Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Accendiamo la Pace

Alife in Marcia, Scuola, Istituzioni e Associazioni dicono “NO alla Guerra”

“Tutela la Pace, bene supremo della storia". La Fiaccola della Pace ha aperto la marcia alla presenza di tutte le Istituzioni e dei rappresentanti delle associazioni. Studenti e insegnanti sono scesi in piazza accogliendo tempestivamente l’invito rivolto dal Movimento per la Pace.
12 marzo 2022
Paolo Mesolella

marcia della Pace ad Alife

Alife(Ce)- IIS IPIA “DE Franchis”, Istituto Comprensivo e Scuola Paritaria S. Francesco, sono scesi in piazza accogliendo tempestivamente l’invito rivolto dal Movimento per la Pace, promotore in tutta la provincia delle mobilitazioni contro la guerra e in Solidarietà al popolo ucraino, che si stanno tenendo in queste ultime settimane. Con a capo la “Fiaccola della Pace” dei 100 anni della grande guerra, accesa con l’intenzione “Pace in Ucraina” e consegnata dalla Presidente del Movimento per la Pace Agnese Ginocchio alla rappresentante ucraina alla presenza di tutte le Istituzioni scolastiche e raprpeesntanti delle associazioni partecipanti.

In prosieguo a quella di Raviscanina, di Piedimonte Matese e di Teano, si è svolta ad Alife la Marcia per la Pace “Fermiamo la guerra Accendiamo la Pace”. Il Sindaco Maria Luisa Di Tommaso in prima linea, ha condannato fermamente questa guerra. "E’ inconcepibile che si parli ancora di guerre, come se il passato non ci avesse insegnato nulla. Ferma la condanna dell’attacco da parte della Russia, chiediamo l’immediato cessate il fuoco.

Come comune, in sinergia con le associazioni, ci si sta attivando per dare una mano alla popolazione, mediante raccolta di beni di prima necessità”. Presenti gli alunni della sede di Alife dell’ IIS IPIA De Franchis di P. Matese retto dal Preside Marcellino Falcone, accompagnati dalla vice preside Angelina Palmiero e dai docenti Elda Civitillo, Patrizia Cocchiariello, Francesco Cunti, Domenico D’Agostino, Maria Iacovissi, Giammattia Del Monaco, Luigi Di Rienzo, Domenico Farina, Filomena Farina, Pasquale Farina, Mario Martino, Giuseppina Rao, Michele Sansone, Donato Tarrtaglione; la “Consulta degli studenti” dell’Istituto Comprensivo “N. Alunno” di Alife retto dalla Dirigente Angela Faraone, accompagnati dalle docenti Raffaella Carullo e Luisa Luponio, davanti all’Albero della Pace dove si sono tenuti gli interventi ed è terminata la manifestazione, ha partecipato anche il vicino plesso della primaria di Via Volturno con la docente Maria Pia Biondi e la Dirigente scolastica Angela Faraone. Una rappresentanza della Scuola Paritaria San Francesco di Alife è stata presente con la Dirigente Paola Pirolo partecipando ad un breve tratto del corteo e l'esibizione di un grosso carlellone su cui si leggevano poesie e disegni sull Pace realizzati dagli alunni.

Davanti all'Albero della Pace gli alunni delle classi 5G e 5: Maria Filomena Marra, Kevin Dell'Anno, Luca Granitto, Francesco Giacomantuono, Matteo Simonelli, Valerio Fiocco, Francesco Zabot, Remigio D'Agnese, Vincenzo Angelillo, Simone Di Marco, Pasquale Pezzullo e a seguire la Consulta Studenti: Enza Caporaso, Antonio Caporaso, Lavinia Torres (1A, 2A, 3A S. Angelo); Giovanni Cuorvo(1A), Flavia Aceto( 1B), Gabriele Valentino(1A, 1B, 1C Alife), Francesco Ventriglia, Maria Versaci( 2°, 2B Alife),Sonia Funiciello, Giada Paterno, Carlo Delli Veneri( 3A, 3B, 3C Alife), hanno declamato letture e riflessioni sull’importanza di tutelare il dono della Pace. Dalle loro riflessioni sono state citate più volte grandi figure quali Gino Strada, Martin Luther King, Nelson Mandela, sulle quale ci si è soffermarti durante i recenti incontri avvenuti presso l’Albero della Pace. Gli alunni hanno realizzato bellissimi cartelloni e disegni portati durante la Marcia per la Pace, sui quali si leggevano in chiaro “PACE”, “No alla guerra”, poesie di Pace accompagnate dagli infiniti colori della Bandiera della Pace e dalla Bandiera dell’Ucraina.

La Fiaccola della Pace ha aperto la marcia alla presenza di tutte le Istituzioni e dei rappresentanti delle associazioni. Sono stati ufficialmente presenti portando il proprio saluto l’ Associazione Nazionale Combattenti e Reduci sezione provinciale e sezione di P. Matese con i Presidenti Ugo Romano e Lino Diana, il Circolo Ricreativo della terza età con il Presidente Francesco Montalbano, il Comitato Civico Raviscanina con la Presidente Maria Gioia Tomassetti, l Movimento Agende Rosse P. Borsellino con il referente provinciale Mimmo Marzaioli. Al termine è stato declamato dai soci del Movimento per la Pace Rosa Arbolino e Monica Pacelli l’appello “Cessate il Fuoco” al quale sono stati invitati ad apporre la firma il Sindaco e a seguire tutte le istituzioni scolastiche, i rappresentanti delle associazioni presenti e la rappresentante ucraina, che con commozione ha ricordato il dolore che sta attraversando il suo popolo.

“Non siete soli!” ha ribadito il Movimento per la Pace, a nome di tutti, l'appello, così come si sta facendo per tutte le altre manifestazioni verrà inviato al governo italiano con l’auspicio che facendo pressione da più parti, prevalga la strada della diplomazia, del dialogo e del buonsenso. Il governo non può ignorare il grido ” No War” che in Italia si sta levando ovunque ed in particoare da tutte le realtà scolastiche. "La Pace è il Bene supremo della storia che va tutelato come la nostra stessa vita". Al termine, un omaggio realizzato dagli alunni dell’IIS IPIA: il simbolo di Pace con i colori della bandiera ucraina posato dall’alunno Valerio Fiocco sulla mano della scultura dedicata a Gino Strada che sorregge la colomba della Pace ed infine il volo in cielo di tanti palloncini con i colori della bandiera ucraina e la colomba bianca della Pace. In alto i giovani per la Pace!


Un ringraziamento alla Polizia Municipale presente con il Comandante per il servizio sicurezza e a quanti hanno collaborato per la buona riuscita dell'evento.

Note: Le immagini della Marcia
https://www.peacelink.it/gallerie/gallery.php?id=215

Articoli correlati

  • Quando la realtà è putiniana
    Conflitti
    Le sanzioni dissanguano l'Europa a beneficio degli Usa

    Quando la realtà è putiniana

    Le sanzioni europee contro la Russia si rivelano sanzioni contro l’Europa, mentre alla Russia non fanno un baffo. Questo disastro è causato dall’insipienza delle classi dirigenti europee inclusi i nostri Migliori. Perché non discuterne? Perché incolpare di putinismo chi guarda in faccia alla realtà?
    2 settembre 2022 - Marco Travaglio
  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)