Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • "Lei ama la guerra?"
    Una lettura utile ai tempi di Trump

    "Lei ama la guerra?"

    Emilio Lussu sulla guerra
    14 aprile 2018
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Cartesio contro la guerra
    Il grande filosofo e matematico

    Cartesio contro la guerra

    Affermò nel XVII secolo: "Chi vede come noi uomini siamo fatti e pensa che la guerra è bella o che valga più della pace è storpio di mente".
    1 aprile 2018 - Alessandro Marescotti

Forum del Movimento Contro la Guerra

Firenze 25/26/27 Febbraio
25 febbraio 2005

Forum del Movimento Contro la Guerra

Firenze 25/26/27 Febbraio
Facoltà di Architettura
P.za Ghiberti 27

Presentazione:

Forum del Movimento contro la Guerra

Il Forum del Movimento contro la guerra si pone la finalità di rafforzare il movimento per la pace, contro gli assetti di potere e le politiche economiche che sostengono la guerra, facilitando il passaggio a una fase nuova di campagne locali e nazionali, di costruzione di reti, di coordinamento di lotte reali e vertenze. I lavori del Forum vogliono coinvolgere le realtà diffuse, le esperienze di base locali e le realtà nazionali, singole e singoli, interessate/i all’approfondimento e alla partecipazione.

I presupposti di ricerca di unità da valorizzare nello svolgimento del Forum sono inseparabili da quelli di radicalità.

Il Forum del Movimento contro la guerra si pone anche l’obiettivo di esprimersi con una posizione di estrema chiarezza sulla guerra preventiva e permanente, sul ritiro di tutte le forze di occupazione dall’Iraq e dalla Palestina, sulla ricerca e attuazione di processi di pace nelle aree di conflitto dell’Africa, dell’America Latina, dell’Asia, del Caucaso…, sulle violazioni e sulle minacce di aggressione che incombono su tante aree e tanti popoli, sui diritti delle minoranze oppresse.

Una strategia di pace che sia un’uscita risolutiva dal sistema di guerra e da ogni forma di militarizzazione del territorio e delle relazioni internazionali, che costruisca un’alternativa concreta, basata sulla diplomazia dal basso, sull’interposizione non violenta, sulla cooperazione e convivenza tra i popoli.

Il Forum del Movimento contro la guerra
promosso dal
COMITATO FIORENTINO FERMIAMO LA GUERRA
e dal
TAVOLO BASTAGUERRA NAZIONALE DEL FORUM SOCIALE EUROPEO
in collaborazione con
esperti, espressioni pacifiste ed antimilitariste, giornalisti, giuristi, economisti, docenti, parlamentari e rappresentanti di istituzioni che si siano dichiarati incondizionatamente contro la guerra ed impegnati in tal senso.

Programma:

VENERDI’ 25 FEBBRAIO

ore 15

  • Registrazioni presenze
  • Informazioni logistiche, di accoglienza e per gli alloggi

ore 16/16,30

  • Presentazione del Forum del Movimento contro la guerra
  • Organizzazione dei lavori (plenarie, sessioni tematiche, attività collaterali di coinvolgimento)
  • Programma
  • Obiettivi
  • Prime proposte per percorsi successivi agli esiti del Forum

ore 16,30

Interventi in plenaria di:

  • Esperienze dirette nelle aree di conflitto, dove sono in atto aggressioni militari, repressioni, violazioni del diritto internazionale
  • Espressioni della resistenza popolare e delle lotte di liberazione; movimenti del pacifismo internazionale

Interverranno:

  • LAMA AA ALSHARIF
    Palestinian Working Women Society Development (PWWSD)
  • MARIAM RAWI
    Associazione Rivoluzionaria Donne dell’Afghanistan (RAWA)
  • JOSEPH MUMBERE
    Prete Comboniano Congolese
  • MARIO MARTINEZ
    Associazione Colombiana Campesina Valle del Rio Cimitarra
  • Delegazione di TRE SINDACI del KURDISTAN Turco
  • SLAVICA STJANOVIC (Donne in nero - Belgrado, Serbia)
    JADRANKA MILICEVIC (Donne in nero - Sarajevo, Bosnia)
    Organizzazione Zene Zenama

Saluto di:

  • NGAWANG SANGDROL
    monaca tibetana
  • MARIO LUZI
    Senatore a vita

ore 21

  • Incontri specifici per le singole aree di conflitto.

