    Il fascismo aveva educato le donne a fare i figli per la guerra, invece le donne i figli devono farli per la pace e per un mondo migliore
    4 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • I Giardini di Pace e Memoria
    Pace
    Un ponte Alife e Teano con il Gemellaggio dei Giardini dei Diritti Umani e della Nonviolenza

    I Giardini di Pace e Memoria

    Giornata internazionale dei Diritti Infanzia e Adolescenza e Giornata nazionale dell'Albero è avvenuto il Gemellaggio tra il "Giardino dei cinque Continenti e della Nonviolenza di Scampia" ed il "Giardino della Pace, della Memoria e del Creato, presidio di Pace, di Nonviolenza e di legalità"
    23 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Fascismo è guerra
    Storia della Pace
    Con il regime fascista il pacifismo doveva sparire

    Fascismo è guerra

    Mussolini scrisse: "Il fascismo respinge il pacifismo che nasconde una rinuncia alla lotta, una viltà, di fronte al sacrificio. Solo la guerra porta al massimo di tensione tutte le esigenze umane e imprime un sigillo di nobiltà ai popoli che hanno la virtù di affrontarla"
    9 novembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)