Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Torino: non solo smog. Arriva anche la diossina dell'Ilva

    Torino: non solo smog. Arriva anche la diossina dell'Ilva

    Il rifiuto è Teratogeno: nocivo per la funzione sessuale e fertilità
    17 novembre 2017 - Luciano Manna
  • Fino al 5 giugno

    Cinemambiente, a Torino per aprire gli occhi

    Diciassette anni di Film, iniziative per le scuole anche dopo il Festival e un ricchissimo archivio di documentari
    5 giugno 2014 - Lidia Giannotti
  • Lettera all'Arcivescovo di Torino

    Franchezza - Chiesa di chiese - Senza confini - Gerarchia - Chiesa tele-visiva - Segnali opposti - Celibato più dell'eucaristia - Autorità più che verità - Chiesa e pace - Indifferenza politica - Pace e giustizia prima del culto - Rivoluzione dei ricchi - Chiesa non clericale - Collaborazione.
    6 marzo 2011 - Enrico Peyretti
  • Un centro studi per educare alla pace e alla nonviolenza
    Intervista al prof. Nanni Salio, presidente del Centro

    Un centro studi per educare alla pace e alla nonviolenza

    Abbiamo voluto saperne di più sul Centro Studi Sereno Regis di Torino. Ospita una biblioteca e un centro di documentazione. E' un luogo di ricerca dove si coltiva l'interesse per la cultura della nonviolenza. Nel Centro sono attivi il gruppo"Educazione alla pace" e l'"Ecoistituto del Piemonte".
    9 febbraio 2010 - Laura Tussi
La Pace vincerà se dialoghiamo

Secondo "appuntamento mondiale dei Giovani della Pace"

Si terrà il 3 ottobre ad Asti e si spera di bissare il successo dei 100 mila del 2002.
11 agosto 2004 - Alessio Di Florio

La Pace vincerà se dialoghiamo


Negli ultimi decenni abbiamo visto tante volte, nei vari consessi mondiali a partire dal G8, i cosiddetti Grandi della Terra riunirsi attorno ad un tavolo e decidere il futuro dell'umanità. Nelle parole e nelle promesse(mai rispettate!!!!) spesso si tornava a parlare di Terzo Mondo. Si facevano promesse e si lanciavano iniziative. Puntualmente però, finito il consesso, tutti tornavano a casa e le parole restavano tali. Ma soprattutto si è soffocata la voce del Terzo Mondo. Il G8, ma anche altri organismi internazionali, hanno sempre guardato al cosiddetto Terzo Mondo con sguardi superficiali e con discorsi paternalistici, impedendo ai Paesi che lo compongono di parlare e di decidere del proprio futuro.
Ma quello che non hanno fatto (e mai faranno!!!!!) i Capi di Stato lo ha fatto un bancario di una sessantina d'anni di Torino. Ernesto Olivero, questo il suo nome, due anni fa ha riunito nella centralissima Piazza S. Carlo di Torino 100mila giovani. Insieme a loro ha realizzato quello che è stato definito "il G8 alla rovescia". In quell'occasione i "grandi della Terra", gli adulti, si sono messi da parte per ascoltare. Hanno lasciato parlare i protagonisti di un futuro migliore che parta dall'oggi e da ognuno di noi. In quell'occasione fu redatta la Carta, manifesto del loro impegno e della loro speranza per la costruzione della "civiltà dell'amore". L'Abbé Pierre, 50 anni fa, nel momento in cui con l'appello di Radio Lussemburgo costruiva il primo mattone della futura Comunità di Emmaus, usò il termine "collera dell'Amore". I giovani del Sermig oggi hanno preso il testimone dell'Abbé e vogliono dimostrare ai grandi, agli adulti, che non è vero che non hanno valori. Vogliono prendere in mano il loro futuro e costruirlo sui cammini e sulle rotte dell'Amore e della Pace. Leggo sul sito http://www.korazym.org "I giovani chiedono un mondo nel quale valori di fraternità e rispetto siano alla base di ogni rapporto; un mondo in cui loro stessi siano artefici della pace e che non permetta all’indifferenza di annientare segni di giustizia. In un mondo dove terrorismo, armi e odio sembrano farla da padroni i giovani dicono ai “grandi” che loro scelgono la via del dialogo come soluzione ai conflitti e chiave per la convivenza rispettosa tra i popoli… perché “la pace vincerà se dialoghiamo”!

Il dialogo ci espone in prima persona contro pregiudizi e barriere ed è realmente possibile solo se ognuno accetta di mettersi in gioco e, magari, di cambiare qualcuna delle proprie idee trovando un punto d’incontro con gli altri. Il II appuntamento Mondiale dei Giovani della pace, incontro biennale, non è solo occasione per gridare un fermo “no” alla guerra, ma anche, e soprattutto, momento per confrontarsi e crescere nella convinzione di una quotidianità nutrita dalla pace concreta, fatta di solidarietà, compassione (nel senso vero del termine, “portare insieme”), perdono e amore. Il Sermig pone tutto ciò alla base del proprio credo e vuole che i giovani, tutti i giovani, ne diventino consapevoli; lo slogan che la fraternità fondata da Ernesto Olivero grida a questo mondo assetato di giustizia è: “Giovane, il futuro sei tu"! Tu, giovane, che ti interessi di economia, ecologia, solidarietà, politica, medicina, insegnamento, religione, scienza, tecnologia… "
Con questo progetto e questi forti ideali nel cuore l'evento, che si svolgerà il 3 ottobre, è stato presentato ad Asti, dove quest'anno sarà realizzato tra Piazza del Palio, Piazza Siri e le vie limitrofe. La presentazione, avvenuta il 23 giugno, si è conclusa con le parole di Ernesto Olivero. "è molto più facile dire “no” alla guerra, anziché “sì” alla pace, ma non per questo ci si scoraggia: “vogliamo far in modo che la parola chiave, “dialogo”, entri nell'economia, nella disabilità, nelle malattie, entri nell'industria, entri nella politica. Ma il dialogo avviene solo se sedendomi attorno ad un tavolo sono pronto a cambiare idea" e così si dà avvio a una “rivoluzione d'amore, in cui tutti possono trovare gli strumenti per una maggior vita."
Queste parole sono la maniera migliore per esprimere le intenzioni con le quali l'Appuntamento è stato realizzato, quasi un manifesto d'intenti programmatico. Un manifesto di Pace.

Note:

Note:
Per seguire l'appuntamento dei giovani del Sermig si può andare sul loro sito, http://www.giovaniepace.org. Qui si possono trovare tutte le informazioni relative alla giornata del 3 ottobre e all'opera di Pace del Sermig.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)