Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Il giornalista Junpei Yasuda e il militante pacifista Nobukata Watanabe sono in salvo

Iraq: liberati pacifista e giornalista freelance giapponesi

Watanabe ha raccontato alla televisione Nhk che i sequestratori gli hanno affidato un messaggio per il popolo giapponese.
17 aprile 2004
Redazione

Confermata la notizia della liberazione dei due ostaggi giapponesi. Il rilascio è avvenuto oggi a Baghdad. E’ quanto ha riferito un responsabile degli Ulema musulmani.

"Sono seduti accanto a me", ha detto lo sceicco Abdel Salam Kubeissi, uno dei capi dell'associazione, aggiungendo che sono "in buona salute".

I due giapponesi sono il giornalista freelance Junpei Yasuda, 30 anni, e il militante pacifista Nobukata Watanabe, 36 anni.

I due erano scomparsi mercoledi' ad Abu Gharib, vicino a Baghdad, mentre cercavano di fotografare un elicottero americano abbattuto dai miliziani. La liberazione è avvenuta grazie ai buoni uffici del Consiglio degli Ulema, l'associazione di religiosi sunniti che già ha contribuito al rilascio di molti stranieri. "Due ostaggi giapponesi sono stati liberati e consegnati all'incaricato d'affari nipponico", ha riferito Abdel Salam al Kubaisi, del Consiglio degli ulema. "Sono qui vicino a me", ha raccontato ancora, "e sono in ottima salute". I rapiti sono stati portati alla moschea Um al Qura di Baghdad.
Dopo la liberazione, Watanabe ha raccontato alla televisione Nhk che i sequestratori gli hanno affidato un messaggio per il popolo giapponese. "Il gruppo armato è furioso per l'occupazione militare americana, ma considera il Giappone un amico dell'Iraq", ha spiegato, anche se è stata ribadita la richiesta che Tokyo ritiri i 550 soldati dispiegati a Samawa, nel sud. "Non vogliamo far del male ai nostri amici", hanno detto ancora i sequestratori, a quanto riferito dal pacifista, "per favore, ditelo ai giapponesi".

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Schede
    Breve scheda

    Sadako Sasaki (1943-1955)

    Questa bambina, sopravvissuta al bombardamento atomico di Hiroshima del 6 agosto 1945, all'età di undici anni fu colpita da una grave forma di leucemia, conseguenza delle radiazioni della bomba atomica. Con la tecnica dell'origami realizzò tante gru con qualsiasi carta
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)