Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Tor Bella Monaca, Roma

All'Istituto Comprensivo Melissa Bassi Giornata della Pace

Evento con Agnese Ginocchio e la fiaccola della Pace: ""Parlare di Pace, attraverdo l'istituzione scolatica che in un territorio come questo diventa faro e luce come la luce di questa fiaccola, simbolo della luce della Pace che deve ardere nel cuore dei giovani, diventa un atto rivoluzionario".
30 marzo 2022

fiaccola della Pace a Tor Bella Monaca Il percorso della "Fiaccola della Pace" giunge alla periferia di Roma, in uno dei quartieri "simbolo" più a rischio,  Tor Bella Monaca e approda presso l'Istituto Comprensivo "Melissa Bassi" toccando i plessi della sede principale dell'infanzia, primaria e secondaria di 1° grado in Via dell' Archeologia e il plesso di Via Aspertini.


Grazie all'impegno delle docenti referenti del progetto, Carmela Senatore e Francesca Sanfilippo infatti, è stata possibile organizzate la "Giornata della Pace" ed ospitare la cantrautrice e testimonial per la Pace Agnese Ginocchio, Donna di Pace impegnata da anni sui percorsi della Pace e della Nonviolenza, che fa della sua musica impegnata uno strumento di sensibilizzazione e di educazione alla Pace. La cantautrice che è anche Presidente del Movimento per la Pace della provincia di Caserta e Campania (ente aderente alla rete nazionale), ha voluto portare con se eccezionalmente la "Fiaccola della Pace" per accostare accanto al messaggio in parole e musica per la Pace ( con gli alunni dei plessi ha eseguito il brano "Bandiere di Pace", Inno delle marce per la Pace svolte negli anni), anche un messaggio in solidarieta al popolo Ucraino e a tutti i popoli colpiti dalle guerre nel mondo. Infatti la "Fiaccola, così come si sta facendo in queste ultime settimane ( il cammino della Fiaccola è iniziato nel 2014 partendo del percorso dei 100 anni di guerre: "dalla grande guerra alla grande Pace"), è stata accesa con l'intenzione "Pace in Ucraina e nel mondo" e per chiedere il "Cessate il Fuoco". A fare gli onori di casa la Dirigente scolastica Alessandra Scamardella la quale entusiasta del progetto realizzato ha ricordato l'importanza di difendere il valore della Pace e su invito della testimonial per la Pace, ha comunicato la propria disponibilità come scuola ad avviare percorsi di Pace. Una bellissima giornata scandita da coereografie, canti, disegni, bandierine e composizioni colorate coi i colori della Pace e della bandiera dell'Ucraina e riflessioni sul tema della Pace, realizzata grazie al lavoro e alla sinergia dei docenti di tuttii plessi insieme agli alunni.
Tor Bella Monaca è uno dei quartieri più a rischio della periferia romana, dove ogni giorno si consumano le piazze di spaccio.


29 Marzo 2022.

"Parlare di Pace, attraverdo l'istituzione scolatica che in un territorio come questo diventa faro e luce come la luce di questa fiaccola, simbolo della luce della Pace che deve ardere nel cuore dei giovani, diventa un atto rivoluzionario. Non c'è migliore luogo della scuola per educare a questo valore. L'educazione alla Pace però deve partire dalla famiglia e si deveimpartire sin da piccoli". Ha così esordito Agnese Ginocchio, rivolgendosi ai molti genitori venuti per assistere alla Giornata della Pace in cui protagonisti erano proprio i loro figli. "Parlate di Pace a casa, perché se ci troviamo in questa brutta situazione, con una guerra alle porte che rischia di estendersi in tutt'Europa, significa che su questo versante poco o niente è stato fatto. Che futuro vogliamo consegnare a questi giovani? La famiglia lavori perciò in sinergia con la scuola". Ha concluso.


La Fiaccola è stata accesa e consegnata alla presenza della Dirigente scolastica , delle docenti dei plessi di Via Archeologia e dei docenti e della vicaria del plesso di Via Aspertini Laura Fantilli, agli alunni di origine Ucraina e Africana. Al termine come segno concreto, cosi come già si sta facendo, la sottoscrizione dell'appello "Cessate il fuoco"sottoscritto dalla Dirigente scolastica, docenti, rappresentanti dei genitori e degli alunni della scuola, da mandare al governo e la consegna della Bandiera della Pace alla Dirigente scolastica in segno di impegno. Un "Attestato speciale di ringraziamento" è stato consegnato infine da Agnese Ginocchio alla Dirigente scolastica Scamardella e alle due docenti referenti del progetto "Senatore e Sanfilippo" accompagnato dal ramoscello di ulivo dell'Albero della Pace. Presto ritorneremo con la Fiaccola e verremo amettere a dimora anche qui l'Albero della Pace. Ha fatto sapere la Presiente del Movimento per la Pace.

Articoli correlati

  • Quando la realtà è putiniana
    Conflitti
    Le sanzioni dissanguano l'Europa a beneficio degli Usa

    Quando la realtà è putiniana

    Le sanzioni europee contro la Russia si rivelano sanzioni contro l’Europa, mentre alla Russia non fanno un baffo. Questo disastro è causato dall’insipienza delle classi dirigenti europee inclusi i nostri Migliori. Perché non discuterne? Perché incolpare di putinismo chi guarda in faccia alla realtà?
    2 settembre 2022 - Marco Travaglio
  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)