SABATO 26 FEBBRAIO

ore 9,30

  • Plenaria per la Formazione dei gruppi delle Sessioni Tematiche

ore 10,30/13,30 - 15/17

  • SESSIONI TEMATICHE
    svolgimento del lavoro nelle due mezze giornate del sabato con produzione finale di testi/resoconti che contengano risposte ed impegni di iniziativa politica sugli argomenti sviluppati, quali esiti del confronto e delle elaborazione complessive di ogni gruppo, da rappresentare, insieme a proposte di campagne, di apertura di vertenze nei territori, di costruzione di reti, ecc. nell’assemblea plenaria della domenica mattina. Ogni gruppo si assegna uno o due coordinatori, per consentire un efficace uso della partecipazione.

ore 17

  • Assemblea plenaria sulla guerra in Iraq
    Introduce: Fabio Alberti (Presidente di "Un ponte per...")

ore 21

  • Riunione Coordinamento Rete VIALEBASI (presso la sede dell'Associazione Aurora, Via de Macci 11)

ore 22

  • iniziative di incontro / festa ….


DOMENICA 27 FEBBRAIO

ore 10

  • Resoconti dei gruppi di lavoro nelle Sessioni Tematiche
  • Interventi (tra gli altri: EFIA NWANGAZA - United for peace and justice; NOT IN OUR NAME (U.S.A.))
  • Proposta di risoluzione finale di sintesi che fissi obiettivi, priorità, scadenze per determinare incidenza e ampiezza di coinvolgimento dell’azione del Movimento contro la Guerra, attraverso un lavoro coordinato delle associazioni, delle reti e delle realtà di base, per iniziative e attività volte alla costruzione di politiche di pace.

I documenti conclusivi del Forum saranno diffusi nel movimento ed utilizzati in scuole, sedi istituzionali, ecc...

Sessioni tematiche:

1) LA GUERRA NELL’ECONOMIA NEOLIBERISTA E LE POLITICHE DI PACE

  • la funzione economica della guerra;
  • produzioni/ profitti di guerra; costi umani, sociali, culturali; devastazioni ambientali;
  • attacco alla democrazia e ai diritti; esaltazione dei comportamenti razzisti.
  • il ruolo degli organismi internazionali (WTO, FMI, Banca Mondiale, ONU, ecc.);
  • una politica di pace per una diversa distribuzione delle risorse e un nuovo ordine internazionale antiliberista;

2) LE AREE DI CONFLITTO

  • scenari (uranio, tortura, deportazioni…..) e cultura di guerra; repressione;
  • azioni terroristiche;
  • iniziative di sostegno alla resistenza popolare;
  • processi di pace, attività umanitarie, cultura della convivenza;

3) DAL SISTEMA DI GUERRA ALLE POLITICHE DI DISARMO

  • la nuova NATO, i nuovi modelli di difesa e l’esercito europeo;
  • i nuovi sistemi d’arma, questione nucleare e scudo spaziale;
  • la privatizzazione della guerra ed eserciti privati;
  • ritiro di ogni presenza militare di occupazione;
  • disarmo, riconversione dell’industria bellica, controllo del commercio delle armi;
  • riconversione a uso civile delle basi e di ogni territorio militarizzato;
  • iniziative del movimento: campagne, pratiche di lotta, vertenze nei territori;

4) DONNE, UOMINI, BAMBINE/I IN FUGA DALLE GUERRE

  • profughi di guerra, diritto d’asilo, abolizione dei CPT;
  • ruolo delle organizzazioni umanitarie nelle zone di guerra;
  • legislazione e diritti di cittadinanza per migranti e profughi;
  • alternative di accoglienza e politiche di meticciato sociale e culturale.

5) INFORMAZIONE DI GUERRA, MASSMEDIA E ORGANIZZAZIONE DEL CONSENSO

  • giornalisti al seguito delle "missioni militari";
  • uso dei mass media per creare consenso e paura;
  • ruolo delle Corti di giustizia sui crimini di guerra;
  • ruolo della stampa democratica;
  • attività di diffusione della stampa di pace.

www.forumdelmovimentocontrolaguerra.net

per informazioni:

info@forumdelmovimentocontrolaguerra.net

per iscrizioni, adesioni e ospitalità:

iscrizioni@forumdelmovimentocontrolaguerra.net

per invio materiali di documentazione:

contributi@forumdelmovimentocontrolaguerra.net

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)