Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Comunicato del MIR nell’anniversario delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki

Un minuto di silenzio contro le bombe atomiche

Anche quest’anno tutti quanti ripetono: “Non deve mai più succedere”. Ma la minaccia atomica permane, perché ancora 13.000 testate nucleari sono pronte a distruggere le città come fu per Hiroshima e Nagasaki. Per questo sosteniamo il Trattato dell’ONU di proibizione delle armi nucleari (TPAN).
6 agosto 2021
Pierangelo Monti (Presidente MIR)

 Anche quest’anno il 6 e il 9 agosto ricordiamo le più devastanti esplosioni della storia, quelle che hanno portato distruzione e morte alle due città di Hiroshima e Nagasaki nel 1945.

Anche quest’anno tutti quanti ripetono: “Non deve mai più succedere”.

Ma la minaccia atomica permane, perché ancora 13.000 testate nucleari sono pronte a distruggere le città come fu per Hiroshima e Nagasaki.

C’è però una novità quest’anno che può alimentare la speranza e spingere a un maggiore impegno per il disarmo: dal 22 gennaio di quest’anno è in vigore il Trattato dell’ONU di proibizione delle armi nucleari (TPAN), che, se applicato da tutti gli stati, porterebbe alla fine della minaccia nucleare.  Purtroppo, tanti stati ancora non lo hanno ratificato e tra essi l’Italia, che continua ad avere testate atomiche americane nelle basi di Aviano e Ghedi.
Le armi nucleari sono immorali ed ora sono anche illegali secondo il diritto internazionale. 

Il M.I.R. (Movimento Internazionale della Riconciliazione) rinnova ancora, in questa occasione, l’appello al Governo italiano perché aderisca al Trattato, come desiderato dalla maggioranza del popolo italiano, come richiesto da tutte le organizzazioni che portano avanti la campagna “Italia, ripensaci” e dai sindaci che a migliaia in Italia e nel mondo aderiscono a “Mayors for Peace”, perché nessuna città venga distrutta dalla guerra.

Anche il MIR invita tutti a fare un minuto di silenzio il giorno 6 agosto alle ore 8:15 e il 9 agosto alle 11:02, in memoria dei bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki e delle migliaia di vite umane spezzate.

Per maggiori info e per scaricare il file ufficiale del comunicato, visitate la pagina https://www.miritalia.org/2021/08/05/comunicato-del-mir-nellanniversario-delle-bombe-atomiche-su-hiroshima-e-nagasaki/
Vi invitiamo a diffondere il presente comunicato anche tramite i social, condividendo il post del MIR sulla pagina FB disponibile qui https://www.facebook.com/MIR.Italia
 
-------
segreteria nazionale 

Movimento Internazionale della Riconciliazione

branca italiana dell'IFOR (International Fellowship of Reconciliation)

Via Garibaldi 13

10122 Torino, Italia
Tel. +39.011532824

Fax +39.0115158000
C.F.: 96028760583

Website: www.miritalia.org  

BANDIERE DI PACE

Note: Comitato olimpico internazionale (Cio) no a minuto silenzio per Hiroshima

(ANSA) - TOKYO, 03 AGO - La città di Hiroshima protesta contro gli organizzatori dei Giochi olimpici di Tokyo 2020, per il loro rifiuto ad onorare le vittime del bombardamento atomico del 1945. Lo riporta il quotidiano giapponese Asahi Shimbun, ricordando che nonostante la pandemia di Covid-19, i funzionari della città avevano anche accolto il presidente del Cio Thomas Bach a luglio per un tour dei siti commemorativi del bombardamento atomico, compreso l'Hiroshima Peace Memorial Park.

Articoli correlati

  • "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"
    Storia della Pace
    Dall'enciclica "Pacem in terris" di papa Giovanni XIII

    "Gli esseri umani vivono sotto l'incubo di un uragano atomico"

    Il Papa scriveva nel 1963: "Giustizia, saggezza ed umanita' domandano che venga arrestata la corsa agli armamenti, si riducano simultaneamente e reciprocamente gli armamenti gia' esistenti, e si mettano al bando le armi nucleari".
    6 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il nuovo Hibakusha
    Editoriale
    Ma la storia continua, come i danni e le sofferenze per tutti i test nucleari succeduti negli anni.

    Il nuovo Hibakusha

    Una piccola notizia che passa in secondo piano, mentre commemoriamo il bombardamento di Hiroshima il 6 agosto di 76 anni fa. Che però ribalta l’anniversario al di là del solo ricordo storico e lo riporta ancora una volta alla sua concretezza.
    6 agosto 2021 - Roberto Del Bianco
  • "Hiroshima, non dovevamo"
    Storia della Pace
    Analisi del libro del filosofo John Rawls

    "Hiroshima, non dovevamo"

    Il guaio grave e' che negli Stati Uniti ancora prevale la tesi ufficiale che giustifico' accanitamente le bombe di Hiroshima e Nagasaki. Clinton disse: "Truman ha fatto quel che si doveva fare". La maggioranza degli americani riteneva che gli Usa non dovessero presentare scuse al Giappone.
    6 agosto 2021 - Peppe Sini
  • A Palermo l’intestazione di una via ad Hiroshima e Nagasaki
    Pace
    In occasione dell’anniversario dei bombardamenti atomici sul Giappone

    A Palermo l’intestazione di una via ad Hiroshima e Nagasaki

    “L’intestazione di una via ad Hiroshima e Nagasaki - dichiara il portavoce della Consulta della pace Francesco Lo Cascio - è ancor più importante vista la partecipazione del sindaco e della città alla rete internazionale di 'Mayors for Peace', promossa dal sindaco di Hiroshima".
    5 agosto 2021 - Antonella Di Maggio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)