Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
Comunicato di PeaceLink

E' stato ucciso in Iraq il giornalista Enzo Baldoni: lo ricorderemo come uomo di pace

Enzo Baldoni scriveva su Diario e Linus. Aveva cominciato la sua attivita' nel 1996 incontrando il subcomandante messicano Marcos in Chiapas; era poi andato in Birmania a Timor est e in altre aree calde del mondo. La barbara esercuzione è stata rivendicata dall'organizzazione "Esercito islamico".
27 agosto 2004 - Alessandro Marescotti

Esprimiamo il nostro più profondo dolore per l'uccisione del giornalista Enzo Baldoni.

Esprimiamo questo dolore alla famiglia e in particolare ai figli, la cui limpida testimonianza è negli occhi e nel cuore di tutti noi.

Avevano detto: "Enzo Baldoni è in Iraq da uomo di pace oltre che come giornalista. Pensava di salvare vite umane a Najaf".

Infatti pochi giorni prima di essere rapito aveva preso contatti con Emergency. Enzo Baldoni con Mohamed

Raccontano i redattori di Diario, il giornale per cui scriveva: "A Emergency stava chiedendo aiuto per operare Mohammed, un iracheno che, mentre accompagnava la moglie a partorire in autoambulanza, era stato colpito da un carrarmato americano. La moglie e il bambino erano morti. Enzo è stato rapito mentre stava tornando a Baghdad per accompagnare Mohammed all'ospedale di Emergency a Sulaymania".

Avvertiamo sdegno per la barbaria dimostrata da terroristi che non rappresentano il popolo iracheno o l'Islam ma solo la barbarie più cieca.

Hanno ucciso una persona libera, un giornalista non inquadrato.
Sale così a 39 il numero dei giornalisti e degli operatori dell'informazione che hanno perso la vita dall'inizio della guerra in Iraq. (1)

Enzo Baldoni scriveva anche su Linus. Aveva cominciato la sua attivita' nel 1996 incontrando il subcomandante messicano Marcos in Chiapas; era poi andato in Birmania a Timor est e in altre aree calde del mondo.

E' stato quindi quindi ucciso un uomo che univa alla passione per l'informazione freelance anche una coscienza civile e umana fuori dal comune.

E' forse per questo che, nei giorni successivi al suo rapimento, egli è stato oggetto di attacchi inqualificabili da parte di altri giornalisti che hanno qualità completamente differenti. (Cfr. http://bellaciao.org/it/article.php3?id_article=5219)

L'organizzazione terroristica "Esercito islamico" che lo ha rapito e ucciso ha dichiarato: "Lo abbiamo ucciso per il mancato ritiro delle truppe italiane dall'Iraq".

Chiedere oggi il ritiro delle truppe italiane non significa assolutamente cedere alle ragioni di questi terroristi o addirittura approvare il loro gesto.

Significa solo constatare che è completamente fallita la "ragione ufficiale" della missione militare italiana in Iraq.

In un'intervista al New York Times di oggi, Bush ammesso di aver sbagliato calcoli sul dopo-guerra; ha detto che questi 17 mesi di disordini e ribellioni sono stati una "conseguenza non voluta" della "rapida vittoria" contro l'esercito di Saddam Hussein. "Bush non voluto però fornire ulteriori dettagli su cosa sia andato storto nell'occupazione dell'Iraq", si legge sull'Ansa.

Ormai occorre dire le cose come stanno. Non vi è più alcuna condizione di sicurezza per aiutare i civili o per fare informazione libera, c'è solo la guerra ed è guerra (e non missione umanitaria) quella in cui è invischiato il contingente italiano. Se viene ucciso persino un uomo di pace che stava cercando di salvare degli iracheni significa che l'obiettivo sicurezza è stato clamorosamente mancato o è una pura finzione. Il governo italiano è in Iraq per salvare i contratti petroliferi e delle aziende che lucrano per la ricostruzione. Il governo italiano sostiene di essere lì su richiesta del goveno iracheno designato dall'Onu. Ma il governo iracheno è stato designato di fatto dagli Stati Uniti tanto che l'inviato Onu si è dimesso per protesta contro le interferenze, sbattendo la porta... (2)

Siamo in presenza di una recita di cattiva qualità fatta per i pochi telespettatori che ci credono ancora.

Di diversa pasta era Enzo Baldoni. Portava in Iraq la faccia disinteressata e generosa dell'Italia. Un'Italia che vuole la pace e chiede informazione onesta, che è stufa delle bugie e delle ipocrizie.

A Enzo Baldoni PeaceLink ha dedicato l'editoriale, pubblicando ciò che ha scritto prima di partire per l'Iraq. (3)

Lo ricorderemo.

Note:

(1) Reporter senza Frontiere http://www.rsf.org (sito in inglese)
(2) Cfr. http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_5512.html
(3) http://italy.peacelink.org/editoriale/articles/art_6561.html

---
Sul sito di Linus http://www.linus.net è stato aperto un blog con i messaggi per ricordare Enzo Baldoni. E' molto bello e ognuno può scrivere qualcosa.

Anche sul sito di Diario è stato attivato uno spazio per i commenti e i ricordi.
Il sito di Diario (http://www.diario.it) è in queste ore quasi bloccato per quanti sono i contatti. Segnaliamo comunque l'e-mail: direttore@diario.it

Il blog di Enzo Baldoni dall'Irak: http://bloghdad.splinder.com
Questo è l'e-mail del blog di Enzo Baldoni: zonker@zonker.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)