Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Una piccola storia

Il 25 aprile dedicato al sottufficiale tedesco Leo Jansen

Obbedì alla sua coscienza e salvò degli italiani: fu degradato.
24 aprile 2004

Leo Jansen era un sottufficiale tedesco che venne degradato per aver salvato dalla fucilazione Alfredo e Giuseppino Bertuzzi, miei parenti, durante la seconda guerra mondiale. Era il periodo delle rappresaglie contro i partigiani. "Non mi importa nulla della carriera militare", e obbedì solo alla sua coscienza. Stette 14 mesi a Voltana di Lugo di Romagna, in una guerra che non condivideva e in cui seppe fare abilmente il doppio gioco. Aveva imparato a parlare il romagnolo e passava in segreto delle informazioni ad amici italiani quando c'era pericolo. Non riuscì a fare moltissimo, altri soldati tedeschi a Voltana fecero il loro lavoro da veri criminali, ma lui si fece apprezzare dagli italiani che potè aiutare. Nel 1952 ritornò in Romagna e ogni anno l'estate andava a trovare Giuseppino, l'uomo che aveva salvato dalla fucilazione. La prima volta che, nel 1952, si riincontrarono Leo e Giuseppino piansero insieme.

Note: 25 aprile: nelle lettere dei condannati a morte troviamo le nostre idee di pace
http://lists.peacelink.it/educazione/msg00682.html

Articoli correlati

  • L'Antifascismo di padre in figlia
    Pace
    Patrizia Mainardi si racconta

    L'Antifascismo di padre in figlia

    "Mobilitarsi significa agire, partecipare, manifestare e rivendicare il rispetto delle fondamentali esigenze della convivenza sociale". Intervista alla Presidente Anpi Salsomaggiore Terme, figlia di Anteo, il Partigiano "Canto".
    6 agosto 2020 - Laura Tussi
  • L'esempio di Duccio Galimberti
    Pace
    Una riflessione

    L'esempio di Duccio Galimberti

    Arrestato dai fascisti, il 28 novembre 1944, seviziato e ridotto in fin di vita, non parla. Viene fucilato il 4 dicembre 1944.
    25 luglio 2020 - Laura Tussi
  • La strage di Reggio Emilia
    Pace
    Dopo questi orribili fatti il governo Tambroni si dimise

    La strage di Reggio Emilia

    Partigiani e operai assassinati nella strage del 7 luglio 1960: fu un cortocircuito tra la società civile e antifascista e le istituzioni
    6 luglio 2020 - Laura Tussi
  • L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944
    Pace
    Fondotoce è una frazione di Verbania in Piemonte, lì sorge il “Parco della Memoria e della Pace”

    L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944

    Vennero fucilati 43 partigiani vicino al canale che congiunge il Lago di Mergozzo al Lago Maggiore. Ogni vittima ha donato la vita per la Pace e i diritti umani. Ora spetta a noi non vanificare il loro sacrificio e proprio per questo non li possiamo dimenticare.
    19 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)