Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare
    Saranno mostrate ai giornalisti le compresse di ioduro di potassio in caso di incidente atomico distribuite gratuitamente nelle farmacie di Bruxelles

    Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare

    Abbiamo tradotto i punti salienti dell'opuscolo belga. Domani questo opuscolo sarà presentato a Taranto in una conferenza stampa sul rischio nucleare collegato al transito di unità militari a propulsione nucleare, essendo Taranto un porto soggetto a tale eventualità.
    26 marzo 2018 - Associazione PeaceLink
  • Ora liberateci dal MUOS

    Ora liberateci dal MUOS

    8/14 luglio:prima settimana dell'estate di lotta contro la militarizzazione della Sicilia
    8 luglio 2013 - Coordinamento regionale dei comitati No MUOS
  • Italia a rischio

    Al referendum con 2 reattori nucleari USA nel Golfo di Napoli

    Alla vigilia del referendum approda nel Golfo di Napoli la portaerei "George Bush" a propulsione nucleare: due reattori da 194 MW e un'infinità di missili cruise all'uranio impoverito. I porti italiani sempre più a rischio atomico...
    12 giugno 2011 - Antonio Mazzeo
  • Messaggio di solidarietà antinuclear dagli USA
    Messaggio di Michael Mariotte, Direttore Esecutivo, Servizio di informazione e risorse sulla questione nucleare, USA

    Messaggio di solidarietà antinuclear dagli USA

    Il Nuclear Information and Resource Service (NIRS) statunitense appoggia il movimento antinucleare italiano e il referendum del 12/13 giugno per impedire la costruzione di nuovi centrali nucleari in Italia
    8 giugno, 2011
    Michael Mariotte
Dopo sue basi navali, se ne progetta un'altra

Taranto non vuole la terza base navale, questa volta a stelle e strisce

Taranto, geograficamente al centro del Mediterraneo, è ora al centro dei progetti delle future guerre preventive
5 novembre 2004 - Comitato per il No al nucleare e No ad ogni ulteriore insediamento militare

Un volantinaggio ha avviato la campagna di pubblicizzazione dell’imminente convegno Contro la nuova base Usa a Taranto. Se ne ripropongono i contenuti.
Il logo del comitato dei 2 No a Taranto (No al rischio nucleare e a ogni ulteriore presenza militare)


Contro la nuova base Usa a Taranto
mobilitazione nazionale con convegno e manifestazione

A Taranto, dove vi sono già due basi navali - l'ultima inaugurata proprio quest'estate - se ne ipotizza una terza a comando americano. Lanciamo un appello per realizzare a Taranto un Convegno per il prossimo 20 novembre e subito dopo una Manifestazione nazionale.

La strategia politico economica americana che mira al controllo mondiale assegna all'Italia un ruolo di alleato fedele. Il nostro Paese ha fatto propria l'opzione bellica presentandosi come "paladino della pace e della democrazia". Per consolidare questo disegno, il processo di militarizzazione e la condizione di sudditanza nei confronti degli USA devono essere rafforzate.
La Puglia, regione meridionale protesa verso il medio-oriente, costantemente alla ricerca dello sviluppo socioeconomico, è il territorio ideale per la funzione di "sentinella degli interessi economici, della cultura e dei valori" dei paesi imperialisti occidentali.
In questo quadro Taranto sta diventando il nuovo avamposto bellico assumendo il ruolo di nuovo cardine della militarizzazione europea, sentinella della guerra preventiva. A Taranto, dove vi sono già due basi navali - l'ultima inaugurata proprio quest'estate - se ne ipotizza una terza di supporto logistico, tutta a stelle e strisce. Documenti ufficiali delineano il trasferimento del comando della VI Flotta Usa - dotata di mezzi a propulsione nucleare - da Gaeta a Taranto.
Sono in corso accordi per l'attracco di navi Usa nel porto commerciale (1° e 3° sporgente).
Taranto viene pertanto chiusa (strozzata) sempre più da rilevanti insediamenti militari.
Da molti mesi sorge un'antenna molto alta nell'isola di San Pietro, la più grande delle due isole Cheradi che collega la base navale italiana con la centrale Usa di San Diego in California. "Il Mondo" del 13 febbraio 2004, ha scritto: la nuova base navale di Taranto "potrebbe includere anche il centro di ascolto, ora a San Vito dei Normanni, che rientra nella rete Echelon".
La nuova Base di Chiapparo viene definita "porto militare utilizzabile da tutte le marinerie, NATO e non" nonché "deposito USA e NATO". Non siamo quindi in presenza di una Base esclusivamente italiana ma di un insediamento inserito, mediante il sistema C4i del Pentagono, nella sfera di influenza americana.
Taranto diventa la più grande base militare navale per il controllo del Mediterraneo, dei Balcani, del Medio Oriente, per le missioni di guerra contro i popoli, per imporre sfruttamento e predazione.
Una città di guerra è anche città a rischio nucleare. Taranto è già attrezzata per accogliere navi e sommergibili a propulsione nucleare; e tali presenze comporteranno dispersione di radioattività;
Taranto ha visto un grave incremento dei casi di tumore; non ha un serio piano di emergenza nucleare; non crescerà economicamente con la presenza di ulteriori insediamenti militari; rischia di perdere anche la mitilicoltura. E' assolutamente falso che tutto questo porterà nuova occupazione e sviluppo economico: pochi si arricchiranno, mentre i lavoratori, i giovani e la intera popolazione subiranno soltanto aumenti del costo della vita, maggiore precarietà lavorativa, flessione delle iniziative produttive, gli stessi posti di lavoro dell'Arsenale Militare potrebbero essere smantellati.
Il rafforzamento della presenza militare porterà poi un più alto, diffuso e capillare controllo sociale della zona (per proteggerci dal terrorismo, ci diranno). Nei fatti diminuiranno gli spazi democratici in tutti i settori della vita sociale, culturale, economica.
Per tutto questo la realizzazione della terza Base non può e non deve avvenire nel silenzio.
Taranto non è un problema solo locale, ma anche nazionale.
Facciamo appello a donne, uomini, giovani, anziani, lavoratori, tutti i cittadini di Taranto, alle forze sociali, politiche e sindacali, strutture ed associazioni di base e autorganizzate locali e nazionali a partecipare a Taranto al Convegno del 20 novembre e alla Manifestazione nazionale che seguirà.

Note:

Per contatti: giovannimatichecchia@libero.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)