Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Con Carlo Jean il Sisde gestiva l'attività nucleare italiana?

    Saluggia: la contaminazione da liquidi radioattivi continua a preoccupare.

    Le provincie di Asti, Alessandria e Vercelli si incontrano per parlare delle contaminazioni radioattive dovute alle perdite di liquido dalla piscina Eurex di Saluggia. Intanto alla Camera viene avanzata un'interpellanza con l'intento di tutelare il generale Jean dalle sue responsabilità.
    7 luglio 2007 - Enrico Miceli
  • Asti: Galvagno rieletto sindaco

    Dopo aver inquinato (nel '96)le falde acquifere della città e aver permesso lo smaltimento illegale di rifiuti tossici, l'ex deputato di Forza Italia ha puntato tutto su un programma ambientalista. Ci sarà da fidarsi? Bisognerà vigilare.
    11 giugno 2007 - Enrico Miceli
  • Asti: Il Male invisibile, sempre più visibile

    La presenza militare sul territorio italiano vista come tumore sociale che genera tumori reali, in Italia e nel Mondo.
    4 febbraio 2005
  • Le parole di Ernesto Olivero ai giovani
    "La Pace vincerà se dialoghiamo"

    Le parole di Ernesto Olivero ai giovani

    Il fondatore del Sermig scrive agli attori del prossimo appuntamento dei Giovani della Pace.
    16 agosto 2004 - Alessio Di Florio
Mondiale dei Giovani della Pace del Sermig

Il G8 alla rovescia, la parola agli 8G

Otto Giovani, otto testimonianze forti dei giovani del mondo. Il 2° Appuntamento Mondiale dei Giovani della Pace (Asti, 3 ottobre) si chiude all'insegna dell'ascolto e della riflessione.
E i giovani ripartono con l'invito ad impegnarsi.
6 ottobre 2004 - Testimonianze dall'8G (Il G8 alla rovescia dei Giovani)
Fonte: sito ufficiale dei Giovani della Pace http://www.giovanipace.org - 03 ottobre 2004

Un G8 alla rovescia... un 8G: testimonianze di 8 giovani. Momento chiave del pomeriggio ha fatto riflettere grandi e piccoli sulle più diverse problematiche che investono tanti Paesi: povertà, guerra, odio e indifferenza, disoccupazione, annullamento dell'identità personale, traffico di bambini e di ragazze...
Ad aprire il dialogo delle coscienze è la lettura di una lettera di Alina, 14 anni, che ha vissuto sulla propria pelle gli eventi del 1° settembre a Beslan (Ossezia): "Quel giorno c'ero anch'io, non potevo credere che fosse vero... Guardo e vedo i terroristi, tutti con la barba... Dopo due o tre ore hanno ammazzato un uomo... lì c'erano i suoi figli... Avevo paura quando i terroristi prendevano un'altra vittima...". Ma la ragazzina è stata scaldata dal calore di tutte quelle persone che si sono strette attorno al suo popolo, in mille modi: "Credo che al mondo ci siano più persone buone che cattive... Il 1° ottobre ho incontrato il Santo Padre e per questo ho dimenticato già tanto dolore".

Prisca


Prisca, dal Nord Uganda: "Vorrei chiedere perdono a tutti i bambini del mondo per il male che stiamo facendo loro; chiedo ancora scusa a coloro che sono qui oggi perché racconterò una storia cruda, terribile...". La ragazza introduce così la sua storia, simile a quella di altre mille e mille ragazze ugandesi: povertà e paura, fame e violenze... per poi affacciarsi a narrare di 20.000 bambini rapiti dai guerriglieri del sud del Sudan per essere addestrati a combattere. Bambini soldato, "bambini che diventano carne da macello... per cui la vita è solo un lungo calvario". Il popolo ugandese è stremato: "Non abbiam neppure più la forza di piangere". Al termine lancia un grido: "E' ora di denunciare gli abusi... L'Africa ha bisogno di essere salvata non crocifissa!".

Dorinda


Dorinda, 19 anni, da 4 colpita da una malattia genetica lotta contro l'indifferenza, il facile pietismo e i pregiudizi e chiede a tutti che si uniscano a lei: "Sono stufa di esser etichettata... Ho capito che devo togliermi prima io questa etichetta per farla togliere a voi!".

Gabriel


Gabriel è un laureando in medicina a Torino proveniente dal Camerun: "Il sistema sanitario nel mio Paese è quasi inesistente e la malaria uccide facilmente i bambini e le donne incinte infettano i bambini... Il Camerun non ha industrie farmaceutiche... Io sono cresciuto in quell'ambiente insopportabile e così ho deciso di aiutarlo studiando medicina...".

Zana


Zana si è presentata sul palco indossando un vestito con i colori del suo Paese: l'Albania. Vuole sfatare i luoghi comuni e raccontare una realtà che i media difficilmente conoscono e trasmettono: i ragazzi reclusi in casa per patti di vendetta ("la parola vendetta è stampata in tanti cuori albanesi"), giovani che non possono neppure studiare. "L'Albania non è tutta negativa... io conosco anche elementi di forza... Ci sono ragazze che non hanno voluto vendere il proprio corpo e la propria identità... don Giosy Cento ha scritto per loro una canzone: Dio ti faccia tornare su ali d'aquila".

Paolo


Paolo è un ragazzo di Biella che vuole parlare ai suoi coetanei e a tutta la gente convenuta ad Asti dei falsi miti in cui si rischia di incappare ogni giorno: bisogna, invece, aggrapparsi alle cose vere, autentiche. "Ognuno di noi ricerca consciamente o no la felicità... e il ragazzo occidentale in questa ricerca trova enormi difficoltà... Ogni giorno in TV vediamo mille miti: il mito del fisico, della bellezza, del possesso e della ricchezza... il mito che ci fa avere ma non essere...". A questo punto occorre capovolgere il ragionamento e dimostrare le potenzialità positive che ogni giovane porta con sé per costruire un pezzo di mondo migliore: "Solo perché valiamo allora serviamo! Io rivendico tre libertà: libertà di sognare, di pensare e di amare. La mia ricerca vuole essere diventare maestro d'amore!".

Dana


Dana, 26 anni, rumena: "Avevo coltivato tante speranze per il mio futuro... ma di colpo ho dovuto guardare in faccia la realtà... Il sistema ci ferma... non interessano i nostri sogni". I suoi sogni devono arrestarsi davanti al sistema? "Lì non avevo più futuro... avevo più motivi per partire che per rimanere... non era facile... ma avevo deciso... Ho passato la frontiera a piedi, da sola... Qui sono solo una macchina da lavoro... Nessuno che mi chiede come stai... Sono rimasta la straniera che ero quando sono arrivata...".

Miriam


Miriam, una ragazza somala è giunta in Italia per lavorare, per trovare la pace ed essere felice. "In Somalia c'è la guerra: somali contro somali. Siamo scappati tante volte... ogni giorno si sentono scoppiare bombe e una è caduta pure sulla mia casa: mia sorella di 12 anni è rimasta paralizzata e avrebbe bisogno di essere operata".




PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)