Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

PRESSENZA:

Diritti all’InformAZIONE

Giornalismo per la nonviolenza 2014-2016
Laura Tussi25 luglio 2017

Diritti all’InformAZIONE

Giornalismo per la nonviolenza 2014-2016

Libro di PRESSENZA - International Press Agency

Questo libro raccoglie editoriali, interviste e alcune foto dell’edizione italiana di Pressenza, agenzia internazionale che pubblica ogni giorno notizie in otto lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, greco e catalano) su pace, nonviolenza, disarmo, diritti umani e lotta contro ogni forma di discriminazione.

 

Dal 2009, quando iniziò coprendo gli eventi della prima Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, Pressenza ha creato una rete internazionale di professionisti che prestano gratuitamente la propria opera per dare conto di un nuovo mondo che sta nascendo, ma anche per denunciare le ingiustizie e la violenza del vecchio mondo che sta morendo.

 

Pressenza è una realtà in crescita e insieme a tutti i suoi partners (siti, blog, media indipendenti di ogni tipo) lavora per illuminare questo momento oscuro, dando spazio alle tante iniziative di solidarietà e nonviolenza in genere ignorate o deformate dai media mainstream.

 

E’ un ambito di lavoro libero, orizzontale e partecipativo, che valorizza la diversità e applica la nonviolenza e l’umanesimo nella realtà concreta delle attività spesso frenetiche di un’agenzia stampa.

 

Pressenza dimostra che è possibile lavorare con efficienza e professionalità non per il profitto, ma per la speranza di un mondo migliore, che è possibile collaborare invece di competere, informare invece di fare propaganda, essere coerenti piuttosto che opportunisti, occuparsi del bene comune e non dei propri minuscoli interessi. Dimostra che i soldi non sono tutti e non possono comprare il futuro.

 

Un sogno che ogni giorno di più diventa una realtà.

 

www.pressenza.com/it

 

“Diritti all’informAZIONE è già stato presentato in aprile a Torino, a maggio a Milano e a giugno a Bologna.  Tra settembre e ottobre sono previste altre presentazioni a Milano, Roma, Pistoia e Bergamo, Napoli di cui verrà data notizia nel sito.

 

La seguente intervista a Moni Ovadia

https://www.pressenza.com/it/2016/04/moni-ovadia-violare-diritto-allaccoglienza-barbarie/, presente anche nel libro, illustra con forza e passione l’interesse di Pressenza per temi scottanti come l’accoglienza di migranti e rifugiati e la costruzione di una cultura fondata sulla nonviolenza, la giustizia sociale e i diritti umani.

Articoli correlati

  • Scuola e diritto alla pace
    Pace
    Riflessioni pedagogiche

    Scuola e diritto alla pace

    La scuola ha il compito di costruire un’alternativa, un baluardo e un’azione di contropotere, decostruendo e ricostruendo le idee, indicando ai giovani la possibilità di scegliere tra un pensiero conformista e allineato al potere e uno stile di vita libero e divergente
    24 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Asili nido e società “adulto-centrica”: intervista a Gabriella Falcicchio.
    Consumo Critico
    I servizi nella fascia 0-3 anni

    Asili nido e società “adulto-centrica”: intervista a Gabriella Falcicchio.

    E' necessario mandare i bambini al nido per farli essere più "preparati"? In una società arrivista, capitalista e frenetica, anche i bambini devono "stare al passo" degli adulti. La tradizione pedagogica non violenta e "illichiana" possono invece aiutarci a mettere al centro i bambini.
    15 agosto 2020 - Linda Maggiori
  • Gli orrori di Piacenza
    Pace
    Un appello

    Gli orrori di Piacenza

    Gli orrori commessi da alcuni carabinieri a Piacenza confermano una volta di piu' la necessita' e l'urgenza che tutte le persone appartenenti alle forze dell'ordine siano formate alla nonviolenza.
    25 luglio 2020 - Peppe Sini
  • Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi
    Storia della Pace
    Oggi ricorre l'anniversario della repressione del 4 giugno 1989

    Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi

    Gli eroi nella fotografia del carro armato sono due: il personaggio sconosciuto che rischiò la sua vita piazzandosi davanti al carro armato e il pilota che si rifiutò di falciare il suo compatriota, fermando l'intera colonna
    4 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)